Connect with us
Pubblicità

Trento

Chiamate della guardia medica tramite il numero 118, Nursing Up critico.

Il progetto di “Centralizzazione della Continuità Assistenziale” (guardia medica), già definito all’inizio del 2007 e partito nel febbraio dello stesso anno soltanto per la zona della Bassa Valsugana (Borgo Valsugana, Pieve Tesino), successivamente esteso nel dicembre 2008 alle zone dell’Alta Valsugana (Pergine V., Levico Terme, Baselga di Pinè) e del Primiero (Tonadico) prevederà che in futuro il cittadino di una qualsiasi località della Provincia di Trento che avrà la necessità della Guardia Medica (GM)-notturna e festiva, dovrà chiamare con un telefono il numero di “Emergenza 118”.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il progetto di “Centralizzazione della Continuità Assistenziale” (guardia medica), già definito all’inizio del 2007 e partito nel febbraio dello stesso anno soltanto per la zona della Bassa Valsugana (Borgo Valsugana, Pieve Tesino), successivamente esteso nel dicembre 2008 alle zone dell’Alta Valsugana (Pergine V., Levico Terme, Baselga di Pinè) e del Primiero (Tonadico) prevederà che in futuro il cittadino di una qualsiasi località della Provincia di Trento che avrà la necessità della Guardia Medica (GM)-notturna e festiva, dovrà chiamare con un telefono il numero di “Emergenza 118”.

Tale riorganizzazione, ipotizzata dall’Apss per tutto il territorio provinciale, su indicazione della Giunta provinciale tramite delibera 963 del 8/6/2015, comporterebbe che:

la chiamata per la GM venga fatta direttamente alla COP 118 utilizzando appunto il numero di “Emergenza 118”, in modo da permettere all’operatore della COP di eseguire un’intervista telefonica che potrebbe identificare eventuali problemi sanitari portando ad escludere, già in partenza, il coinvolgimento della CA, con, al contrario, l’ invio di un mezzo di soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

venga fornita una “logistica , ciò vuol dire che ad ogni Guardia Medica verrà affidato un telefono cellulare di servizio dove potrà essere contattata in qualsiasi momento dalla COP 118, anche quando si trova in “visita domiciliare”.

-tutte le chiamate in entrata ed in uscita dalla COP 118 siano registrate e quindi anche per questo servizio ci potrà essere una traccia per eventuali riscontri medico/legali.

Il sindacato Nursing Up (Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica) sulla  riorganizzazione ipotizzata appare molto critico.

Pubblicità
Pubblicità

«La chiamata al numero di “Emergenza 118” ed la conseguente intervista telefonica da parte dell’operatore per valutare se è necessaria o meno la GM, comporterà un importante allungamento dei tempi di attesa delle chiamate in coda, con una possibile dilazione nella gestione di una “vera emergenza”: un’ intervista telefonica dura in media dai 60 ai 90 secondi» – riporta una nota del sindacato

Poi rimane la problematica per l’implementazione di personale, in pratica già attuata nella COP 118 di Trento, che comporterà un utilizzo sempre più diluito dello stesso in attività assistenziali territoriali sui mezzi di soccorso (ambulanza, elicottero), che si ripercuoterà sulla manualità/professionalità dell’infermiere quando dovrà essere operativo nell’emergenza territoriale. 

Infine la partenza di questo progetto – secondo Nursing Up – comporterebbe per l’intera popolazione provinciale un cambiamento dell’attività abituale di accesso al servizio T.E.118, che come “fine” ha quello di gestire il soccorso emergente e non la continuità assistenziale, servizio affidato alle guardie mediche.

Il Sindacato Nursing Up ha manifestato fin da subito forte perplessità ed ha proposto all’ azienda sanitaria ed all’assessorato alla salute trentino di trovare una soluzione alle criticità evidenziate, evitando di impegnare la linea di “Emergenza 118” con l’attivazione di un “numero verde” dedicato in modo da individuare immediatamente l’utente che intende utilizzare il servizio di GM, senza rischiare di allungare i tempi di risposta telefonica sulla linea di “ Emergenza 118” . Questa proposta è però suffragata per le fonti normative che rendono impossibile proseguire su questo percorso.

Infatti l’articolo n.5 del “Patto della Salute” 2014/2016, firmato e approvato anche dalla Provincia Autonoma di Trento in ottemperanza alle normative europee, ha previsto l’individuazione dei numeri verdi 116 o 117 come riferimento per il servizio di CA, è inoltre ormai in dirittura di arrivo a livello nazionale un decreto ministeriale che imporrà in maniera cogente alle regioni l’adozione dei numeri verdi previsti per la CA.

«E’quindi palese l’intenzione di separare nettamente, in particolare nella percezione del cittadino, i servizi di emergenza, per i quali è in corso in Italia un significativo intervento di razionalizzazione che sta portando alla costituzione di Centrali Uniche di Risposta volte ad elevare l’efficienza e l’efficacia dell’azione di soccorso connessa alle segnalazioni di situazioni di emergenza, dai servizi a valenza sociale, tra i quali ricade, ai sensi della vigente normativa, il “Servizio di guardia medica per cure non urgenti”, associato alla numerazione 116-117.In quest’ottica apparirebbe quindi poco coerente con l’impostazione logica data dalla normativa comunitaria e nazionale di riferimento, convogliere all’interno della centrale 118 delle chiamate espressamente indirizzate, attraverso il consapevole uso da parte del chiamante di una specifica numerazione, al servizio di Guardia Medica» – dichiara il sindacato.

In conclusione, «alla luce anche della futura riorganizzazione complessiva del sistema di chiamata che verrà attuata in futuro con il numero unico 112 , ha chiesto la temporanea sospensione del progetto di centralizzazione delle chiamate, in caso contrario saremo pronti ad attivare forme di protesta, compresa la mobilitazione del personale del servizio 118, con il coinvolgimento della cittadinanza» – termina la nota di Nursing Up

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento1 settimana fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento2 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento2 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto: protesta per le urla alle Fucine, 72 enne massacrato dalla «Baby Gang»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Trento5 giorni fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Trento1 giorno fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Politica6 giorni fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…3 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza