Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Non Podemos: Perché i post – indignados rifiutano ogni alleanza

In Spagna va in onda in queste ore un film che gli italiani conoscono già bene. Mariano Rajoy, premier uscente e leader del Partito popolare, arrivato primo alle elezioni generali del 20 dicembre, ha avviato le consultazioni per formare un nuovo governo. Avrà tempo fino al 13 gennaio, giorno in cui il nuovo Parlamento si riunirà per la prima volta.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

In Spagna va in onda in queste ore un film che gli italiani conoscono già bene. Mariano Rajoy, premier uscente e leader del Partito popolare, arrivato primo alle elezioni generali del 20 dicembre, ha avviato le consultazioni per formare un nuovo governo. Avrà tempo fino al 13 gennaio, giorno in cui il nuovo Parlamento si riunirà per la prima volta.
Le recenti consultazione hanno spazzato via il bipartitismo che aveva caratterizzato fino ad ora la storia della democrazia spagnola. Il Partito popolare del premier uscente Rajoy è riuscito a staccare una vittoria di corto muso, arrivando a 123 seggi su un totale di 350. Secondi i socialisti di Pedro Sánchez, con 90 seggi. Terzo, l’uragano Podemos, guidato dal professore con codino, Pablo Iglesias, che ha ottenuto ben 69 deputati. Ottimo quarto posto invece per i liberali anti-casta di Ciudadanos, con 40 deputati.
Per governare servono 176 seggi. In questi giorni, Rajoy sta cercando disperatamente di intascare il sostegno degli altri partiti per formare quello che in Italia verrebbe definito un governo di “larghe intese”. Ma è come continuare a sbattere contro un muro. Con l’eccezione di Ciudadanos, che da solo non ha i numeri per permettere ai popolari di governare, Rajoy sta facendo collezione di “no”.
Gli ha promesso il suo “no” il leader socialista Pedro Sánchez, che nei giorni scorsi ha sottolineato la necessità di “rispettare la volontà degli elettori”, aprendo lo scenario per un’ammucchiata a sinistra, con un matrimonio tra socialisti e Podemos. Condizione imprescindibile per convolare a nozze: i parlamentari guidati da Iglesias dovranno smetterla di sostenere il referendum per l’indipendenza in Catalogna, abbandonando una volta per tutte una soluzione, a detta di Sánchez, destinata a “dividere il popolo spagnolo”.
Ma il leader dei post-indignados non ne vuole proprio sapere delle condizioni di Sánchez. “L’unico modo per difendere la nostra unità è attraverso il processo democratico” ha tuonato Iglesias. Quindi sì al referendum in Catalonia, sperando che la popolazione dimostri la stessa responsabilità degli scozzesi, che un anno fa optarono per restare con la Gran Bretagna.
Ieri Rajoy ha incontrato Iglesias. Come Bersani con Grillo nel 2013, il leader dei popolari si è visto sbattere la porta in faccia. Un sostegno al governo di Rajoy è fuori discussione, ha fatto prontamente sapere dopo l’incontro Iglesias. Ma anche un governo guidato da Sánchez non troverà l’appoggio di Podemos.
Ci vuole un governo guidato da un tecnico vicino agli ambienti di sinistra, ha suggerito il leader dei post-indignados, precisando che la prima azione del suo gruppo all’apertura dei lavori in Parlamento sarà presentare un progetto di legge a favore dei troppi indigenti che rischiano di vedersi tagliata la corrente, di essere sfrattati di casa o di non riuscire ad arrivare a fine mese con la pensione.
Come il Movimento 5 Stelle, i post-indignados di Iglesias rifiutano con ostinazione il compromesso con le altre forze politiche, ritenute irrimediabilmente corrotte. Così facendo, però, vengono meno alla regola più importante del gioco democratico. Senza la ricerca di una sintesi tra le varie posizioni è impossibile rispettare la volontà del popolo spagnolo a cui Iglesias dice di tener tanto.
La verità è che il leader di Podemos vuole sfinire gli avversari stuzzicandoli con proposte inaccettabili. L’obiettivo è tornare alle elezioni e vincerle. Lo ha confermato lui stesso ieri, confidando: “Se si torna a votare, abbiamo ottime possibilità di vittoria”.
Un film che fin qui noi italiani conosciamo bene.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento11 ore fa

Claudio Buriani «quasi» d’accordo con Claudio Cia: «Strutture ospedaliere obsolete, privato meglio che il pubblico»

Italia ed estero12 ore fa

Agenzia cyber: «Massiccio attacco hacker in tutto il mondo, decine di sistemi compromessi

Bolzano13 ore fa

Valanghe: fine settimana tragico, sale a 8 il bilancio delle vittime

Bolzano14 ore fa

Marlengo: 200 Vigili del Fuoco lottano per domare l’incendio – IL VIDEO

Bolzano14 ore fa

Drammatico scontro tra due sciatori in Val D’Ultimo, muore un 37enne

Trento14 ore fa

Tim down anche in Trentino, disservizi su mobili e fissi

Trento18 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento20 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento20 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella20 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento22 ore fa

A Trento costituito il Nucleo interforze per il controllo dei fondi del Pnrr

Trento22 ore fa

Sentieristica a misura di famiglia: ecco l’accordo tra Provincia, parchi naturali e Apt trentine

Bolzano23 ore fa

A fuoco il bosco sopra Marlengo, particolarmente difficili le operazioni di spegnimento a causa del forte vento

Val di Non – Sole – Paganella23 ore fa

In fiamme due canne fumarie a Commezzadura e in Primiero

Alto Garda e Ledro23 ore fa

Investito da un camion in rotatoria, gravissimo ciclista 42 enne

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento20 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena5 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza