Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Altre centinaia di soldati italiani in Iraq: questa volta a difesa della diga di Mosul

Il Ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, ha ufficialmente annunciato solo qualche giorno fa, che l’Italia incrementerà la sua presenza militare sul territorio iracheno inviando oltre un centinaio di nuovi soldati nell’area del Kurdistan intorno alla città di Erbil.

Pubblicato

-

Il Ministro della Difesa italiano, Roberta Pinotti, ha ufficialmente annunciato solo qualche giorno fa, che l’Italia incrementerà la sua presenza militare sul territorio iracheno inviando oltre un centinaio di nuovi soldati nell’area del Kurdistan intorno alla città di Erbil.

La dichiarazione della Pinotti è stata rilasciata a conclusione del Vertice dei 23 Paesi più impegnati nella lotta contro lo Stato islamico, il cosiddetto Small Group, che si è riunito a Roma lo scorso 02 Febbraio per fare il punto degli interventi da rafforzare nell’azione di contrasto a Daesh.

La decisione italiana di incrementare la propria presenza attiva sul campo in Iraq ha fatto seguito ad una richiesta avanzata direttamente dal Segretario della Difesa statunitense, Ashton Carter, che invitava l’Italia, non solo a rafforzare il proprio impegno, ma addirittura a considerare l’ipotesi di unirsi ai raid contro l’ISIS.

Pubblicità
Pubblicità

Fino ad ora le forze militari italiane si sono occupate principalmente dell’addestramento delle forze di polizia irachene con l’obiettivo di supportarle nel loro tentativo di recuperare il controllo delle zone cadute in mano le milizie dello Stato islamico.

Tuttavia, il Ministro della Difesa Pinotti ha escluso per il momento che i soldati italiani partecipino a vere e proprie azioni di guerra sul territorio iracheno e per ora l’Italia non parteciperà ai raid aerei. Secondo le rassicurazioni del Ministro, i 130 militari che verranno inviati ad Erbil nei prossimi mesi, avranno il compito prioritario di “raccogliere i feriti in combattimento”.

A questi si affiancheranno altri 450 soldati italiani che avranno il compito di sorvegliare i lavori di restauro della diga di Mosul, sul fiume Tigri. L’appalto, infatti, è stato vinto dalla società italiana del Gruppo Trevi S.p.A. di Cesena e quindi i lavori di riparazione saranno realizzati da operai italiani che saranno appunto “protetti” dalle nostre forze militari.

Pubblicità
Pubblicità

Il governo iracheno ha deciso di affidare alla società italiana l’intero progetto di messa in sicurezza della Diga di Mosul, la più grande in Iraq che, da quando l’ISIS ha iniziato a sottrarre il controllo di vaste zone del territorio iracheno alle istituzioni legittime, non ha più subito interventi di manutenzione ed oggi ha necessità urgente di riparazioni.

Il valore dell’intero progetto dovrebbe aggirarsi intorno ai 200 milioni di dollari che presumibilmente saranno finanziati tramite la Banca Mondiale alla quale il governo iracheno si sarebbe rivolto per un prestito.

Data la presenza necessaria degli operai italiani, che nei prossimi mesi saranno impegnati in questo intervento di manutenzione, proprio in questi giorni il governo italiano è in contatto con quello iracheno per definire la partecipazione dei militari italiani al progetto con il compito di difendere la diga e gli operai e assicurare che i lavori procedano senza intoppi.

Con l’invio dei soldati a difesa della diga di Mosul, quello italiano diventa in Iraq il secondo contingente militare più corposo dopo quello statunitense e si arriverà a sfiorare la quota di un migliaio di uomini sul territorio iracheno. Il governo italiano è pronto a stanziare circa 600 milioni di euro in più per il finanziamento delle nuove operazioni.

Ancora una missione di supporto e aiuto alla popolazione piuttosto che azioni di guerra vere e proprie per il contingente militare italiano. Il Ministro della Difesa ha assicurato che per ora l’Italia non è chiamata ad avviare i raid nell’immediato e che continuerà a svolgere il suo ruolo di sostegno alle forze dell’ordine irachene.

Tuttavia, il nostro Paese fa parte dell’alleanza che combatte contro lo Stato islamico, è partner delle grandi potenze che guidano la coalizione e non potrà sottrarsi per ancora molto tempo dal prendere una posizione più netta e assumere un ruolo ancora più attivo.

Gli Stati Uniti scalpitano ed oltre ad un maggior attivismo in Iraq, cominciano a chiedere anche maggior impegno in Libia.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza