Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

E se alla Brexit gli inglesi dicessero realmente sì?

Brexit” deriva dalla fusione delle parole “Britain” e “exit” e si riferisce alla possibile uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Brexit” deriva dalla fusione delle parole “Britain” e “exit” e si riferisce alla possibile uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

Da settimane, è questo il tema più dibattuto non solo dalla stampa britannica. Sarà il 23 giungo 2016 la giornata in cui la popolazione inglese prenderà una decisione fondamentale per il futuro della propria nazione: restare o abbandonare l’Unione Europea.

Certo, non si tratta di una questione dalle semplici sfumature, né di un momento storico privo di tensioni e di spaccature all’interno del governo. David Cameron, il quale, vedendo approvate le riforme da lui avanzate, è ora uno dei principali portavoce della “In campain”, ha infatti recentemente ridicolizzato il sindaco di Londra, Boris Johnson, che si è schierato al fianco di Michael Gove, dando testa al Primo ministro.

Pubblicità
Pubblicità

Iain Duncan Smith, il Segretario di Stato per il lavoro, ha invece lanciato diverse accuse contro la scarsa fiducia nutrita sempre da Cameron nei confronti del potenziale britannico, ritenuto da egli incapace di affrontare le minacce che si verrebbero a creare in caso di un’uscita definitiva. Secondo il parere di Duncan Smith, è sbagliato dimenticare che l’Inghilterra, già detentrice di uno statuto speciale all’interno dell’Unione, riveste tutt’oggi il ruolo di una delle maggiori potenze al mondo, capace di rialzarsi e di riprendere il cammino di fronte a qualsiasi tipo di cambiamento. Si potrebbero aprire nuove avvincenti strade, quale l’adesione all’“European Single Market” e un incremento della protezione di fronte alla minaccia terrorista.

Per far fronte all’incertezza che caratterizza il domani dell’Inghilterra, sono state sviluppate diverse previsioni nel caso di una reale Brexit. Nonostante alcuni orizzonti positivi, gli economisti rimangono scettici, fermi sulla convinzione che gli scambi commerciali con le potenze europee andrebbero a deteriorarsi, influenzando negativamente gli investimenti esteri e quindi il livello di competitività e di progresso. Vari scenari sono stati proposti, affinché la paura di un salto nel vuoto possa essere esorcizzata.

Una possibilità vede un Regno Unito in crescita, sia dal punto di vista economico che sociale. In questo caso, le politiche immigratorie non dovrebbero minare la libertà di movimento dei membri dell’Unione Europea, i soldi risparmiati dalle imposte dell’Unione dovrebbero venire investiti nel settore pubblico, il libero commercio dovrebbe trionfare e nuovi rapporti commerciali dovrebbero instituirsi senza dimenticare che il mercato unico europeo continua ad essere il principale partner economico dell’Inghilterra.

Pubblicità
Pubblicità

Un’altra ipotesi gettonata si basa sul presupposto di avere a che fare con un’Inghilterra debole, che senza il sostegno europeo sarebbe pronta ad affondare. Limitando il numero di immigrati, la libertà di movimento e gli accordi commerciali, si andrebbe di conseguenza a sbattere contro un’onda di depressione economica e finanziaria, che porterebbe ad una riduzione di consumi e di investimenti esteri. Le soluzioni implicherebbero un drastico aumento delle imposte o un taglio alle spese pubbliche, tutti fattori che minerebbero agli standard di vita dei singoli cittadini.

Una via di mezzo è rappresentata da una visione meno distopica ma più ottimista. Il Regno Unito, dopo una prima fase di instabilità e di incertezza che causerebbero un freno agli investimenti e alla produttività, non incontrerebbe né troppi vantaggi né troppe minacce al di fuori dell’Unione, facendo sì che il prestigio britannico rimanga intatto. La lacerazione di alcune relazioni con i membri dell’Unione verrebbe compensata da nuovi partner economici, come il Brasile, la Cina e l’India. Tutto starà nell’abilità di virare verso gli accordi più redditizi, cercando di focalizzarsi sull’importazione di prodotti di qualità.

Indipendentemente da queste anticipazioni, un cambiamento, seppure temporaneo, sembra essere inevitabile. Il campo della ricerca scientifica, largamente sostenuto dai fondi europei, ne risentirebbe molto, dal momento che il 3,3% dei ricercatori operano in terra inglese e molti di loro sono stranieri.

L’agricoltura e i progetti ecologici dovrebbero rinunciare a numerosi sussidi elargiti dalla “Common Agricultural Policy”. Inoltre, l’Inghilterra verrebbe esonerata dal privilegio che dovrebbe concretizzarsi entro il 2017, secondo il quale in Europa, al di fuori del proprio paese, sarà possibile utilizzare la telefonia mobile senza costi aggiuntivi. Per non parlare dei circa due milioni di inglesi espatriati in altri stati europei, che dovrebbero rinunciare a molte agevolazioni in materia di sanità e di pensioni di cui godono oggi. Anche i programmi di studio ne soffrirebbero, come ad esempio il progetto Erasmus, patrocinato e finanziato dall’Unione.

Lungi dall’adottare una linea semplicista, la “Leave campain” fatica ad accorgersi degli effettivi rischi che la potenza britannica potrebbe incontrare. Infatti, risulta difficile credere che la City possa comunque restare il maggior centro finanziario dell’Europa, grazie al quale sono maturati circa un milione di posti di impiego. E se fosse invece la Gran Bretagna ad aver bisogno dell’Europa?

E le perplessità non smettono di accrescere, mettendo a repentaglio le fondamenta della Brexit e la validità dei modelli di mercato dell’”European Economic Area” (EEA) e del “Free Trade Agreement” (FTA), lasciando che sia il Regno Unito a decidere per il proprio futuro e per un possibile nuovo assetto dell’Unione Europea.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro2 minuti fa

Auto finisce fuori stada rimandendo un bilico sul ciglio della rampa

Val di Non – Sole – Paganella19 minuti fa

Brindisi, sorrisi e musica per i coscritti 70enni di Predaia

Trento2 ore fa

Aggressione Martina Loss, la solidarietà e la condanna del mondo politico

Trento3 ore fa

Le previsioni di Meteotrentino indicano probabilità media di temporali intensi con grandine

Trento3 ore fa

Consorzio B.I.M. dell’Adige: questa mattina la presentazione del progetto «L’acqua e i giovani»

Trento3 ore fa

Coronavirus: 218 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Piana Rotaliana3 ore fa

Lavis incontra Prijedor, città della Bosnia-Erzegovina

Trento3 ore fa

Farmacie comunali: nel 2021 un utile netto di 1,28 milioni di euro

Giudicarie e Rendena4 ore fa

E’ morto Annibale Bianchi, originario di Lardaro: aveva partecipato al raduno degli Schutzen in Passiria

Trento4 ore fa

Assicurazione, il rimborso dei costi esteso alle associazioni di promozione sociale

Italia ed estero4 ore fa

Università Bocconi di Milano: come si accede a questo prestigioso ateneo?

Trento4 ore fa

Sabato 28 il convegno distrettuale del Vigili del fuoco volontari di Gardolo

Trento4 ore fa

La seduta con il consiglio provinciale giovanile, Fugatti: “I giovani sono il futuro del Trentino e dell’Europa”

Trento4 ore fa

“Ci pensiamo noi”: presentati in Consiglio provinciale i progetti degli studenti di tre istituti

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

Operaio ustionato in volto da un ritorno di fiamma: incidente sul lavoro a Romeno

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Politica4 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Trento2 settimane fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Telescopio Universitario4 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento4 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

In fiamme un camioncino nel parcheggio del Rovercenter – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

Consiglio straordinario il 16 maggio per la comunicazione sull’A22

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza