Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Usa 2016, New Hampshire: Trump e Sanders sbaragliano gli avversari. Trionfa l’antipolitica

È la rivincita degli outsider: nelle primarie in New Hampshire, il secondo stato in cui si vota per selezionare il candidato democratico e quello repubblicano che correranno per il posto di Barack Obama, hanno trionfato Bernie Sanders a sinistra e Donald Trump a destra.

Pubblicato

-

È la rivincita degli outsider: nelle primarie in New Hampshire, il secondo stato in cui si vota per selezionare il candidato democratico e quello repubblicano che correranno per il posto di Barack Obama, hanno trionfato Bernie Sanders a sinistra e Donald Trump a destra.

Una vittoria anticipata dai sondaggi, che nell'ultima settimana davano i due candidati anti-establishment largamente in testa nello “stato del granito”, così chiamato per le sue ampie formazioni e cave di granito. Uno stato che nelle primarie tende per tradizione a regalare sorprese, privilegiando i candidati che si esprimono contro il sistema.

La vittoria degli estremi, sia a destra che a sinistra, è però tutt'altro che scontata. In campo democratico, Hillary Clinton, per mesi super-favorita alla nomination, sapeva che avrebbe perso, ma sperava di contenere i danni. Cosa che, invece, non è riuscita a fare. Bernie Sanders (nella foto), 74 anni, fiero “socialdemocratico”, ha vinto in maniera travolgente, con un vantaggio di circa 20 punti percentuali, cioè il 60% dei voti, quando sono arrivati i risultati dall'88% dei distretti elettorali.

Pubblicità
Pubblicità

Sanders, in quanto senatore del vicino stato del Vermont, giocava quasi in casa. Ma è anche vero che quello di ieri per i Clinton è un mezzo voltafaccia da parte di uno stato che che nel 1992 lanciò Bill verso la Casa Bianca e nel 2008 garantì a Hillary una netta (ma momentanea) vittoria su Barack Obama.

Nell'ultimo dibattito prima del voto, la Clinton aveva fatto tutto bene, attaccando l'avversario con argomenti validi. “Lui sogna, vi propone cose belle e irrealizzabili, io sto coi piedi per terra, sono altrettanto progressista ma prometto solo cose che so di poter fare”, questa la sintesi del suo messaggio. Ci aveva pensato poi il suo team a rovinare tutto e ad alienarsi le simpatie di quegli elettori di Sanders che fino a poco tempo fa non avevano nulla contro l'ex first lady.

In pochi giorni, è volata una fila di colpi bassi. Prima ci si è messa la femminista Gloria Steinem, che ha insinuato che molte donne vanno ai comizi di Sanders non per lui, ma per incontrare maschi giovani. Poi l'ex Segretario di stato, Madeleine Albright, è arrivata a dire, sia pure col sorriso sulle labbra, che “c’è un particolare posto all’Inferno per le donne che non aiutano le altre donne” col loro voto. Infine, ci si è messo anche Bill che, chiaramente indispettito dalla debacle annunciata, è arrivato a definire Sanders “sessista e disonesto”.

Pubblicità
Pubblicità

Risultato? Le donne hanno ignorato la chiamata alle armi e i giovani hanno continuato a preferire Bernie, che non perde occasione per promettere loro “meno tasse universitarie e posti di lavoro più decenti”. Per Clinton, quella di ieri comunque è una sconfitta che non infrange i suoi sogni di vittoria. È sempre lei la favorita. La sfida ora è mantenere i nervi saldi e non lasciare che il disfattismo dei media, già pronti, oggi come nel 2008, a fare il funerale alla sua candidatura, spinga lei e il suo team a incappare in altri passi falsi che spianerebbero la strada alla “rivelazione” Sanders.

Sono abituata a cadere, per questo capisco la sorte di tanti americani, come loro mi rialzerò”, ha commentato a caldo Hillary. Le ha risposto un Sanders esultate: “È cominciata una rivoluzione politica, con la partecipazione di cittadini che non avevano mai fatto politica prima, il messaggio è che il governo del Paese appartiene a tutti i cittadini, non a un pugno di miliardari”.

Tra i Repubblicani, la vittoria di Donald Trump era data come inevitabile. E così è stato: il ricco imprenditore, star dei reality show, ha sbaragliato gli avversari conquistando il 35% dei voti, nonostante nell'ultima settimana la sua retorica sia diventata sempre più irriverente, con le promesse di legalizzare la tortura contro i terroristi e gli insulti all'avversario più a destra, l'evangelico Ted Cruz.

Contro Cruz, Trump si è così espresso: “Questa signora qui davanti dice che Cruz è un “pussy” (parola che significherebbe vagina, ma viene usata anche per accusare qualcuno di essere un codardo, ndr). Lo dice lei, io non lo direi mai, anzi la rimprovero. Però riferisco”. Commenti che hanno scatenato l'ennesima indignazione dei media, che hanno cominciato a chiedersi: “Se Trump diventerà presidente dovremmo fare uscire i nostri figli dalla stanza quando parlerà in tv?”.

In casa repubblicana, quello a cui tutti guardano è il secondo posto, alla ricerca disperata di qualcuno che riesca a battere Trump. Le primarie in New Hampshire hanno, in tal senso, regalato una mezza sorpresa, con l'affermazione di John Kasich (15% dei voti), governatore dell'Ohia, moderato, che piace molto anche ai democratici. Va però detto che Kasich ha puntato quasi tutto su questo stato, passando qui quasi tutto l'ultimo mese, in una caccia di voti porta a porta. C'è da chiedersi se la sua candidatura riuscirà a tenere negli altri stati, ora che ha quasi finito tutte le sue risorse finanziarie.

Un problema che non ha il redivivo Jeb Bush (11,1 % dei voti), fino a qualche giorno fa dato per spacciato e ora buon quarto posto alle spalle di Trump, Kasich e Cruz (11,6% dei voti). Il figlio e fratello dei due ex-presidenti ha i forzieri ancora pieni e ha ora finalmente l'occasione per mettersi in luce.

Malissimo, invece, Marco Rubio (10,6% dei voti), giovane senatore della Florida, che aveva sorpreso con il terzo posto in Iowa. Stavolta Rubio si è dovuto accontentare di un deludente quinto posto, da molti indicato come il risultato della sua pessima performance nell'ultimo dibattito, dove la sua tendenza a ripetere frasi pre-confezionate gli ha assicurato il non piacevole soprannome di “Marco Robot”.

Il prossimo appuntamento è tra una settimana, in Nevada, il 20 febbraio. Da qui ad allora, tutto potrebbe cambiare. Di nuovo.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza