Connect with us
Pubblicità

Trento

Chiamate della guardia medica tramite il numero 118, Nursing Up critico.

Il progetto di “Centralizzazione della Continuità Assistenziale” (guardia medica), già definito all’inizio del 2007 e partito nel febbraio dello stesso anno soltanto per la zona della Bassa Valsugana (Borgo Valsugana, Pieve Tesino), successivamente esteso nel dicembre 2008 alle zone dell’Alta Valsugana (Pergine V., Levico Terme, Baselga di Pinè) e del Primiero (Tonadico) prevederà che in futuro il cittadino di una qualsiasi località della Provincia di Trento che avrà la necessità della Guardia Medica (GM)-notturna e festiva, dovrà chiamare con un telefono il numero di “Emergenza 118”.

Pubblicato

-

Il progetto di “Centralizzazione della Continuità Assistenziale” (guardia medica), già definito all’inizio del 2007 e partito nel febbraio dello stesso anno soltanto per la zona della Bassa Valsugana (Borgo Valsugana, Pieve Tesino), successivamente esteso nel dicembre 2008 alle zone dell’Alta Valsugana (Pergine V., Levico Terme, Baselga di Pinè) e del Primiero (Tonadico) prevederà che in futuro il cittadino di una qualsiasi località della Provincia di Trento che avrà la necessità della Guardia Medica (GM)-notturna e festiva, dovrà chiamare con un telefono il numero di “Emergenza 118”.

Tale riorganizzazione, ipotizzata dall’Apss per tutto il territorio provinciale, su indicazione della Giunta provinciale tramite delibera 963 del 8/6/2015, comporterebbe che:

la chiamata per la GM venga fatta direttamente alla COP 118 utilizzando appunto il numero di “Emergenza 118”, in modo da permettere all’operatore della COP di eseguire un’intervista telefonica che potrebbe identificare eventuali problemi sanitari portando ad escludere, già in partenza, il coinvolgimento della CA, con, al contrario, l’ invio di un mezzo di soccorso.

Pubblicità
Pubblicità

venga fornita una “logistica , ciò vuol dire che ad ogni Guardia Medica verrà affidato un telefono cellulare di servizio dove potrà essere contattata in qualsiasi momento dalla COP 118, anche quando si trova in “visita domiciliare”.

-tutte le chiamate in entrata ed in uscita dalla COP 118 siano registrate e quindi anche per questo servizio ci potrà essere una traccia per eventuali riscontri medico/legali.

Il sindacato Nursing Up (Associazione Nazionale Sindacato Professionisti Sanitari della Funzione Infermieristica) sulla  riorganizzazione ipotizzata appare molto critico.

Pubblicità
Pubblicità

«La chiamata al numero di “Emergenza 118” ed la conseguente intervista telefonica da parte dell’operatore per valutare se è necessaria o meno la GM, comporterà un importante allungamento dei tempi di attesa delle chiamate in coda, con una possibile dilazione nella gestione di una “vera emergenza”: un’ intervista telefonica dura in media dai 60 ai 90 secondi» – riporta una nota del sindacato

Poi rimane la problematica per l’implementazione di personale, in pratica già attuata nella COP 118 di Trento, che comporterà un utilizzo sempre più diluito dello stesso in attività assistenziali territoriali sui mezzi di soccorso (ambulanza, elicottero), che si ripercuoterà sulla manualità/professionalità dell’infermiere quando dovrà essere operativo nell’emergenza territoriale. 

Infine la partenza di questo progetto – secondo Nursing Up – comporterebbe per l’intera popolazione provinciale un cambiamento dell’attività abituale di accesso al servizio T.E.118, che come “fine” ha quello di gestire il soccorso emergente e non la continuità assistenziale, servizio affidato alle guardie mediche.

Il Sindacato Nursing Up ha manifestato fin da subito forte perplessità ed ha proposto all’ azienda sanitaria ed all’assessorato alla salute trentino di trovare una soluzione alle criticità evidenziate, evitando di impegnare la linea di “Emergenza 118” con l’attivazione di un “numero verde” dedicato in modo da individuare immediatamente l’utente che intende utilizzare il servizio di GM, senza rischiare di allungare i tempi di risposta telefonica sulla linea di “ Emergenza 118” . Questa proposta è però suffragata per le fonti normative che rendono impossibile proseguire su questo percorso.

Infatti l’articolo n.5 del “Patto della Salute” 2014/2016, firmato e approvato anche dalla Provincia Autonoma di Trento in ottemperanza alle normative europee, ha previsto l’individuazione dei numeri verdi 116 o 117 come riferimento per il servizio di CA, è inoltre ormai in dirittura di arrivo a livello nazionale un decreto ministeriale che imporrà in maniera cogente alle regioni l’adozione dei numeri verdi previsti per la CA.

«E’quindi palese l’intenzione di separare nettamente, in particolare nella percezione del cittadino, i servizi di emergenza, per i quali è in corso in Italia un significativo intervento di razionalizzazione che sta portando alla costituzione di Centrali Uniche di Risposta volte ad elevare l’efficienza e l’efficacia dell’azione di soccorso connessa alle segnalazioni di situazioni di emergenza, dai servizi a valenza sociale, tra i quali ricade, ai sensi della vigente normativa, il “Servizio di guardia medica per cure non urgenti”, associato alla numerazione 116-117.In quest’ottica apparirebbe quindi poco coerente con l’impostazione logica data dalla normativa comunitaria e nazionale di riferimento, convogliere all’interno della centrale 118 delle chiamate espressamente indirizzate, attraverso il consapevole uso da parte del chiamante di una specifica numerazione, al servizio di Guardia Medica» – dichiara il sindacato.

In conclusione, «alla luce anche della futura riorganizzazione complessiva del sistema di chiamata che verrà attuata in futuro con il numero unico 112 , ha chiesto la temporanea sospensione del progetto di centralizzazione delle chiamate, in caso contrario saremo pronti ad attivare forme di protesta, compresa la mobilitazione del personale del servizio 118, con il coinvolgimento della cittadinanza» – termina la nota di Nursing Up

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]

Categorie

di tendenza