Connect with us
Pubblicità

Trento

Endometriosi, la subdola malattia del dolore. Incontro venerdì 12 in Clarina.

Il gruppo A.P.E. di Trento organizza, per venerdì 12 febbraio alle ore 20.30, un incontro dal titolo: "Endometriosi e alimentazione: quando un aiuto arriva anche dal cibo".

Pubblicato

-

Il gruppo A.P.E. di Trento organizza, per venerdì 12 febbraio alle ore 20.30, un incontro dal titolo: "Endometriosi e alimentazione: quando un aiuto arriva anche dal cibo".

L’endometriosi è una patologia molto complessa, che causa sintomi dolorosi e spesso invalidanti per le donne che ne sono affette. "Per affrontarli adeguatamente, – spiega Denise Molinari –  con lo scopo di migliorare il più possibile la qualità della vita di chi ne soffre, l'alimentazione può rivelarsi un valido strumento". L'argomento verrà affrontato e approfondito dalla Dottoressa Anna Bezzeccheri, Biologa Nutrizionista.

Durante la serata Denise Molinari parlerà dell' associazione A.P.E. e dei tanti progetti attivi in questo momento. L'incontro avrà luogo presso la Sala della Circoscrizione Oltrefersina in via Clarina 2/1 a Trento. Saranno presenti anche le volontarie del gruppo di sostegno di Trento.

Pubblicità
Pubblicità

Endometriosi? Sarebbe?

Questo è l’approccio medio di fronte ad una malattia che colpisce 3.000.000 di donne italiane, più del 50% delle donne fra i 29 e i 39 anni. Forse.

Dico forse, perché ancora un vero registro nazionale che tenga monitorato l’andamento della malattia, in Italia, non lo abbiamo. E quindi questa stima potrebbe essere in difetto.

Pubblicità
Pubblicità

Proviamo a dare risposta alla domanda iniziale: che cos’è l’endometriosi?

È una malattia cronica, ormono – dipendente, che colpisce le donne in età fertile (dall’adolescenza alla menopausa).

Come dice chi è affetto da questa patologia: “spiegarla è complicato, ci vogliono troppe parole. Chi ci ha fatto la domanda si pente dopo un paio di minuti di aver chiesto approfondimenti, e smette di ascoltare”.

Credo sia fondamentale conoscere questa malattia, e non vorrei che anche voi vi perdeste fra le righe e cedeste alla tentazione di cliccare altrove.

Così proviamo con un esercizio d’immaginazione: pensiamo di avere una tela davanti a noi, ed un pennello imbevuto di colore – scegliete pure quello che preferite. Ora immaginiamo di schizzare il colore sulla tela con un movimento deciso del polso.

Bene: pensate che la tela siano gli organi interni di un corpo femminile, e le macchie di colore l’endometrio.

L’endometrio – per chi non lo sapesse – è la mucosa che riveste internamente la cavità interna dell’utero.

Nelle donne malate di endometriosi questo tessuto è impiantato in sede anomala (a livello di ovaie, tube, utero, ma anche vescica, retto, reni, intestino).

Fate ancora uno sforzo: quel dolore da ciclo che noi donne ben conosciamo – chi in forma lieve chi più intensa – provate a immaginarlo sparso in tutti gli organi in cui è presente il tessuto endometrioso “fuori posto”, consapevoli che ogni particella di endometrio subisce gli stessi influssi ormonali di quello presente nell’utero: tutti i mesi il tessuto impiantato in sede anomala si sfalda e sanguina, come avviene per le mestruazioni. Ma, non avendo una via d’uscita, questo sangue irrita. E mese dopo mese provoca infiammazioni, noduli, cisti. E, nel tempo, le lesioni proliferano e creano aderenze che finiscono con il “legare” fra loro i vari organi, irrigidendoli e ostacolandone le funzionalità.

Non so voi, ma mentre mi spiegavano tutto questo, come donna mi sono sentita pessima. Non conoscere una malattia così orrenda mi è parsa una mancanza imperdonabile.

Spero a questo punto di aver catturato la vostra attenzione – oltreché aver colpito la vostra coscienza – e mi addentro più nei particolari.

Nel 60% dei casi circa l’endometriosi è dolorosa.

I sintomi sono molteplici. Fra i più comuni: dolore pelvico cronico, dolore ovarico tra un ciclo e l’altro, dolore all’evacuazione, dolore lombare, dolore nei rapporti sessuali.

Spesso una febbriciola accompagna chi soffre di endometriosi, assieme a un senso cronico di stanchezza e a problemi di diarree o stitichezza, cistiti, ecc… Ed ecco i rapporti sociali sono compromessi, così come la possibilità di lavorare serenamente, perché con dolori di questo genere è normale dover stare a casa almeno 3 giorni al mese, nel migliore dei casi. E spesso senza comprensione da parte di colleghi e datori di lavoro.

I sintomi sono dolorosi fino ad essere invalidanti, fino a non riuscire a fare qualcosa per stare meglio, arrivando ad attaccarsi a flebo di antidolorifici potentissimi per trarre un po’ di sollievo, o fino a dover andare in bagno con i polsi sotto l’acqua fredda per non svenire (non vi ho detto che il dolore si prova sparso un po’ ovunque? Ecco, anche questo per certe donne è una vera fatica).

Cause e terapie.

Partiamo da una cattiva notizia: non si sa perché si sviluppi l’endometriosi. Studi recenti individuano in alimentazione e fattori ambientali le cause scatenanti di una malattia che – secondo alcuni – è insita a livello potenziale in ogni donna in età fertile. Capire perché in certi casi prenda la piega di una malattia cronica è ciò a cui ancora si cerca di dare risposta.

Il secondo problema è la cura. Che non esiste.

Ciò che si può fare è cercare di bloccare il dolore con antiinfiammatori e analgesici, controllare il ciclo attraverso terapie ormonali (dalla pillola alla menopausa farmacologica), fino a intervenire chirurgicamente (se possibile con tecniche mini invasive come la laparoscopia) per asportare le formazioni endometriosiche.

La laparoscopia è anche l’unico modo per avere una diagnosi certa della malattia: attraverso questo intervento è infatti possibile per il chirurgo rendersi conto del quadro addominale e pelvico della paziente.

E l’unico modo per far fronte all’endometriosi è, al momento, la diagnosi precoce.

E se pensiamo che la malattia – in parte per i sintomi così vari e simili a quelli causati da problemi di altra natura, in parte perché il dolore della donna durante il ciclo viene normalmente sminuito e non compreso, in parte per la poca conoscenza della malattia stessa -è mediamente diagnosticata a 9 anni dalla sua comparsa, capirete finalmente l’importanza di parlarne.

Parlarne e condividere con altri questa esperienza; far conoscere al maggior numero di persone come si manifesta e quali sono le sue conseguenze, e sensibilizzare anche la comunità scientifica. Perché non è giusto che una donna debba soffrire così tanto tempo senza avere delle risposte, spesso non compresa dalle persone che le stanno vicine e dalla stessa famiglia. E non è possibile che la scoperta tardiva di questa patologia comporti conseguenze spesso importanti per una donna, come per esempio la difficoltà ad avere figli.

Il dolore porta a chiudersi nei confronti del mondo: depressione e mancanza di interesse per le cose sono le pesantissime conseguenze psicologiche di una sofferenza protratta e spesso non compresa, che ha dure ripercussioni anche sui rapporti sociali e di coppia.

È fondamentale accompagnare le donne che soffrono di endometriosi verso uno stato di accoglienza del dolore e presa di coscienza della malattia. L’endometriosi distrugge i progetti di vita, e genera rabbia in chi ne soffre. Come si combatte l'Endometriosi ? guardate questo video e lo capirete subito….  http://vimeo.com/38409055

Per sostenere psicologicamente le donne malate di endometriosi nel loro percorso di accettazione della malattia e per far sì che il maggior numero di persone la conosca, è nata A.P.E. – Associazione Progetto Endometriosi Onlus, che da giugno 2012 ha un gruppo molto attivo anche a Trento.

Gruppo che sta cercando ora un’associazione in città dedicata alle donne cui appoggiarsi per ampliare le proprie attività.

Per informazioni, aiuto o proposte di collaborazione: trento@apeonlus.com 

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza