Connect with us
Pubblicità

Trento

Inclusione scolastica, Anffas onlus: “Siamo ancora lontani dall’obiettivo”.

I timori espressi all’inizio di questo anno scolastico purtroppo, si sono rivelati fondati. Anffas Onlus – Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, infatti, a settembre scorso faceva sua la domanda degli studenti con disabilità e delle loro famiglie: “Nuovo anno, vecchi problemi?”

Pubblicato

-

I timori espressi all’inizio di questo anno scolastico purtroppo, si sono rivelati fondati. Anffas Onlus – Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale, infatti, a settembre scorso faceva sua la domanda degli studenti con disabilità e delle loro famiglie: “Nuovo anno, vecchi problemi?”

Stando a quanto continua ad accadere in questi mesi, così sembra essere – risponde l’organizzazione – e la recentissima la notizia di quella che può essere definita una vera e propria segregazione di un alunno con disabilità costretto a trascorrere le ore scolastiche con la sua sedia a rotelle in uno stanzino, senza alcun tipo di supporto, ne è la conferma.

Pubblicità
Pubblicità

«La situazione denunciata dai genitori dello studente della scuola elementare di Casal Palocco è solo la più recente in ordine di tempo, non sarà l’ultima ed è l’ennesima prova che gli studenti con disabilità sono considerati come studenti di serie b e che la scuola italiana è ancora lontana da una reale inclusione scolastica»: così afferma Roberto Speziale, presidente nazionale di Anffas onlus.

«Anche Anffas Onlus continua a ricevere richieste di aiuto e di informazioni su problemi più diversi, con situazioni di gravità non indifferente: dalla mancata continuità didattica, alla mancata assistenza igienica e specialistica, fino agli immancabili problemi con l’assegnazione delle ore di sostegno». 

«Nonostante la ormai famosa riforma “La Buona Scuola”, lo stato delle cose è rimasto immutato, non si vedono cambiamenti radicali come quelli che sarebbero invece necessari ma, anzi, sembra che nulla si stia muovendo nella direzione giusta. Eppure già a metà settembre di quest’anno il Miur comunicava di avere 90.034 insegnanti di sostegno stabilizzati, altri 25.000 assegnati in deroga e ancora altri 6.446 posti di sostegno da assegnare per il potenziamento dell’organico sul sostegno previsto dalla riforma».

Prosegue Speziale: «Ciò porta a ritenere che non ci si possa più limitare ad aumentare gli insegnanti di sostegno, ma occorre anche ripensare ed investire in maniera determinata sulla formazione, assicurando loro la possibilità di acquisire puntuali competenze per poter svolgere, in aula, come docenti il delicato ruolo di facilitatori nelle dinamiche didattiche all’interno del contesto classe, lavorando in team con gli insegnanti curriculari e le altre figure di supporto all’alunno con disabilità, che, d’altra parte, devono vedere anch’esse innalzate le proprie competenze per poter essere nelle condizioni di lavorare in sinergia con l’insegnante di sostegno».

«Pertanto, Anffas Onlus nel suo determinato impegno nella lotta per il rispetto dei diritti e delle concrete esigenze degli alunni con disabilità e delle loro famiglie prosegue con il suo sostegno deciso alla proposta di legge Fish (federazione cui Anffas aderisce) e Fand sul miglioramento dell'inclusione scolastica (quasi del tutto ripresa nelle prime bozze del decreto delegato della “Buona scuola” sull’inclusione degli alunni con disabilità), che prevede, oltre quanto sopra detto circa la formazione ed i compiti degli insegnanti per il sostegno ed i curriculari, anche interventi volti a favorire una presa in carico degli alunni che parta dal loro profilo di funzionamento (e non dal deficit o dalla sola diagnosi medica!) per individuare gli opportuni assi di interventi personalizzati, le indicazioni per la continuità didattica, creando degli appositi ruoli dei docenti per il sostegno, l’obbligo di riduzione del numero di alunni per classe e del numero di alunni con disabilità nella stessa classe, la formazione obbligatoria in servizio, oltre che iniziale, di tutti i docenti sulle didattiche inclusive, gli indicatori di verifica della qualità dell’inclusione».

Pubblicità
Pubblicità

«L’inclusione scolastica» continua il presidente Anffas «è un diritto da troppo tempo calpestato. È tempo di portare avanti e realizzare delle iniziative concrete che puntino dritto all’obiettivo e la proposta di legge Fish-Fand (con i suoi principi ripresi nella bozza di decreto delegato della riforma sulla “Buona Scuola”) ne è un esempio e dispiace vedere la persistenza di conflitti interni agli ambienti scolastici e commenti poco proficui per il lavoro che si sta cercando di portare avanti provenienti da persone, a volte anche gli stessi docenti, che purtroppo dimostrano di non avere una adeguata informazione o di avere una poco approfondita conoscenza dell’argomento o peggio che tendono a basarsi su posizioni preconcette o tese solo a difendere interessi altri rispetto a quelli degli alunni e studenti con disabilità, tanto da arrivare addirittura a dichiarare erroneamente che si stia creando una figura di docente di sostegno “medico” o di “tutor”, che si occuperà solo, e da solo, dell’alunno con disabilità, laddove, come detto, ben altre sono le intenzioni e le mirate azioni che si stanno costruendo».

«Questo non vuol dire che non c’è apertura verso opinioni diverse: rimane ovviamente la disponibilità di tutti a creare e mantenere un confronto ed un dialogo costruttivo con chi ha il desiderio di raggiungere lo stesso fine – attraverso lo scambio di tesi e proposte costruttive – ossia il miglioramento del nostro sistema scolastico rendendo concreto ed esigibile il diritto all’inclusione scolastica degli alunni e studenti con disabilità, su cui, invece, Anffas non ha intenzione alcuna di arretrare».

Conclude Speziale: «L’inclusione scolastica non è importante solo per gli alunni con disabilità e le loro famiglie, ma è importante per tutti, perché la costruzione di una comunità che non discrimina parte soprattutto dai giovani, dai bambini, dai ragazzi: il futuro di una società inclusiva e non discriminante inizia quindi anche da qui».

{facebookpopup2}

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • “CrowdWine”, l’originale sistema per sostenere le piccole cantine italiane
    In un momento storico in cui l’intero settore del vino italiano ed internazionale sta vivendo un profondo cambiamento strutturale, relazionale e sopratutto commerciale è nata un’idea per sostenere le piccole e medie cantine italiane. L’idea prende spunto direttamente dal più noto crowdfunding, tentando di avvicinare i consumatori con i produttori attraverso l’ormai utilizzatissimo sistema di […]
  • Coronavirus: un team di giovani donne progetta ventilatori polmonari con ricambi di automobili
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus ha colpito anche angoli di mondo già molto fragili come L’Afghanistan, Paese precedentemente dilaniato da decenni da guerre e dittature che, dopo l’arrivo del Coronavirus rischia di mettere definitivamente in ginocchio il fragile sistema sanitario. Nonostante il Governo di Kabul abbia adottato i più noti sistemi prevenzione, come il distanziamento sociale […]
  • Beer SPA, una tappa imperdibile nella splendida Praga
    Ti piacciono la birra e le belle città d’Europa? Allora una tappa alla Beer SPA delle capitale Ceca è d’obbligo. Aperta nel 2013, la Original Beer SPA, negli anni, ha riscosso un grande successo soprattutto tra coloro che amano il connubio tra belle città, relax e attrazioni peculiari o comunque diverse dal solito. Ma cos’è […]
  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]

Categorie

di tendenza