Connect with us
Pubblicità

Trento

Delsa dopo il rigetto del ricorso: “Andiamo dritti al Consiglio di Stato”

Nulla di nuovo, ce lo aspettavamo.”, è questo il commento di Delsa al rigetto, da parte del Tar di Trento, del ricorso presentato dal Sindacato più di un anno e mezzo fa e che ha visto l’adesione di oltre 200 maestri trentini.

Pubblicato

-

Nulla di nuovo, ce lo aspettavamo.”, è questo il commento di Delsa al rigetto, da parte del Tar di Trento, del ricorso presentato dal Sindacato più di un anno e mezzo fa e che ha visto l’adesione di oltre 200 maestri trentini.

L'accusa all'amministrazione è quella di aver creato una fascia aggiuntiva alle graduatorie scolastiche della primaria, al solo ed unico scopo di privilegiare una specifica categoria di insegnanti, (i laureati in Scienze della Formazione Primaria), tutto ciò, a discapito dei maestri che, formatisi prima del 2002, posseggono il medesimo titolo abilitante e più esperienza, ma che sono rimasti inspiegabilmente esclusi dalla graduatoria.

La sentenza arrivata nella serata di ieri, dopo ben 31 giorni dall’udienza di merito, secondo Delsa "lascia intendere che per il Tar non è stato facile trovare delle ragioni per respingere le tesi dei ricorrenti".

Pubblicità
Pubblicità

"Il giudice amministrativo, con motivazioni che ci lasciano davvero perplessi, ha respinto le richieste dei 200 ricorrenti considerandole "tardive" poiché i ricorrenti non avrebbero fatto valere il loro titolo per l'inclusione in graduatoria ad esaurimento per tutti questi anni – spiega Mauro Pericolo presidente di Delsa – Niente di più assurdo, visto che è stata proprio l'amministrazione ad impedire loro di proporre domanda di inclusione in GaE per anni e questa altro non è che una aggravante del comportamento della P.a.t.; non c'è alcuna inerzia o disinteresse da parete dei ricorrenti visto che hanno utilizzato il loro titolo abilitante/idoneo per lavorare e costruire insieme agli insegnati di ruolo la scuola dell'eccellenza trentina di cui tanto si vanta l'amministrazione".

"Nonostante il respingimento, il Tar si è dichiarato competente per giurisdizione, segno che il ricorso proposto da Delsa era impostato correttamente e ciò – a detta del sindacato – spiana la strada per impugnare la sentenza direttamente di fronte al Consiglio di Stato italiano".

Delsa, considera il rigetto come uno “scontato tassello” della vicenda magistrali trentini, spiegando che "nessuno si sarebbe mai aspettato giustizia da un Tar, quello di Trento, i cui giudici sono per metà direttamente nominati dalla politica e in una vicenda giudiziaria in cui si chiede di valutare nel merito proprio l'operato della PAT".

Pubblicità
Pubblicità

"Il rigetto al ricorso è dunque strumentale e necessario – continuano dal sindacato – per poter portare la vicenda direttamente al CONSIGLIO DI STATO ed a strettissimo giro sarà organizzata una riunione per raccogliere le firme dei ricorrenti."

Dunque trattasi di un semplice “step”, non certo di un epilogo, visto che il sindacato ora impugnerà la sentenza chiedendo la procedura d’urgenza dato l’effettivo danno che questa vicenda starebbe arrecando ai ricorrenti, scavalcati in graduatoria e usurpati in tal modo dei loro posti di lavoro. "Il Consiglio si Stato italiano – dicono dalla Delsa – sino ad oggi ha dato ragione a questi ultimi, con una lunga serie di sentenze positive, che in tutta Italia stanno immettendo i ricorrenti nelle graduatorie per il ruolo".

Ma qui in Trentino l’hanno fatta ancora più grossa – spiega Mauro Pericolo presidente di Delsa – perché l’amministrazione, nel suo intento di voler creare una corsia preferenziale per i neo laureati, ha di fatto ingenuamente RIAPERTO nel solo trentino le Graduatorie ad esaurimento (chiuse in tutto il resto d’Italia) favorendo un afflusso da fuori regione che ha ulteriormente danneggiato i maestri trentini”.

Ora Delsa si dice fiduciosa: “I nostri non sono ricorrenti “dell’ultim’ora”, spendono da anni la loro professionalità nella scuola e, non a caso, all’aprirsi della graduatoria per creare la nuova fascia, hanno TUTTI immediatamente prodotto domanda di inserimento, in quanto abilitati al pari dei laureati (principio quest'ultimo ribadito dallo stesso Consiglio di Stato due anni fa!. Quindi, contrariamente a quanto sostenuto in sentenza dal collegio giudicante – rimarca Mauro Pericolo –i ricorrenti non sono stati affatto inermi di fronte all'espropriazione del loro titolo e della loro esperienza".

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza