Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Estremismo: le colpe nostre e dell’Islam

Quando i fratelli Kouachi hanno ucciso i vignettisti di Charlie Hebdo, colpevoli di fare vignette sul Profeta Maometto, è stato detto: 'Non ha niente a che fare con l'Islam'. Quando hanno massacrato al Bataclan al grido di 'Allah akbar!', è stato detto: 'Non ha niente a che fare con l'Islam'… Sembra che per la nostra élite politica, i media, il giornalismo, l'obiettivo principale sia quello di salvare l'Islam dalla Francia piuttosto che salvare la Francia dai colpi mortali sotto i quali sta soccombendo”.

Pubblicato

-

Quando i fratelli Kouachi hanno ucciso i vignettisti di Charlie Hebdo, colpevoli di fare vignette sul Profeta Maometto, è stato detto: ‘Non ha niente a che fare con l’Islam’. Quando hanno massacrato al Bataclan al grido di ‘Allah akbar!’, è stato detto: ‘Non ha niente a che fare con l’Islam’… Sembra che per la nostra élite politica, i media, il giornalismo, l’obiettivo principale sia quello di salvare l’Islam dalla Francia piuttosto che salvare la Francia dai colpi mortali sotto i quali sta soccombendo”.

È questa la provocazione che Éric Zemmour, giornalista e saggista francese, ha lanciato nei giorni scorsi dalle colonne del quotidiano transalpino Le Figaro.

Con le sue parole, Zemmour mette in discussione la risposta del governo francese in seguito agli attentati di Parigi del 13 novembre. Secondo il giornalista, negare semplicemente il collegamento tra estremisti islamici e religione, come stanno facendo le autorità francesi, non può funzionare.

Pubblicità
Pubblicità

L’Islam non ha certamente nulla a che vedere con gli orrori perpetrati dai terroristi, ma è altrettanto innegabile che l’estremismo è una malattia che ha colpito il mondo arabo, molti paesi musulmani e alcuni dei membri delle comunità musulmane in Europa.

Sorvolare sul fatto che gli estremisti si auto-identificano come musulmani, ammazzandosi e ammazzando in nome del Corano è stupido e pericoloso.

Negare che i loro crimini abbiano a che fare con l’Islam è negare il confronto vero e reale che sta avendo luogo all’interno della comunità musulmana tra estremisti e riformisti, con questi ultimi impegnati a contrastare la base delle scritture che gli estremisti usano per giustificare le loro folli azioni.

Pubblicità
Pubblicità

L’Islam radicale è un’interpretazione della religione musulmana che nega al singolo credente di poter vivere la propria fede come un fatto privato, e che, piuttosto, presenta la religione come il principale marcatore di identità e cittadinanza.

Il mostro dell’estremismo islamico è figlio dell’islam politico, che ha preso piede con la rivoluzione iraniana del 1979. Un processo politico sostenuto da un ben preciso discorso religioso.

Un processo politico che ha generato un sistema incapace di costruire democrazie durevoli, in cui la libertà di coscienza rispetto ai dogmi della religione venga riconosciuta come diritto morale e politico. Un sistema incapace di garantire l’uguaglianza delle donne, la separazione del potere politico dall’autorità religiosa e l’effettiva tutela delle minoranze.

Usare la religione per legittimare il proprio potere: è stata questa per anni la strategia adottata da molti leader arabi. Nelle moschee si maledicono cristiani, ebrei e infedeli ogni venerdì. Alla televisione, i religiosi invadono gli schermi e predicano un messaggio di odio verso il diverso. Nelle scuole, si insegna che la pena per chi abbandona l’Islam e si converte a un’altra religione è la morte e che cristiani ed ebrei dovrebbero pagare una tassa per vivere in pace sul suolo musulmano.

Riusciremo a estirpare il pensiero estremista solo se colpiremo le sue scuole, i suoi mezzi di comunicazione e le sue fonti di finanziamento. Colpire le fonti di finanziamento significa abbandonane la colpevole ipocrisia che definisce le nostre relazioni con Paesi che da anni investono in questa radicalizzazione, Arabia Saudita e Qatar in testa. Un’ipocrisia dettata dalla convenienza, che ci ha spinto a coltivare per decenni relazioni cordiali con Paesi dove la popolazione è prigioniera di perfidi tiranni, dove le barbarie di cui si sporca le mani l’Isis non sono altro che violenza legalizzata.

Non è una mossa che si può compiere a cuor leggero. Significa rimettere in discussione decenni di relazioni politiche e commerciali. Ma non possiamo limitarci a disarmare il terrorismo islamico, mettendo fuori gioco le cellule più o meno dormienti che infestano mezza Europa o annientando il sedicente stato islamico. Dobbiamo colpirlo al cuore, mirando alla fonte dell’odio, che permette all’ideologia di sopravvivere ai vari Bin Laden, al-Zarqawi e al Baghdadi.

Se così non sarà, l’Islam continuerà a essere ostaggio dei fondamentalisti.

 

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento20 minuti fa

Monitorati in Trentino 1.000 pazienti colpiti da Long Covid

Trento30 minuti fa

Stefania Segnana ammette carenza di medici di medicina generale: in pensione in due anni 99 medici

Piana Rotaliana38 minuti fa

Tre anni fa ci lasciava Rodolfo Borga: il ricordo commosso delle Civiche Mezzolombardo e Rotaliana

Piana Rotaliana1 ora fa

La stagione degli agrumi nel Giardino dei Ciucioi a Lavis

Valsugana e Primiero2 ore fa

La scultura come segno di manualità e le professioni artigianali nel Comune di Grigno

Alto Garda e Ledro2 ore fa

Arco: eletto il Comitato di partecipazione dell’Oltresarca

Trento12 ore fa

Svolta nelle indagini sulle Minacce no-vax a Fugatti: il proiettile è dotazione alle forze armate e alle forze di polizia

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

“Dal banco all’aula virtuale”: il Covid non ferma il Liceo Russell di Cles

Trento12 ore fa

Scuola: alle superiori scatta la Dad con il quarto positivo in classe

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Coronavirus: nelle Valli del Noce 319 contagi nelle ultime 24 ore

Trento13 ore fa

Coronavirus: 6 morti e 3.354 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Si pattina sotto le stelle al Lago Smeraldo

Valsugana e Primiero14 ore fa

Il “magico” incontro con un gruppo di caprioli nella notte a Caldonazzo – IL VIDEO

Valsugana e Primiero14 ore fa

Vigili del fuoco volontari, ieri l’incontro con le Unioni di Primiero e Fassa

Trento15 ore fa

Anche in Bondone il post vacanze è dramma .Il gestore del noleggio sci Degasperi:”E’ il deserto in settimana”

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

L’Altopiano Tibetano e Nepal in due splendide mostre fotografiche virtuali

L’Altopiano Tibetano noto per alcuni dei pascoli più grandi al mondo, non consente lo sviluppo di una vera e propria attività agricola. Anche per questo le popolazioni dell’Altopiano…

Necrologi

Categorie

di tendenza