Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Altre centinaia di soldati italiani in Iraq: questa volta a difesa della diga di Mosul

Il Ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, ha ufficialmente annunciato solo qualche giorno fa, che l’Italia incrementerà la sua presenza militare sul territorio iracheno inviando oltre un centinaio di nuovi soldati nell’area del Kurdistan intorno alla città di Erbil.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Il Ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, ha ufficialmente annunciato solo qualche giorno fa, che l’Italia incrementerà la sua presenza militare sul territorio iracheno inviando oltre un centinaio di nuovi soldati nell’area del Kurdistan intorno alla città di Erbil.

La dichiarazione della Pinotti è stata rilasciata a conclusione del Vertice dei 23 Paesi più impegnati nella lotta contro lo Stato islamico, il cosiddetto Small Group, che si è riunito a Roma lo scorso 02 Febbraio per fare il punto degli interventi da rafforzare nell’azione di contrasto a Daesh.

La decisione italiana di incrementare la propria presenza attiva sul campo in Iraq ha fatto seguito ad una richiesta avanzata direttamente dal Segretario della Difesa statunitense, Ashton Carter, che invitava l’Italia, non solo a rafforzare il proprio impegno, ma addirittura a considerare l’ipotesi di unirsi ai raid contro l’ISIS.

Pubblicità
Pubblicità

Fino ad ora le forze militari italiane si sono occupate principalmente dell’addestramento delle forze di polizia irachene con l’obiettivo di supportarle nel loro tentativo di recuperare il controllo delle zone cadute in mano le milizie dello Stato islamico.

Tuttavia, il Ministro della Difesa Pinotti ha escluso per il momento che i soldati italiani partecipino a vere e proprie azioni di guerra sul territorio iracheno e per ora l’Italia non parteciperà ai raid aerei. Secondo le rassicurazioni del Ministro, i 130 militari che verranno inviati ad Erbil nei prossimi mesi, avranno il compito prioritario di “raccogliere i feriti in combattimento”.

A questi si affiancheranno altri 450 soldati italiani che avranno il compito di sorvegliare i lavori di restauro della diga di Mosul, sul fiume Tigri. L’appalto, infatti, è stato vinto dalla società italiana del Gruppo Trevi S.p.A. di Cesena e quindi i lavori di riparazione saranno realizzati da operai italiani che saranno appunto “protetti” dalle nostre forze militari.

Pubblicità
Pubblicità

Il governo iracheno ha deciso di affidare alla società italiana l’intero progetto di messa in sicurezza della Diga di Mosul, la più grande in Iraq che, da quando l’ISIS ha iniziato a sottrarre il controllo di vaste zone del territorio iracheno alle istituzioni legittime, non ha più subito interventi di manutenzione ed oggi ha necessità urgente di riparazioni.

Il valore dell’intero progetto dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 milioni di dollari che presumibilmente saranno finanziati tramite la Banca Mondiale alla quale il governo iracheno si sarebbe rivolto per un prestito.

Data la presenza necessaria degli operai italiani, che nei prossimi mesi saranno impegnati in questo intervento di manutenzione, proprio in questi giorni il governo italiano è in contatto con quello iracheno per definire la partecipazione dei militari italiani al progetto con il compito di difendere la diga e gli operai e assicurare che i lavori procedano senza intoppi.

Con l’invio dei soldati a difesa della diga di Mosul, quello italiano diventa in Iraq il secondo contingente militare più corposo dopo quello statunitense e si arriverà a sfiorare la quota di un migliaio di uomini sul territorio iracheno. Il governo italiano è pronto a stanziare circa 600 milioni di euro in più per il finanziamento delle nuove operazioni.

Ancora una missione di supporto e aiuto alla popolazione piuttosto che azioni di guerra vere e proprie per il contingente militare italiano. Il Ministro della Difesa ha assicurato che per ora l’Italia non è chiamata ad avviare i raid nell’immediato e che continuerà a svolgere il suo ruolo di sostegno alle forze dell’ordine irachene.

Tuttavia, il nostro Paese fa parte dell’alleanza che combatte contro lo Stato islamico, è partner delle grandi potenze che guidano la coalizione e non potrà sottrarsi per ancora molto tempo dal prendere una posizione più netta e assumere un ruolo ancora più attivo.

Gli Stati Uniti scalpitano ed oltre ad un maggior attivismo in Iraq, cominciano a chiedere anche maggior impegno in Libia.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella3 minuti fa

Dopo il successo del “Festival delle Bande Nonese”, Palazzo Arzberg Freihaus si prepara a ospitare il raduno dei Gruppi Storici

Trento1 ora fa

Violento incidente sulla SS47 della Valsugana, una persona ferita e un’auto ribaltata. Disagi al traffico

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

All’Auditorium Russel di Cles i cittadini della Val di Non si chiedono “Quale futuro?” in un incontro aperto al pubblico

economia e finanza2 ore fa

Il paradosso del gas russo: tra le reali necessità energetiche dei Paesi e le intenzioni di sanzionare Putin

Trento2 ore fa

Trentino Music Arena: un luogo da tenere in grande considerazione per i giovani

Trento2 ore fa

Viabilità Vasco, chiusa la tangenziale: riaprirà sabato alle 8. Via Lidorno interdetta ai pedoni

Italia ed estero3 ore fa

Draghi non molla, cessate il fuoco, negoziati e aiuti militari. Salvini: “io non ci sto”

Trento3 ore fa

Concerto di Vasco Rossi: nessun disagio per lo sciopero sul trasporto pubblico

Italia ed estero4 ore fa

Ddl concorrenza, Draghi alla maggioranza: “Chiudere entro maggio o Pnrr a rischio”

Trento4 ore fa

Traffico in aumento: evitare di uscire al casello di Trento sud per entrare in città

Trento4 ore fa

La città dei festival con i colori del popolo di Vasco. I fan: “Trento ben organizzata”

Trento4 ore fa

Parco delle Coste: l’inciviltà continua, ma stavolta i ragazzi non centrano nulla

Trento4 ore fa

Vandali alla Uil pensionati, la solidarietà di Fugatti e della Giunta

Trento5 ore fa

Zootecnia e latte trentino in difficoltà, la Provincia risponde con 4 milioni di aiuti straordinari

Trento5 ore fa

Viabilità, l’invito ad utilizzare l’A22 nella giornata di oggi. Tangenziale chiusa dal ponte di Ravina dalle 8.30

Trento2 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Trento4 settimane fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e salgono contagi e ricoveri nelle ultime 24 ore

Politica3 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Trento3 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Fiamme in centro storico a Denno – IL VIDEO

Trento1 settimana fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento1 settimana fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Telescopio Universitario3 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento3 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza