Connect with us
Pubblicità

Trento

Tragedia a Barco: Muore «el migola» Alessandro Avancini

Alessandro Avancini, persona piuttosto nota in città che gli amici chiamavano «migola» è stato ritrovato morto ieri a Barco di Levico in un campo vicino alla pista ciclabile.

Pubblicato

-

Alessandro Avancini, persona piuttosto nota in città che gli amici chiamavano «migola» è stato ritrovato morto ieri a Barco di Levico in un campo vicino alla pista ciclabile.

La morte sarebbe sopraggiunta dopo una caduta con il suo parapendio a motore, anche se non si esclude possa essere stata causata da un malore. Dalle prime notizie riportate dai soccorsi sarebbero le numerose ferite e i molti traumi all'origine della morte del cinquantacinquenne trentino.

Testimoni sgomenti del terribile incidente, avvenuto ieri pomeriggio verso le 15.30 due amici della vittima che hanno visto il parapendio a motore di Avancini precipitare senza controllo all’improvviso. I due sono corsi subito sul posto della caduta cercando di fermare il motore del parapendio che era ancora in funzione con la grande elica che girava ancora a mille. Da qui il sospetto che si possa essere trattato di un mancamento, visto che il motore risultava ancora integro.

Pubblicità
Pubblicità

Avencini da subito non ha dato nessun segno di vita e l'atterraggio dell'elisoccorso atterrato quasi subito nel prato non ha potuto che certificare la morte dello sfortunato Alessandro.

Residente a Trento, divorziato da molti anni e poi rimasto vedovo, Avancini lascia la compagna e una figlia di 20 anni. Di lui gli amici si ricordano la dolcezza dello sguardo e la grande disponibilità. Amante da sempre della compagnia, era stato negli anni '70 e '80 grande frequentatore della grandi discoteche del tempo, come il Paradise «number one» e il Waikiki di Gardolo. Poi la passione per il parapendio dove aveva conseguito il brevetto per volare a motore solo quest'anno, ma aveva alle spalle una lunga “carriera” di volo libero.

Ma proprio negli anni '70 gli amici più cari gli avevano affibbiato il soprannome di «migola», probabilmente dovuto allora alla sua statura e alla corporatura esile. 

Pubblicità
Pubblicità

La foto del titolo è stata ripresa dal gruppo di facebook del club «volo libero trentino» dove da ieri pomeriggio sono stati numerosi e commoventi i commenti di addio al «migola» trentino. 

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza