Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Immigrazione, la lezione svedese: “Senza istruzione non c’è integrazione”

I migliaia di disperati accalcati ai nostri confini portano con sé una scomoda verità: senza adeguate risposte, l'emorragia che sta svuotando Siria ed Iraq cambierà per il sempre il volto dell'Europa.

Pubblicato

-

I migliaia di disperati accalcati ai nostri confini portano con sé una scomoda verità: senza adeguate risposte, l’emorragia che sta svuotando Siria ed Iraq cambierà per il sempre il volto dell’Europa.

È un salto nel vuoto, o quasi, quello che molti Paesi europei si apprestano a compiere per rispondere a una sfida di dimensioni epocali. Non si tratta solo di arginare l’ondata migratoria, ma, soprattutto, di trovare soluzioni rapide ed efficienti per integrare i nuovi arrivati all’interno delle nostre società.

Che ne sarà dell’Europa che conosciamo? Cosa fare e, soprattutto, cosa non fare per scongiurare gli scenari più apocalittici?

Pubblicità
Pubblicità

La risposta potrebbe essere sotto il nostro naso. Esiste, infatti, un Paese in Europa, che negli anni passati ha, più di ogni altro, aperto le sue porte ai cittadini stranieri e che oggi sta vivendo una serie di problemi che la maggior parte degli Stati europei rischiano di dover affrontare negli anni a venire.

Il Paese in questione è la Svezia, (auto)celebrata “potenza morale” che già dal 2013 ha deciso di offrire il permesso di soggiorno permanente agli immigrati che fuggono dalla Siria.

Un biglietto per Stoccolma e comincia il viaggio nel futuro.

Pubblicità
Pubblicità

A 35 chilometri a sud ovest della capitale, c’è una piccola cittadina che si è trasformata in un vero e proprio laboratorio per quanto riguarda le politiche di accoglienza. Si tratta di Sodertalje, la “piccola Baghdad svedese”: qui gli immigrati costituiscono circa la metà di una popolazione totale di 92mila residenti. Da sola Sodertalje ha accolto più rifugiati siriani e iracheni che Gran Bretagna e Stati Uniti messi insieme.

La parte del leone la fanno i 30mila cristiani provenienti da tutto il Medio Oriente, che nel corso dei decenni hanno hanno trovato qui rifugio dalle guerre e dall’intolleranza religiosa.

È nel sobborgo di Ronna che finisce la Svezia delle favole e comincia quella della segregazione. È dagli anni 50 che questo sobborgo si è trasformato in una calamita per gli immigrati. Finlandesi, slavi e, oggi, cristiani provenienti da Turchia, Siria e Iraq si sono impadroniti del quartiere. Ben l’85% della popolazione è straniero.

Ne derivano una serie di problemi. Il primo è legato all’istruzione. Infatti, nelle scuole di Ronna, la stragrande maggioranza degli studenti è straniera. Questo si traduce in ovvie difficoltà di appredimento della lingua e della cultura svedesi.

Un problema che viene acuito dalla scarsa propensione della popolazione straniera a muoversi al di fuori dei confini del quartiere, in quello che potrebbe essere definito come uno sforzo di auto-ghettizzazione.

La colpa è anche del sistema di immigrazione svedese, che permette ai nuovi arrivati di scegliere dove vogliono andare a vivere. Ne risulta, che molti decidono di unirsi alla famiglia e agli amici che già abitano i sobborghi di Ronna, o che vivono in quartieri altrettanto segregati a Stoccolma, Goteborg e Malmo.

Permettere ai migranti di scegliere dove andare equivale concedergli la libertà di scegliere la povertà. Andare a vivere in quartieri abitati per la stragrande maggioranza da altri immigrati pone infatti una seria ipoteca sulla capacità di apprendimento dello svedese dei nuovi arrivati.

A tal proposito, la autorità di Sodertalje fanno notare che sarebbe necessaria una più equa ripartizione dei migranti tra le varie municipalità. Un dibattito che rispecchia quello che sta avendo luogo in Europa. L’integrazione, infatti, è possibile solo laddove i migranti hanno la reale possibilità di apprendere la lingua e le regole della società all’interno della quale sono inseriti.

L’auto-segregazione non si ripercuote solo sull’educazione, ma anche sulle condizioni abitative dei nuovi arrivati. Non è raro, infatti, che i migranti di Sodertalje si riducano a vivere in appartamenti di tre stanze che spesso ospitano fino a venti persone. Una situazione che danneggia soprattutto i più piccoli. Come fanno a dormire o a studiare in certe condizioni?

Il quadro si completa con le difficoltà a trovare un impiego. Ci vuole solitamente almeno un anno prima che la domanda di asilo sia processata ed è praticamente impossibile per i migranti trovare un’occupazione in questo periodo. Ma anche dopo la situazione non è migliore: le aziende svedesi richiedono spesso delle competenze diverse da quelle che i migranti sono in grado di offrire.

La speranza sono le nuove generazioni. Circa il 40% del bilancio comunale è dedicato all’istruzione. “L’istruzione è lo strumento più potente per promuovere l’integrazione“, sottolineano la autorità della cittadina.

Una lezione sulla quale è ora di cominciare a riflettere.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza