Connect with us
Pubblicità

Trento

Alluvioni “estreme”: parte il progetto MHYMESIS

Come possiamo difenderci dalle "alluvioni estreme"? In quale misura possiamo prevedere, e prevenire, colate di detriti e piene iperconcentrate? 

Pubblicato

-

Come possiamo difenderci dalle "alluvioni estreme"? In quale misura possiamo prevedere, e prevenire, colate di detriti e piene iperconcentrate? 

A queste domande vuole rispondere il progetto MHYMESIS (Modelling Hazard of hYperconcentrated Mountain flows: a wEbgis SImulation System), una ricerca applicata sul tema della prevenzione del dissesto idrogeologico in ambiente montano che ha preso il via in questi giorni per iniziativa del Centro Universitario per la Difesa Idrogeologica nell’Ambiente Montano (CUDAM, Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Trento). Obiettivo del progetto è sviluppare un modello per lo studio degli eventi alluvionali estremi che mobilitano notevoli quantità di materiale solido quali piene iperconcentrate e colate di detriti, per poter "prevedere" tali eventi ma, soprattutto, poterli prevenire mappando preventivamente le zone soggette a pericolo e progettando le opere idrauliche di mitigazione più adatte e mirate.

In ambiente alpino i fenomeni di piena si associano in genere a ingenti deflussi di materiali solidi. Si tratta di fenomeni che possono manifestarsi, in modo assai rapido, in seguito a forti piogge, quando nei torrenti di montagna finisce per scorrere non solo l'acqua ma anche grandi quantità di sedimenti, fino ad arrivare a vere e proprie colate di detriti nelle quali vengono coinvolti di frequente anche grossi massi.

PubblicitàPubblicità

Tra gli eventi più recenti e di maggiore impatto va ricordata la colata di Campolongo dell'agosto 2010, ma le alluvioni sono tutt'altro che eventi rari: ben 12 nel solo 2014 sono stati in Trentino gli eventi classificati dal Servizio Bacini montani come "alluvionali" (un tredicesimo evento, tra il 4 e 6 novembre, ha riguardato l'intero territorio provinciale), per lo più concentrati nei mesi di agosto e settembre: metà di questi hanno riguardato il bacino dell'Avisio.

Per mitigare il rischio idraulico ed idrogeologico il Servizio Bacini Montani è impegnato da molti anni a realizzare nei vari bacini idrografici opere di sistemazione idraulica e forestale, un patrimonio di manufatti che a tutt'oggi vede sul territorio provinciale la presenza di quasi 18.000 briglie, oltre 335 chilometri di cunettoni, quasi 500 chilometri di opere spondali, 87 chilometri di argini in rilevato e 460 spazi di deposito. Nel 2014 sono stati aperti 205 cantieri di sistemazione idraulica e forestale, di cui 157 per interventi di ordinaria manutenzione.

La definizione della pericolosità del fenomeni torrentizi e fluviali e la loro rappresentazione su base geografica ha assunto, nel tempo, notevole rilevanza quale strumento di supporto sia alla pianificazione urbanistica del territorio, sia alla gestione delle emergenze negli interventi di protezione civile. Di qui la necessità di disporre di banche dati costantemente aggiornate quali il Reticolo idrografico, per il quale si è da poco ultimata la revisione, ed il Catasto delle opere di sistemazione idraulico-forestale, anch'esso ora in fase di revisione strutturale ed organizzativa. 

Il sistema di previsione che verrà realizzato grazie a "MHYMESIS" sarà sviluppato sfruttando le più avanzate tecniche di simulazione al computer e di gestione dei dati territoriali oggi disponibili, e costituirà uno strumento utile a disposizione di amministrazioni e professionisti per la delimitazione preventiva delle zone soggette a pericolo e per la progettazione delle opere di difesa.

"Il nuovo sistema MHYMESIS – spiega Giorgio Rosatti, responsabile del progetto – sarà il risultato di un processo di trasferimento tecnologico dal mondo della ricerca a quello professionale applicativo, e si caratterizzerà per una affidabile capacità previsionale e per una grande facilità d’uso. Queste proprietà potranno contribuire in maniera significativa allo studio della dinamica di eventi alluvionali, alla diffusione di pratiche di pianificazione e protezione del territorio efficaci e razionali (come ad esempio la mappatura del pericolo), nonché allo sviluppo di robusti criteri di progettazione e di verifica di opere per la mitigazione del rischio. Inoltre, la prevista elevata qualità grafica e l’affidabilità scientifica del nuovo sistema porteranno vantaggi di rilievo anche nella comunicazione con gli stakeholders, in quanto sarà possibile descrivere in modo interattivo e tridimensionale eventuali interventi sul territorio, agevolando tecnici e responsabili politici locali e favorendo la partecipazione della popolazione e la diffusione di una robusta cultura di prevenzione e autoprotezione."

I partner del progetto MHYMESIS

Oltre al CUDAM, il pool di ricerca – coordinato dal professor Giorgio Rosatti – comprende il Servizio Bacini Montani della Provincia autonoma di Trento, il Dipartimento Programmazione, Difesa del suolo e risorse idriche della Regione autonoma Valle d’Aosta, il Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Edile e Geotecnica (DISEG) del Politecnico di Torino e la ditta Trilogis Srl di Rovereto. Il progetto è cofinanziato dalla Fondazione CARITRO di Trento, che ha promosso l’attività di ricerca scientifica e tecnologica nell’ambito della gestione e salvaguardia dell’ambiente. 

Il CUDAM partecipa al progetto mettendo a frutto le proprie competenze nella ricerca di base e applicata relativa ai fenomeni di dissesto idrogeologico in territorio montano e nello studio di strumenti e strategie di difesa. Molte delle conoscenze sviluppate negli anni dal CUDAM sono confluite nel modello Trent2D (Transport in Rapidly Evolutive, Natural Torrent) che, grazie al progetto MHYMESIS, verrà esteso nelle sue funzionalità, per renderlo utilizzabile su più larga scala. 

Il DISEG del Politecnico di Torino contribuirà a MHYMESIS con uno studio reologico sulle colate su fondo fisso e, inoltre, validerà le versioni aggiornate del software attraverso casi test e casi di studio reali. I dati per la validazione saranno forniti dalla Regione autonoma Valle d’Aosta e dalla Provincia autonoma di Trento.

Il Servizio Bacini Montani contribuirà a fornire un quadro delle esigenze e delle difficoltà operative che si incontrano sul campo, nonché un contributo alla caratterizzazione statistica degli eventi meteorici che innescano fenomeni di colata.
Infine, la ditta Trilogis Srl, azienda locale specializzata in tecnologie per il trattamento di dati territoriali, si occuperà dello sviluppo di una moderna soluzione WebGis per l’interfacciamento tra il modello ed un applicativo per la gestione dei dati territoriali.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza