Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Crisi Schengen, basta a soluzioni nazionali

Molti stati nel cuore dell’Europa assistono da mesi impotenti di fronte all’ondata di profughi che li sta travolgendo.

Pubblicato

-

Molti stati nel cuore dell’Europa assistono da mesi impotenti di fronte all’ondata di profughi che li sta travolgendo.

Sono in migliaia coloro che giorno dopo giorno si ammassano al confine austriaco e tedesco, nella speranza di giungere finalmente a destinazione. Uomini, donne e bambini in fuga da guerre, terrore e fondamentalismo religioso si mischiano a chi invece scappa dalla fame e dalla povertà ed è alla ricerca di un futuro migliore per sé e per la propria famiglia.

L’Europa si muove in ordine sparso: alla Grecia e, probabilmente, anche all’Italia, fa quasi piacere vedere che la Germania è nei guai. Per questo, le autorità greche se ne infischiano di proteggere adeguatamente la frontiera esterna con la Turchia e si preoccupano soltanto che la porta sui Balcani continui a rimanere aperta.

Pubblicità
Pubblicità

Se l’Ungheria, poi, cerca, a modo suo, di mettere in sicurezza i confini esterni, come espressamente previsto dal Trattato di Schengen, si alzano le grida di sdegno degli altri Stati membri. E mentre i capi di stati e di governo si mettono d’accordo a Bruxelles per ricollocare i richiedenti asilo provenienti da Italia e Grecia, una volta tornati nelle rispettive capitali questi si dimenticano in fretta della loro promessa.

Così facendo gli Stati membri continuano a sbattere la porta in faccia a una soluzione condivisa e non lasciano alle istituzioni europee altra alternativa se non quella di svelare come i vari governi vengano costantemente meno agli impegni presi.

Nel frattempo, la popolazione sta perdendo la pazienza. Gli eventi della notte di Capodanno sono stati una doccia fredda. Quello che è successo ha dimostrato una volta di più che per l’Europa integrare milioni di persone sarà tutt’altro che una passeggiata.

Pubblicità
Pubblicità

Stiamo vivendo una vera emergenza e per i vari Stati membri è forte la tentazione di ricorrere a soluzioni unilaterali. Ecco che allora la priorità non è più difendere le frontiere esterne dello Spazio Schengen ma proteggere i propri confini. È il caso dell’Austria, che nei giorni scorsi ha temporaneamente reintrodotto i controlli alle frontiere e, prima di lei, di Francia, Germania, Norvegia, Danimarca e Svezia, in un effetto domino che rischia di sgretolare l’Unione dall’interno.

Da un certo punto di vista, questo atteggiamento è completamente comprensibile: Cos’altro dovrebbe fare uno Stato membro quando le frontiere esterne dello Spazio Schengen non vengo adeguatamente pattugliate e per questo migliaia di migranti bussano ogni giorno alla sua porta? Non è forse una prerogativa dello stato quella di controllare chi entra nel Paese, di distinguere tra rifugiati di guerra e migranti economici? Non abbiamo forse il diritto di sapere chi è che viene a casa nostra e non è forse dovere della politica fare tutto il possibile per garantire questo diritto?

Ma c’è un’altra domanda alla quale dobbiamo rispondere: Siamo davvero sicuri che i controlli alle frontiere nazionali otterranno l’effetto sperato? È un po’ ingenuo credere che una volta blindato il Brennero i migranti non cerchino altre vie per eludere i controlli.

E poi, cosa dovrebbe fare esattamente una guardia di frontiera quando trova, per esempio, un migrante marocchino che sta provando ad attraversare il confine del Brennero? La guardia di frontiera ha davvero i mezzi per spiegare al migrante che non può considerarsi un rifugiato e che deve tornarsene a casa? Il rischio è quello di sacrificare le libertà di circolazione sull’altare di una sicurezza nazionale che è soltanto illusoria.

E poi: A cosa portano questi controlli? Quel è il loro prezzo? È opportuno essere chiari: la sospensione di Schengen rischia di mandare in fumo il lavoro degli ultimi decenni e segnare l´inizio della fine del progetto di integrazione europea. Se verranno ripristinati i controlli ai confini nazionali, a restare in coda ore e ore alla frontiera non saranno solo i migranti, ma anche tir e, soprattutto, noi, cittadini europei. Con un costo salatissimo per l’economia.

Ma pare proprio che dovremo arrenderci a un’Europa degli stati e dei confini, dato che i Paesi membri continuano a rifiutarsi di implementare le decisioni che hanno preso di comune accordo e di concerto con noi, al Parlamento europeo.

 Questa è una notizia molto triste per la nostra Regione. Noi più di altri abbiamo colto i frutti di un’Europa senza confini interni. Il crollo delle frontiere interne ha, infatti, dato il via a una nuova era nelle relazioni tra Trentino, Sudtirolo e Tirolo. La nostra autonomia, così come i flussi commerciali e turistici, hanno tratto nuovo impulso da questa rinnovata vicinanza al mondo di lingua tedesca.

Ora tutto questo è in pericolo. Restiamo aggrappati a una flebile speranza, ovvero, che il graduale ripristino dei controlli interni dia la sveglia agli Stati membri e li spinga a lavorare assieme per la definizione di una politica comune in materia di immigrazione. Prima che sia troppo tardi.

A cura di Herbert Dorfmann –  Europarlamentare

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona
    Da qualche giorno è stato varato dal Governo un bonus , il reddito di libertà destinato alle donne vittima di violenza. Reddito di Libertà, cos’è Si tratta di un una misura molto attesa visto che... The post Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo
    Con l’arrivo della stagione estiva l’attenzione è puntata verso il turismo. Per questo, al fine di stimolare gli spostamenti, il Decreto Sostegni Bis prevede finanziamenti alle Regioni destinati al rimborso delle spese mediche ai turisti.... The post Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla
    Con la pandemia è emersa l’esigenza di trovare una nuova organizzazione del lavoro che cercasse di riadattare l’esperienza, trasferendo fuori dalla sede operativa la maggior parte delle attività lavorative. Questo processo ha iniziato a delineare... The post Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla appeared first […]
  • Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce
    Il particolare periodo storico ha spinto molte attività a cercare soluzioni alternative per la vendita dei propri prodotti, una di queste è sicuramente l’apertura delle vetrina digitale con le vendita online. Qualsiasi imprenditore desideri aumentare... The post Aumentare le vendite online, consigli per migliorare le prestazioni del proprio e-commerce appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis
    Nei contributi a fondo perduto previsti dal Bonus affitto 2021 sono previsti nuovi beneficiari grazie all’ampliamento della platea dettata dal Decreto Sostegni Bis. Bonus affitto 2021, come funziona Definito dal Decreto Rilancio, il bonus affitto... The post Bonus affitto 2021: modifiche e novità per i beneficiari nel Decreto Sostegni bis appeared first on Benessere Economico.
  • Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro
    La Commissione Europea sta lavorando ad un pacchetto di norme che limiterebbe la circolazione di contanti nei Paesi membri. Il pacchetto che potrebbe entrare in vigore nel 2024, propone di fissare in tutta Europa un... The post Europa verso la limitazione di circolazione dei contanti: tetto a 10 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • In Italia arriva la prima Beach SPA marina: un’offerta turistica naturale e consapevole
    Gli elementi naturali caratteristici della spiaggia del Salento legati all’acqua salina del mare e all’aria estiva, diventano dei veri percorsi benessere all’interno di una spa che nasce direttamente sulla costa, in spiaggia, all’aria aperta. Un’idea unica per chi ama il mare e l’aria aperta, ma non vuole perdere tutte le conseguenze rigenerati e vitalizzanti tipiche […]
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]
  • Kylie Skin, la linea beauty di Kylie Jenner
    “La cura della pelle e il trucco vanno di pari passo e Kylie Skin è qualcosa che ho sognato subito dopo Kylie Cosmetics. Ci ho lavorato per quella che sembra una vita, quindi non posso credere che sia finalmente arrivato! Costruire la mia linea di trucco da zero mi ha insegnato molto e sono così […]

Categorie

di tendenza