Connect with us
Pubblicità

Trento

Consegnata ad Alice Magnani la laurea alla memoria, la prima in Italia.

 
«Oggi doveva essere un giorno di festa invece è solo la giornata del ricordo». Questo l'inizio dell'intervento di Dino Magnani il Papà di Alice Magnani nell'aula magna di Scienze motorie del dipartimento di scienze neurologiche e del movimento dell'università di Verona. 

Pubblicato

-

 
«Oggi doveva essere un giorno di festa invece è solo la giornata del ricordo». Questo l'inizio dell'intervento di Dino Magnani il Papà di Alice Magnani nell'aula magna di Scienze motorie del dipartimento di scienze neurologiche e del movimento dell'università di Verona. 
 
Una mattinata struggente dove i presenti si sono commossi ascoltando tutti gli interventi in ricordo di Alice Magnani scomparsa tragicamente quel 21 maggio di un anno fa sulla statale di Dolcè mentre stava rientrando a casa dopo un allenamento di tamburello. 
 
Ad alcuni mesi dalla sua scomparsa, la studentessa di Scienze motorie, oggi alle 10.00, è stata ricordata in occasione del conferimento della “Laurea alla Memoria” in Scienze delle Attività motorie e sportive, la prima rilasciata in Italia.
 
È stato un importante momento di condivisione del mondo accademico e sportivo, coinvolto nelle scienze motorie, con i familiari di Alice e di tutti coloro che l’hanno accompagnata nella sua coraggiosa vita. 
 
Nicola Sartor, il rettore dell’università, ha consegnato il diploma di laurea ai familiari. «Quando abbiamo proposto la laurea alla memoria il senato accademico ha risposto subito di si, – spiega il Rettore – oggi è un momento di forte condivisione di vita collettiva, una grande esperienza per i giovani che frequentano il mondo universitario»
 
Giovanni Malagò, presidente del Coni nazionale ha ricordato il suo incontro con Alice Magnani avvenuto solo alcuni giorni prima del tragico schianto. «Ho avuto la fortuna di conoscere Alice e con lei ci siamo capiti subito – ha dichiarato Malagò visibilmente commosso – non mi era mai capitato di partecipare ad una manifestazione così, spero che non succeda più». 
 
Alice Magnani era impegnata con ottimi risultati nello studio delle Scienze motorie. Associava l'impegno universitario a una esperienza diretta nello sport praticato dall'età giovanile fino ai massimi livelli. Iniziò a giocare a tamburello fin da piccola. Nel 2002 il suo primo titolo italiano con la squadra del Noarna, vicino a Rovereto, e da quel momento sono state innumerevoli le sue soddisfazioni sportive: 13 scudetti, 2 volte la Coppa Italia, 1 Super Coppa europea, 1 Coppa Europa e numerose presenze in Nazionale. Il 28 ottobre 2014 è stata premiata con la medaglia d’oro al valore atletico, e ricevuta al Foro Italico dal presidente del Coni, Giovanni Malagò.
 
È stato il ricordo della amiche del gruppo 3 il più struggente, i suoi compagni di lavoro tirocinanti come lei con i quali all'inizio Alice ha avuto un rapporto contrastante che si è poi aperto fino in fondo diventando unico ed esclusivo. «Dicevi sempre che con il gruppo 3 si sale Alice, – ha ricordato una sua compagna fra le lacrime – ma tu sei salita lassù troppo in fretta e ci hai lasciato soli, grazie per tutte le cose belle che ci hai dato, addio grande guerriera». Oltre 150 le persone in sala, tutte con gli occhi lucidi e con tante domande che rimarrannno senza risposta. Dopo l'intervento tutto il pubblico si è alzato in pieni applaudendo con occhi gonfi di lacrime per numerosi minuti in un'atmosfera irreale e profondamente triste.
 
Poi è toccato a Massimo Lanza illustrare la tesi di Alice Magnani che era già stata consegnata e pronta per essere discussa. Il titolo, «Ruolo preventivo e conservativo dell'attività fisica nell'artrite reumatoide», riporta una sorta di percorso doloroso della sua vita che però, grazie alla passione che la dominava, porta alla strada della speranza. La bestia, così Alice chiamava la sua malattia, si può vincere con la tenacia e la pervicacia, e le parole scritte in una sua intervista lo confermano, «Combattere, sempre! – Ci si può sentire "diversi", fragili e difettosi, ma la voglia di fare e migliorarsi, la forza di volontà, va oltre ogni patologia. Penso che nel mondo c'è chi sta peggio di me, molto peggio e perciò: testa alta, rispetto e forza! Tutto si può, se si vuole veramente!» – questo diceva il primo gennaio 2014.
 
L'ultimo momento, il più emozionante, è arrivato quasi come una sofferenza e con la consapevolezza dell'addio definitivo. Una sala strapiena ha rinnovato l'applauso durante la consegna della laurea alla memoria ai genitori e alla sorella di Alice. Un momento triste ma di grande condivisione, un'istante molto commovente, pieno di lacrime, nostalgia e tanti rimpianti, mentre sullo sfondo impresse sullo schermo sono rimaste le sue ultime parole scritte sulla tesi, i suoi ultimi pensieri, le sue speranze sepolte con lei dopo pochi giorni sulla strada del destino beffardo. E con queste parole vogliamo salutare Alice Magnani, con le sue parole, le ultime… 
 
«Per quanto riguarda questo specifico studio, alcuni individui sembravano sconfitti dalla malattia e hanno rinunciato a molto, compresa l'idea dell'attività fisica. Altri soggetti invece, accettando la malattia con un velo di ironia e sfida, hanno cercato, hanno cercato di avere un atteggiamento nella vita di tutti i giorni e nell'attività fisica, coraggioso e che porta beneficio principalmente a loro stessi».
 
Addio grande guerriera, addio Alice….
 
 
 
 

 

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza