Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Cancro alla prostata: un passo avanti nella cura personalizzata. Copertina di “Science Translational Medicine” per uno studio del CIBIO

Da oggi la resistenza a un farmaco frequentemente somministrato ai pazienti con tumore prostatico metastatico si scopre con l’esame del sangue.

Pubblicato

-

Da oggi la resistenza a un farmaco frequentemente somministrato ai pazienti con tumore prostatico metastatico si scopre con l’esame del sangue.
Il test è il risultato di uno studio internazionale condotto dai ricercatori del CIBIO e da clinici e scienziati britannici. Il lavoro ha conquistato la copertina del giornale scientifico “Science Translational Medicine”
 
Nella cura dei tumori è cruciale non perdere tempo: bisogna individuare velocemente la terapia più adatta ed evitare di intraprendere strade sbagliate. Come possiamo sapere in anticipo se un paziente è resistente al farmaco? Basta un esame del sangue e l’analisi del DNA tumorale in esso contenuto per prevedere la reazione che un paziente con tumore prostatico metastatico potrà avere al trattamento, in questo studio il farmaco abiraterone, e capire così se procedere o preferire un approccio farmacologico alternativo. 
 
Ad aprire nuove prospettive per la cura personalizzata di pazienti oncologici è uno studio pubblicato da poche ore in copertina sull’importante rivista medica “Science Translational Medicine” (gruppo editoriale “Science") e condotto dal gruppo di ricerca di Francesca Demichelis del Centro di Biologia integrata (CIBIO) dell’Università di Trento in collaborazione con il Royal Marsden NHS Foundation Trust, l’Institute of Cancer Research di Londra e l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori di Meldola.
 
Nonostante l’abiraterone sia un farmaco efficace non tutti i pazienti rispondono al trattamento. Una importante percentuale di pazienti, compresa tra il 30-60%, è infatti resistente a questo farmaco. I ricercatori hanno individuato un biomarcatore misurabile con un esame del DNA che si esegue da un prelievo di sangue. I risultati sinora raggiunti suggeriscono che il biomarcatore individuato è in grado di predire accuratamente, prima ancora di iniziare la cura, se un paziente risponderà o meno al trattamento con abiraterone.
 
«La capacità di quantificare il DNA tumorale da un campione di sangue e di caratterizzare alterazioni presenti nella sua struttura ha enormi potenzialità» spiega Francesca Demichelis, responsabile del Laboratorio di Oncologia Computazionale al CIBIO e coautrice dell’articolo.
 
«La biopsia liquida, così viene chiamato questo tipo di test, oltre a essere un esame non invasivo offre una visione d’insieme dello stato di avanzamento del tumore nel paziente, a differenza di una biopsia standard che ne descrive solo una porzione circoscritta. La biopsia liquida è molto informativa nel caso di tumori avanzati nel momento della scelta terapeutica».
 
Lo studio è stato condotto su 274 campioni di sangue di 97 pazienti analizzati attraverso le tecniche di sequenziamento del DNA. Gerhardt Attard, oncologo presso il Royal Marsden di Londra e principale collaboratore di questo studio con il CIBIO dell’Università di Trento, dice: «Stiamo ora disegnando un trial clinico che coinvolgerà 600 pazienti. L’obiettivo è valutare in modo prospettico se per i pazienti positivi al nostro test è più indicato un trattamento chemioterapico rispetto all’abiraterone».
 
In linea di principio, la stessa metodologia sviluppata in questo studio si può applicare ad altri tipi di tumore e potenzialmente anche in fasi di malattia meno avanzata. 
 
I giovani ricercatori del gruppo di Oncologia Computazionale del CIBIO che hanno condotto questo studio con Francesca Demichelis sono Alessandro Romanel e Nicola Casiraghi.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza