Connect with us
Pubblicità

L'interrogazione

A Susà di Pergine cinque piani di desolazione… e io pago! – interrogazione di Claudio Cia

"Perché la Provincia acquisisce immobili anche se non sa cosa farsene?". E’ la domanda che il consigliere provinciale Claudio Cia pone direttamente al Presidente della Giunta Ugo Rossi.

Pubblicato

-

"Perché la Provincia acquisisce immobili anche se non sa cosa farsene?". E’ la domanda che il consigliere provinciale Claudio Cia pone direttamente al Presidente della Giunta Ugo Rossi.

Dopo aver portato all'attenzione del governo provinciale la situazione di degrado della scuola per gli sport invernali al Passo del Tonale, ​ ​ex hotel Panorama di Sardagna, ora Claudio Cia affronta la spinosa vicenda del complesso ex Artigianelli a Susà di Pergine.

Pubblicità
Pubblicità
Complesso dalle dimensioni notevoli, oggetto di uno scambio – nel vicino 2014 – con un edificio situato a Trento in piazza Fiera. "Un'operazione – sostiene Cia – priva di logica, visto che non è dato sapere a quali interessi di carattere pubblico questa risponda".
 
Di certo c’è che da quando questo immobile è entrato a far parte del patrimonio della Provincia è oggetto di un selvaggio sciacallaggio. Vetri frantumati, porte divelte, termosifoni asportati, il locale caldaia spogliato di parte dei suoi elementi, bagni distrutti, i tetti spogliati dalle grondaie e dai pluviali, la grande chiesa con l’imponente mosaico dell'artista Mino Buttafava trasformata in campo da gioco, il grande teatro che a guardarlo trasmette tristezza, ecc…
 
Il consigliere li chiama "cinque piani di desolazione", dove immagini di degrado e abbandono rivelano la leggerezza con la quale troppo spesso la classe politica del nostro governo Provinciale amministra risorse che non sono sue, ma sono dei cittadini Trentini che lavorano, che pagano le tasse, che fanno sacrifici per garantirsi il pane quotidiano… come disse Totò: "e io pago!".

LA STORIA DELL'IMMOBILE – L’immobile iniziò a svolgere il servizio nei confronti della comunità di Pergine, garantendo ospitalità temporanea agli istituti scolastici di vario ordine e grado per cui venivano realizzate nuove sedi oppure le cui sedi erano interessate da lavori di adeguamento e ristrutturazione. La scuola dell’infanzia di Caldonazzo venne ospitata nell’edificio nella prima parte dello scorso decennio, quando la sua sede fu oggetto di un intervento di ristrutturazione. Tale funzione di servizio si articolò anche nell’utilizzo dell’immobile a favore degli ospiti della casa di riposo ed ancora per i malati psichiatrici.

Esaurita tale funzione, nel corso del passato decennio lo stabile venne abbandonato. Mentre iniziava la messa a fuoco della sua possibile acquisizione da parte della Provincia, cominciavano anche le “operazioni” di indisturbato saccheggio e di generale devastazione che hanno sfigurato l’immobile.

Con deliberazione n. 2360 del 22 dicembre 2014 la Giunta provinciale autorizzava la stipulazione di un contratto di permuta con contestuale costituzione di servitù fra la Provincia Autonoma di Trento e l'Istituto Pavoniano Artigianelli di Trento (Congregazione religiosa dei Figli di Maria Immacolata – Provincia Italiana), con il quale la P.A.T. avrebbe acquisito la proprietà dell’enorme edificio di Susà di Pergine, conil piazzale a valle, con contestuale costituzione di servitù passiva a carico dei beni acquisiti dalla Provincia Autonoma di Trento a favore dell’Istituto Pavoniano Artigianelli.

Pubblicità
Pubblicità

La parte alta, a monte della strada che porta al Mas del Pic, con la Casa San Giuseppe e la Casa dei Masadori, sarebbe rimasta proprietà dei Pavoniani. La Provincia disponeva il trasferimento ai Pavoniani della proprietà di parte dell’edificio situato a Trento in piazza Fiera n. 4, che ospitava uffici dell’Amministrazione, con contestuale costituzione di servitù a favore dell’Istituto Pavoniano Artigianelli.

Come riportato nella delibera citata, le apposite perizie di stima svolte dal Servizio Gestioni Patrimoniali e Logistica della Provincia, datate novembre 2014, avevano quantificato: per i beni ceduti dalla Provincia Autonoma di Trento all’Istituto Pavoniano, un valore di mercato pari a euro 4.251.000,00 al netto delle servitù; per i beni ceduti dall’Istituto Pavoniano Artigianelli alla Provincia Autonoma di Trento, comprensivo della servitù passiva a favore delle restanti realità dell’Istituto Pavoniano Artigianelli, un valore, determinato ai sensi dell’art. 36 della L.P. 23/1990, pari a complessivi Euro 5.742.000,00.

La delibera dava, quindi, conto che in data 21/11/2014 il Superiore provinciale della Congregazione Religiosa dei Figli di Maria Immacolata (Pavoniani) – Provincia Italiana, cui fa capo l’Istituto Pavoniano Artigianelli di Trento, aveva inviato una dichiarazione di accettazione del valore di permuta alla pari, senza conguaglio, per l’importo complessivo di Euro 4.251.000,00, oltre ad eventuali oneri fiscali.

«Ora, – Afferma Claudio Cia – sicuramente non mancheranno coloro che ritengono tale accordo un successo per la Provincia, poiché il mancato conguaglio genererebbe un incremento del patrimonio provinciale pari a circa 1,5 milioni di euro. A tutti costoro, consiglierei di fare, come ho fatto io, un sopralluogo presso l’immobile a Susà di Pergine. A dieci mesi dalla citata delibera, lo stato di abbandono è totale. Senza alcun problema si entra all’interno dell’edificio. Lo spettacolo, che già da fuori è desolante, si arricchisce di ulteriori sconcertanti scoperte. Vetri rotti e sparpagliati ovunque, infissi distrutti, porte divelte, bagni distrutti, pavimentazioni scrostate e in via di disfacimento, pozzanghere che sono tracce di allagamenti evidentemente ripetuti, dal momento che le grondaie sono state smontate dopo la rimozione della prima fila di tegole, quadri elettrici semidistrutti, termosifoni divelti, tubazioni degli impianti danneggiate, porte degli ascensori che si aprono direttamente sul vano ascensore – situazione assai rischiosa, per il pericolo di cadute con gravi conseguenze -, muri che si scrostano e intonaci che si staccano, vecchi indumenti e materassi abbandonati, materiale di ogni genere ammucchiato alla bell’è meglio all’esterno, campetti da calcio e basket abbandonati e preda delle erbacce, che crescono anche in prossimità dell’edificio, interruttori rimossi, mobili vecchi e fatiscenti, calcinacci un po’ ovunque, estintori lasciati per terra, locale caldaia danneggiato e saccheggiato da vandali, la chiesa anch’essa lasciata in stato di totale abbandono». 

Secondo Cia tale situazione, oltre ad essere originata dalla colpevole incuria di chi avrebbe dovuto garantire sino ad ora la sicurezza e la conservazione dell’area, pone seri dubbi circa l’utilità dell’operazione di permuta sopra richiamata.

«Tale situazione denuncia vizi di miopia e di superficialità ed evidenzia la leggerezza con cui troppo spesso la classe di governo della nostra Provincia amministra risorse che non sono sue, ma sono dei Trentini che lavorano, che pagano le tasse, che sfanno sacrifici e che amministrano con oculatezza i propri soldi» Termina Cia.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele
    In arrivo un disegno di legge temporaneo per rimediare alla discontinuità del lavoro nel mondo dello spettacolo. Una sorta di bonus contributivo per pareggiare, dal punto di vista pensionistico i lavoratori dello spettacolo per gli... The post Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza