Connect with us
Pubblicità

Trento

Coprifuoco festa di Capodanno: tutti contro l’assessore Stanchina

 
Chi vede il bicchiere mezzo pieno dice:«dopo tre anni di tristezza almeno fino all' una il centro storico è movimentato», chi invece lo vede mezzo vuoto e ne ha per tutti, «Trento ormai è una città vecchia che sta morendo piano piano». 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

 
Chi vede il bicchiere mezzo pieno dice:«dopo tre anni di tristezza almeno fino all' una il centro storico è movimentato», chi invece lo vede mezzo vuoto e ne ha per tutti, «Trento ormai è una città vecchia che sta morendo piano piano». 
 
La decisione dell'assessore comunale in forza al Patt, Roberto Stanchina, non è stata presa molto bene dai giovani, sui social non si è parlato d'altro per tutto il giorno e i commenti sono stati di incredulità e delusione. L'impressione è che sia un «brodino» per far scomparire il prima possile un terribile mal di pancia, o la classica decisione che cerca di accontentare tutti per poi alla fine scontentare la maggior parte.
 
Dal comune filtrano due diverse motivazioni per questa scelta che dire ambigua è poco, e ambedue, sono piuttosto deboli. La prima parla di decisione presa per salvaguardare e non danneggiare chi organizza degli eventi nei locali, la seconda invece riguarderebbe la sicurezza, infatti l'assessore pensa che smettendo i festeggiamenti all' una della notte di Capodanno i vandali, gli ubriachi, e l'allegra combriccola dei soliti incivili  se ne vada diritta a dormire.
 
Anzi, questa decisione potrebbe anche aggravare la situazione, e mettere in allarme e innervosire queste orde di vandali incivili che riverserebbero le proprie frustrazioni dentro il centro storico.
 
Le dichiarazioni di Stanchina poi hanno peggiorato ancora la situazione, «Io penso che chi cerca divertimento dopo le due di notte vuol dire che cerca altro» – avrebbe detto l'assessore. In molti si sono chiesti se Stanchina la sua giovinezza l'avesse vissuta su Marte, o peggio fosse nato già trentenne.
 
Sul «coprifuoco» di Capodanno, voluto dall'amministrazione comunale di Trento, è intervenuta nel pomeriggio anche la Lega Nord: «dissentiamo sulle dichiarazioni rilasciate dell’Assessore Stanchina – riporta la nota del carroccio – constatato che in occasione di questa particolare festività è naturale che le famiglie e i giovani si riversino nelle vie della città in tarda serata, auspicandosi di intrattenersi ben più di un’ora o due dopo il brindisi di mezzanotte».
 
Sebbene vada tutelata la quiete dei residenti del centro, tutti comunque ritengono che in un’occasione come il Capodanno, che attrae anche turisti e residenti delle Valli e rappresenta una valida possibilità di guadagno per i nostri esercenti, sarebbe utile posticipare l’orario di chiusura dei festeggiamenti.
 
Abbiamo anche sentito i due P.R. più importanti del capoluogo, Matteo Molinari e Chiara Mazzalai che hanno espresso ambedue un parere negativo su questa scelta. 
 
«Da organizzatore di eventi ma ancor prima da giovane trovo la scelta dell'orario ridicola – attacca subito Molinari – io credo che il Comune dovrebbe per il Capodanno ma anche per altri momenti coinvolgere maggiormente gli operatori locali del settore». Molinari, ma non certo da oggi, propone di creare una forte sinergia fra gli organizzatori di eventi e il comune, «Credo che ci siano tante possibilità che per il Comune potrebbero essere a costo zero o cmq a costi limitati, ma ci vuole una vera apertura, un vero coinvolgimento, un vero progetto per crescere assieme e animare questa città che ne ha bisogno sia in termini numerici che qualitativi»
 
Sulla motivazione di Stanchina sul possibile danneggiamento di chi organizza eventi nei locali, Molinari replica duramente: «Ma chi andrà in piazza a festeggiare vorrà dire che non andrà a festeggiare nei locali e terminare all'una mi pare proprio ridicolo, come sarebbe ridicola una notte bianca che termini all'una, non sarebbe più una notte bianca». Sul degrado invece Molinari affonda in modo deciso «il degrado – dice il P.R. – è ben altra cosa.e non avviene alle 2 o 3 di notte, avviene già ormai da tempo in pieno giorno.e non in periferia o in aree dismesse ma in pieno centro città»
 
Matteo Molinari illustra anche una situazione poco decisionista da parte della politica un po' su tutto, «il Comune di Trento sa che la disponibilità mia e di altri colleghi ci sarebbe, ma rimane il fatto che la vera differenza tra dire e fare è fare»
 
Anche Chiara Mazzalai affonda sull'assessore Roberto Stanchina, «siamo abbastanza abituati ahimè alle scelte a dir poco scellerate dall'attuale amministrazione comunale, molto più attenta al sonno dei cittadini, che alla loro sicurezza. Ho trovato a dir poco scandalosa e offensiva verso il Sano popolo della notte, la dichiarazione dell'assessore Roberto Stanchina. Forse a lui non è ben chiaro che chi gira di notte per divertirsi in serate musicali, non può certamente essere equiparato a chi di notte si aggira per il centro in cerca di droghe o per commettere atti vandalici o chi è alla ricerca di donne di malaffare».
 
Parole molto critiche quelle di Chiara Mazzalai che poi lancia un invito a Stanchina, «si mescoli fra la gente che balla e si diverte fino a tarda notte, senza cercare "altro"» e poi incalza ancora, «lo invito ad essere più chiaro cioè a specificare cosa intende per "altro" per così evitare di prendersi una denuncia di massa per diffamazione». La responsabile del Carrozzone eventi sottolinea anche che intorno al mondo della notte e quindi dei locali, gira un volume d'affari che, per quanto modesto possa essere, crea lavoro e introiti in tasse versate dagli operatori del settore. «Mi aspetto dunque un charimento in merito alle sue dichiarazioni» – conclude la P.R. trentina.
 
C'è la sensazione ancora una volta che sia stata presa una decisione superficiale, senza nessun tipo di confronto e condivisione, infatti a prescindere dall'orario appare chiaro che se uno vuol divertirsi combinando delle stupidaggini, prendendo una sbornia, provocando una rissa o  qualche altra bravata, lo può fare sia prima che dopo, indipendentemente dalle regole imposte che purtroppo non servono certo da deterrente sul comportamento di certi «fenomeni».
 
Dai social arriva un consiglio per l'assessore Stanchina:«Piuttosto di metter orari restrittivi farebbe meglio invece a rafforzare gli organi di vigilanza». Ma questa è un'altra storia ancora. 
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Arte e Cultura25 minuti fa

Il grande Brian Eno in Trentino: inaugurazione al Castello del Buonconsiglio venerdì 19 agosto

Valsugana e Primiero47 minuti fa

Da Grigno a Tokyo: il desiderio di creare ponti di Ludovico Minati, tra elettronica, fisica e neuroscienze

Trento1 ora fa

Piano attività 2022-2024 Trentino sviluppo: in arrivo altri 4 milioni di euro

Trento10 ore fa

Scuola, stop all’obbligo di indossare le mascherine per personale e alunni

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

“Quello che possiamo imparare in Africa”: Cavareno incontra don Dante Carraro

Trento11 ore fa

Sanità trentina: 4,5 milioni di euro per abbassare le liste di attesa

Valsugana e Primiero13 ore fa

Era evaso dai domiciliari, 25 enne del Burkina Faso arrestato a Levico Terme

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

La Pro Loco di Tassullo si rinnova: Luca Pilati è il nuovo presidente

Arte e Cultura13 ore fa

Il Mart a Palazzo Libera e al Parco Guerrieri Gonzaga di Villa Lagarina

Trento14 ore fa

Coronavirus in Trentino: un decesso e 324 contagi nelle ultime 24 ore

Trento14 ore fa

Ancora un incidente nei boschi dell’Altipiano di Brentonico: ferito un boscaiolo 72 enne

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Maltempo in Alta Val di Fassa, dichiarato lo stato di calamità

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Anche il Comune di Spormaggiore è “cardioprotetto”

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

L’Asuc di Tuenno sistema la strada forestale, il consigliere Santini si complimenta col direttivo

fashion16 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Mamma orsa in giro con i cuccioli a Spormaggiore – IL VIDEO

Fiemme, Fassa e Cembra4 settimane fa

Trentasette anni fa la tragedia di Stava: per non dimenticare!

Trento2 giorni fa

Tutti animalisti con gli orsi degli altri

Trento2 giorni fa

Mega rissa tra stranieri in centro storico nella notte – IL VIDEO

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Ritrovato dopo due giorni il corpo di Willy, il ragazzo annegato nel lago di Lavarone

Trento2 giorni fa

Morì durante una pratica sadomaso a Trento: assicurazioni condannate a risarcire la famiglia

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Per ferragosto a Cles quattro giorni di eventi ‘fantastici’

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Escono di strada con la moto, deceduti due motociclisti

Trento2 giorni fa

Grosso incendio presso la discarica Podetti. In azione decine di vigili del fuoco

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

Lavarone: anche oggi si cerca senza sosta il corpo di Willy

fashion16 ore fa

Ecco la donna più desiderata dagli italiani per una «scappatella»

Rovereto e Vallagarina2 giorni fa

“Ciao Willy, avrai un intera comunità che pregherà e si ricorderà di te, buon viaggio” il saluto del Comune di Lavarone

Trento3 giorni fa

1.000 euro ad una famiglia trentina: l’Hotel dovrà risarcire il 50% della vacanza

eventi3 giorni fa

Miss Italia: ad Andalo vince la 18 enne Isabel Vincenzi

Italia ed estero2 giorni fa

29 enne austriaca rifiuta un’eredità di 4 miliardi di euro

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza