Connect with us
Pubblicità

Trento

Il caso assurdo del Sig. Schmidt

Pubblicato

-

Dall’1 gennaio dello scorso anno nei Comuni della Provincia Autonoma di Trento, al posto di IMU e TASI, è entrata in vigore una nuova imposta: l’IMIS, l’imposta immobiliare semplice, dovuta dalla persona fisica o giuridica, titolare di diritto reale di proprietà, usufrutto, uso, abitazione superficie ed enfiteusi.

Ok, un’imposta come tante che, piaccia o non piaccia, i trentini sono costretti a pagare. Questa da aggiungere a tutte le altre. Ma ci sono casi, però, che l’IMIS ha generato dei paradossi critici, come quello di cui è vittima un contadino di 86 anni di Spini di Gardolo, di nome Enrico Schmidt.

La sua storia – che vi farà alzare dalla sedia per la rabbia – è stata raccontata da un quotidiano locale e noi della Voce del Trentino, tramite la nostra collaboratrice Gabriella Maffioletti, lo abbiamo raggiunto al telefono.

Pubblicità
Pubblicità

In sintesi, l’uomo, nel corso della sua lunga vita, mettendo per la prima volta gli stivali sul terreno nel lontano 1957, è riuscito ad assicurare una vita dignitosa a sé e ai suoi familiari grazie ai frutti di un appezzamento di terreno di un etto e mezzo che circonda la sua casa.

Fino al dicembre del 2014, ovvero quando è stata introdotta la nuova IMIS dalla finanziaria provinciale, il contadino Schmidt non ha avuto alcun problema. Dopo, invece, il Comune si è affrettato a recapitargli una lettera con cui gli si richiedeva il pagamento della prima rata, da versare entro sei mesi, dall’ammontare di 10.842 euro.

Il motivo? Il terreno da lui coltivato, secondo il piano regolatore cittadino, ha una destinazione industriale e, quindi, anche il povero signor Schmidt, che fino a quella data non aveva pagato nulla, deve pagare l’imposta.

Pubblicità
Pubblicità

Insomma, una botta, considerando la quota annuale di Imis (21.684 euro), i contributi INPS (circa 3.000 euro), in ‘forza’ di una rendita del terreno di 10mila euro e una pensione di 600euro al mese.

Ora, è vero che, negli anni 70, quando si decise di trasformare l’area in cui si trova il terreno del signor Schmidt, lo stesso si era opposto alla possibilità di rivenderlo a un prezzo alto, in quanto voleva che restasse zona agricola, perché un contadino, si sa, alla propria terra – che gli dà vita – ci si affeziona; ma vi sembra giusto che adesso sia costretto a sborsare una cifra così esosa che, all’improvviso, rischia di vanificare i sacrifici di una vita?

Ma andiamo per ordine: la scorsa primavera il signor Enrico si è visto recapitare al proprio domicilio una comunicazione da parte del Comune di Trento riguardante il computo della quota IMIS riferita al proprio possedimento terriero.

Ora , se non fosse stato perché il nostro ancora arzillo cittadino era, in quel momento seduto, avrebbe sicuramente subito un tracollo tanto è stato lo smarrimento nel leggere la cifra: 10.842 euro di Imis prima trance per un totale 21.684 annui , ai quali si deve aggiungere la aliquota  INPS quantificata in 3mila euro.

Possiamo ben capire come possa essere letteralmente crollato adosso a tutta la famiglia del nostro capostipite tutta una serie di preoccupazioni e gravami onerosi soprattutto in  ordine a verificare la congruità di tali abnormi somme.

Specifichiamo, a tal proposito, che non si tratta in questo caso di terreni vitivinicoli di alto pregio in quanto sono insiti nella piana rotaliana  e per giunta in zona definita industriale.

Da quel momento sono iniziati per i famigliari del nostro malcapitato cittadino, tutta una serie di incontri con le varie Istituzioni preposte alla tematica (Coldiretti, Assessore all'urbanistica della provincia Daldoss, Assessore Biasiolli per quanto concerne il Comune e l’Assessore Stanchina ) che dovevano essere prodromi a ricercare in primis risposte sulla questione e in secondo luogo una soluzione congrua a tale incresciosa situazione che rischia di minare profondamente le economie famigliari di un nucleo di coltivatori diretti nati in epoche in cui con la campagna si poteva ancora mantenere decorosamente i propri famigliari. 

Da questi incontri istituzionali sono venuti a  conoscenza della nuova disciplina provinciale in materia che ha stabilito  criteri ben precisi per la classificazione e la quantificazione delle aliquote da applicare per i  coltivatori di “prima” (quale risulta essere il signor Schmidt) ossia di quelli che al pari suo hanno fatto del lavoro per la terra la loro principale attività redditizia.

Per il signor Schmidt e per i suoi famigliari questa nuova disposizione legislativa è divenuta a tutti gli effetti una vera e propria patrimoniale che rischia di produrre dalla sua introduzione in divenire  tutta una serie di effetti domino a caduta!

Ma interessante  riteniamo sia  riportare un sunto di quanto emerso nei vari incontri avuti con le Maestranze sia di settore che di riferimento politico.La Codiretti si è chiamata fuori, scaricando il peso di questa ingiusta tassazione sulla responsabilità legislativa. L'assessore provinciale, incontrato al tempo, ribadiva la  sua volontà di verificare, in sede di finanziaria, la questione ma evidentemente alla luce della nuova legge finanziaria per l'assesto di bilancio pluriennale.  

In ultimo il verbale dei due rispettivi Assessori comunali, assessore  urbanistica Paolo Biasiolli  e assessore alle attività commerciali Roberto Stanchina , che hanno così ritenuto di attivarsi.

Il primo proponendo di fare una richiesta scritta nella quale specificare la natura agricola del podere rinunciando per 10 anni all’opzione edificatoria che  la classificazione della rendita catastale nel PRG inquadra. Diversa la risposta data dall'assessore  Stanchina che pare abbia liquidato sommariamente la questione così : “Ma di che cosa vi lamentate? Avete usufruito fino ad oggi dei benefici di  pagare un IMU irrisoria e siete possessori di una proprietà di oltre un ettaro di terreno, potete sempre vendere dato che oltretutto la vostra proprietà ricade nel quadro della zona espansa a industriale”.

Infatti, e qui sta l'altra “gabola” della “trappola amministrativa”, al tempo vi era una previsione di sviluppo industriale forte che aveva portato il governo della provincia autonoma a trasformare alcune zone prima agricole in industriali ed in questo contesto economico la periferia nord di Trento ha subito tutta una serie di trasformazioni urbanistiche in virtù delle esigenze dettate dal mercato immobiliare e artigianale/industriale momento che ha segnato pesantemente le maggiori speculazioni urbanistiche ai danni del territorio e della sua popolazione.

Ora, proprio in considerazione che la scelta della trasformazione della proprietà del signor Schmidt è stata cagionata da queste scelte dettate dalle logiche di una visione politica “palazzinara e affaristica” crediamo di poter dire senza ombra di smentita, che un genere di risposta così  superficiale e in qualche maniera offensiva per il rispetto del lavoro e della dignità di un nostro anziano concittadino, l'assessore Stanchina se la poteva risparmiare!!

Il nostro cittadino non vuole vendere il proprio terreno perché per lui è tutta la sua vita, la sua principale occupazione e vi è una sorta di reverendo rispetto reciproco tra lui e la sua terra, quasi come fosse una sua creatura da accudire! Ma evidentemente questo genere di governanti ragionano solo con la fredda logica dei calcoli economici, in maniera asettica e fredda, così per fortuna non può essere per la vecchia generazione che ha tutta una serie di  altri valori di radicamento e di rispetto sacrale verso la terra che ha dato loro modo di provvedere alla propria vita e alla crescita della propria famiglia.

In un certo qual modo questo tipo di risposte vanno a detrimento  della normativa che disciplina le regole per la organizzazione ed il funzionamento  delle istituzioni e degli organi e uffici pubblici stabilendo un principio su tutti: “l'amministratore pubblico deve agire nell'amministrazione della cosa pubblica con il principio di prudenzialità di un buon padre di famiglia”.

In questo caso trattandosi di valutare uno status di proprietà privata lasciare al privato che disponga della sua proprietà con una destinazione d'uso per la quale egli la aveva acquistata al tempo dato che egli ha subito solo il cambio destinazione d'uso in PRG.

Ma il conto salato al signor Schmidt, che nella zona degli Spini non è solo ma in buona compagnia e la scrivente già aveva sollevato il problema in Comune nella precedente legislatura tanto da indurmi a raccogliere al tempo una serie di altri casi analoghi al suo che però divergevano solo per il fatto che nei singoli casi per gli altri la attività agricola non era di “prima” lavoro esclusivo ma attività secondaria.

Chiaro che dinanzi a questi casi che sollevano più di un dubbio sulla  legittimità della esigibilità di somme abnormi di tributi che in un certo qual modo rasentano profili di  costituzionalità (in quanto lesivi del pacifico godimento del bene reale posseduto e la inviolabilità della proprietà privata)  nonché forti criticità sui  criteri adottati in casi così dalle Istituzioni preposte alla conduzione della amministrazione pubblica l'approfondimento della materia è un atto dovuto a coloro che di storture  legislative “periscono”.

 

Gabriella Maffioletti

{facebookpopup2}

{jcomments on}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza