Connect with us
Pubblicità

Trento

Il futuro dell’Euregio passerà per l’A22? Austria e Italia a confronto sulle tariffe autostradali.

In un momento storico in cui le minacce di una sospensione del trattato di Schengen anche tra Austria e Italia (link) prendono sempre più corpo è difficile pensare positivamente allo sviluppo dei rapporti transfrontalieri ed allo sviluppo di progetti come l’Euregio o l’EUSALP.

Pubblicato

-

In un momento storico in cui le minacce di una sospensione del trattato di Schengen anche tra Austria e Italia (link) prendono sempre più corpo è difficile pensare positivamente allo sviluppo dei rapporti transfrontalieri ed allo sviluppo di progetti come l’Euregio o l’EUSALP.

Noi de La Voce del Trentino vogliamo essere positivi ad oltranza e, sperando che la crisi economica e quella umanitaria si risolvano presto e bene, abbiamo pensato cosa potrebbe contribuire ad un efficace sviluppo dell’Euregio; tra le varie opzioni di sviluppo ci son venute in mente le autostrade.

Abbiamo pensato che un collegamento veloce tra i territori del Trentino, dell’Alto Adige-Südtirol e del Tirolo è alla base degli scambi commerciali, ma anche di quelli culturali e turistici ed ovviamente alla base dello sviluppo del piano di trilinguismo trentino che non può essere calato sic et simpliciter dalle cattedre scolastiche col CLIL ma ha bisogno del vissuto e delle esperienze quotidiane visto che la lingua vive nella comunità sociale ed attraverso essa evolve.

Pubblicità
Pubblicità

Rendere raggiungibili in modo rapido ed economico Bolzano e soprattutto Innsbruck da Trento, a nostro parere, potrebbe aiutare tanto nella costruzione di una cultura comune, nell’abbattimento progressivo del gap linguistico e, non ultimo, nel consolidamento del progetto comune dell’Euregio.

Il collegamento rapido tra Trento, Bolzano ed Innsbruck è costituito dall’autostrada A22 meglio conosciuta come Autobrennero, ma purtroppo è tutt’altro che economica seppur in linea con le tariffe del resto del Belpaese.

Dopo le innumerevoli polemiche dei mesi scorsi legate alla proroga della concessione trentennale, il tanto sospirato rinnovo è arrivato il 14 gennaio con la sottoscrizione del protocollo a Roma da parte del Ministro Delrio e dei governatori Rossi per il Trentino e Kompatscher per l’Alto Adige-Südtirol.

Pubblicità
Pubblicità

I due governatori per l’occasione hanno dichiarato: «Abbiamo portato a termine un percorso lungo e ricco di ostacoli si tratta di un grande risultato, in grado di rafforzare ulteriormente la nostra autonomia, perché grazie a questa intesa, il Trentino e l’Alto Adige potranno essere protagonisti delle politiche del trasporto e della mobilità sul proprio territorio, in un’ottica di sostenibilità ambientale e di conservazione. I vantaggi della proroga trentennale della concessione dell’A22 saranno concreti e visibili dai cittadini e avranno ricadute positive per sia per il sistema economico che per la tutela dell’ambiente».

Mentre Delrio ha commentato: «La firma di oggi avvia un percorso fortemente innovativo per le concessioni autostradali e rappresenta la prima sperimentazione in Europa di società a intera partecipazione pubblica. Le condizioni poste per la concessione prevedono controllo delle tariffe… Nessun regalo, come qualcuno ha erroneamente detto, ma, al contrario, la tutela dell'interesse pubblico». (link)

Sulla base di quanto affermato dai governatori e dal ministro, considerando che la società che avrà in concessione l’A22 sarà completamente pubblica e che sono stati annunciati “vantaggi concreti e visibili dai cittadini e tutela dell’interesse pubblico” auspichiamo per lo sviluppo dell’Euregio, del trilinguismo, del commercio, dell’economia Euro-regionale e per la costruzione di una comunità sociale unica, forte e coesa di cittadini a sud e a nord del Brennero che finalmente possa essere considerata la creazione di una tariffa autostradale che invogli i residenti a muoversi sul territorio dell’Euregio (il protocollo firmato prevede, anche, il recepimento della direttiva europea eurovignette, con cui sarà possibile adottare differenziazioni di pedaggio).

Mantenendo in vigore l’attuale sistema di pedaggio suggeriamo quindi al nuovo gestore pubblico di affiancare, sulla scorta dell’esperienza austriaca e di molti altri Paesi europei, anche una “Vignette”. Una Vignette “Euregio” che consenta a costi contenuti ai residenti delle Province Autonome di Trento e Bolzano e del Land Tirol di muoversi liberamente sull’autostrada ad un costo forfettario, secondo il collaudato meccanismo che maggiore è il periodo di pedaggio acquistato (10 giorni, bimestrale, annuale, ma si potrebbero considerare anche durate differenti) maggiore è il risparmio per il cittadino.

Oggi raggiungere la barriera del Brennero da Trento nord costa 10,20 euro mentre da Trento sud costa 10,90 euro, considerando un unico viaggio di andata e ritorno occorrono 20,40 euro da TN nord e 21,80 da TN sud.

Acquistando, invece, una Vignette annuale per il transito su tutte le autostrade austriache si spendono 85,70 euro (la Vignette vale 14 mesi – dal 1 dicembre dell’anno precedente al 31 gennaio dell’anno successivo) e si ha diritto ad acquistare contestualmente, con un notevole risparmio, il transito annuale (12 mesi) sul “Ponte Europa” a soli 60,00 euro.

Volendo ripartire la spesa totale di 145,70 euro della Vignette e del ponte Europa su un anno solare (365 giorni), otteniamo che per meno di 0,40 euro al giorno, meno di 40 centesimi di euro al giorno, possiamo transitare sull’intera rete autostradale austriaca e sul ponte Europa (restano esclusi alcuni pedaggi extra su altre grandi opere dell’autostrada austriaca – come ad esempio il tunnel dell’Arlberg, circa 14 Km – che però appartengono ad altri Länder e non rientrano nel discorso Euregio).

Riepilogando, il costo dell’Autobrennero per un cittadino che in giornata vuol fare Trento – Innsbruck e ritorno è nella migliore delle ipotesi di 20,40 euro di pedaggio sulla A22 (tratta italiana) contro 0,40 euro di pedaggio sulla A13 (tratta austriaca), bisognerebbe seriamente rivedere il sistema tariffario se davvero vogliamo promuovere i rapporti di collaborazione e scambio tra i cittadini a sud e a nord del Brennero.

La revisione delle tariffe autostradali al ribasso, in questo momento di crisi, potrebbe essere un toccasana anche per l’economia trentina. Imprenditori, artigiani e PMI che operano e risiedono sui tre territori, con le tariffe più basse, potrebbero essere spinti ad esplorare oltre confine, creare nuove opportunità e possibilità di guadagnarsi nuove fette di mercato stimolando positivamente una sana concorrenza ed aumentando il proprio fatturato.

A cura di Mario Amendola

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il futuro abbraccia l’ecologia e la natura: anche in Italia spopola la moda delle Tiny House
    Sono conosciute come le” Students Tiny house talk”, ovvero 10 metri quadrati di vivere ecosostenibile. Si tratta di tipiche casette svedesi completamente costruite in legno dal design moderno e pensate inizialmente per ospitare universitari. L’efficienza energetica e l’impronta ecologia sono l’aspetto fondamentale di queste abitazioni che puntano a minimizzare al massimo le emissioni di carbonio […]
  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]

Categorie

di tendenza