Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Omicidio Regeni: Si rafforza la pista che porta alla polizia egiziana

Il 25 gennaio del 2011 scoppiavano in piazza Tahrir, al Cairo, le proteste che portarono alla cacciata del dittatore Hosni Mubarak. Cinque anni dopo esatti, Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano, è scomparso nelle vicinanze di quella stessa piazza.

Pubblicato

-

Il 25 gennaio del 2011 scoppiavano in piazza Tahrir, al Cairo, le proteste che portarono alla cacciata del dittatore Hosni Mubarak. Cinque anni dopo esatti, Giulio Regeni, giovane ricercatore italiano, è scomparso nelle vicinanze di quella stessa piazza.

Solo nove giorni dopo, un tassista in panne ha trovato il suo corpo martoriato ai bordi dell'autostrada che dal Cairo porta ad Alessandria. "È stato un incidente stradale", hanno dichiarato all'inizio le autorità egiziane. Un'ipotesi immediatamente smentita dai molteplici segni di tortura che imbrattavano il corpo del giovane. Gli investigatori egiziani hanno avanzato allora l'ipotesi del crimine comune finito male. I media egiziani hanno collegato i segni di violenza a quelli che con cui a volte vengono "puniti" gli omossessuali.

Di tutte le tesi avanzate, solo la più plausibile è stata a più riprese scartata dalle autorità del Cairo, e cioè, che le bruciature di sigaretta, le orecchie tagliate, le ossa rotte e tutti gli altri segni di orrenda tortura siano il marchio indelebile dei servizi segreti egiziani.

Pubblicità
Pubblicità

Un crimine efferato, di un sadismo agghiacciante, che sta tenendo con il fiato sospeso l'opinione pubblica italiana e internazionale.

In una conferenza stampa di settimana scorsa, il ministro degli Interni egiziano, il generale Abdel-Ghaffar, ha dichiarato: "Gestiremo il caso di Regeni come se si trattasse di un egiziano".

Dichiarazioni decisamente poco rassicuranti, se si pensa che secondo le stime dell’Organizzazione araba per i Diritti umani, sono almeno 120 i casi di sparizioni forzate risalenti a un anno fa.

Pubblicità
Pubblicità

Cifre relativamente basse rispetto a quelle avanzate il 22 dicembre dalla Commissione egiziana per i Diritti e le Libertà (ECRF), che ha parlato di 340 persone sparite in due mesi: una media di tre casi al giorno.

Ma la pressione internazionale soffia sulla coltre di nebbia che avvolge le circostanze in cui il giovane ricercatore è stato ammazzato.

Sabato le rivelazioni dell'autorevole New Yok Times hanno dato vigore all'ipotesi della violenza per mano delle forze di polizia.

Secondo diverse fonti citate dall'autorevole quotidiano statunitense, il giorno in cui Regeni è scomparso, due agenti in borghese pattugliavano intorno alle sette, proprio quando si sono perse le sue tracce, il quartiere in cui viveva, alla ricerca di giovani che avrebbero potuto disturbare l'ordine pubblico.

Una fonte, cha ha chiesto di restare anonima, ha dichiarato di aver visto i due ufficiali fermare l'italiano e controllare il suo zaino e il suo passaporto, prima di condurlo via con loro. La fonte dice anche che uno dei due ufficiali era già stato nel quartiere altre volte e aveva chiesto alla gente informazioni su Regeni.

Tre poliziotti addetti al caso, intervistati separatamente, hanno presentato la stessa versione dei fatti: il giovane italiano sarebbe stato preso in custodia per la sua reazione impertinente nei confronti degli ufficiali di polizia. "Era molto maleducato e si comportava come un duro", dice uno dei poliziotti intervistato dal New York Times.

E tutti e tre i poliziotti intervistati hanno sostenuto che Regeni era stato sospettato di essere una spia perché la rubrica del suo cellulare conteneva i numeri di membri della Fratellanza Musulmana e del gruppo di sinistra Movimento 6 aprile. Due gruppi bollati dal regime di Al Sisi come terroristi.

"Pensavano fosse una spia – spiega un poliziotto – Del resto, chi viene in Egitto per studiare i sindacati?".

Giulio Regeni era un dottorando di 28 anni e si trovava in Egitto per condurre una ricerca sulla condizione dei sindacati. Un giovane coraggioso alla ricerca della verità, in un Paese dove chi dice la verità è, quando va bene, imprigionato con l'accusa di terrorismo.

Un ragazzo che, come tanti altri là in Egitto, è rimasto intrappolato nella ragnatela di un odioso regime, che ha nei suoi giovani il più strenuo avversario. Perché a 28 anni niente ti può fermare. Niente eccetto la morte.

 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza