Connect with us
Pubblicità

Sport

Buona la prima: la Diatec Trentino vince a Monza

Più forte della stanchezza, delle assenze ma anche della tradizione che l’aveva vista sempre sconfitta nei precedenti quattro debutti in campionato giocati lontani dal PalaTrento. 

Pubblicato

-

Più forte della stanchezza, delle assenze ma anche della tradizione che l’aveva vista sempre sconfitta nei precedenti quattro debutti in campionato giocati lontani dal PalaTrento. 

Con una prova di forza particolarmente significativa, la Diatec Trentino inaugura con un importante 3-1 al PalaIper di Monza il proprio cammino in SuperLega UnipolSai 2015/16. Nonostante i problemi di formazione (Urnaut rimasto a Trento, Djuric in panchina per problemi alla schiena), i Campioni d’Italia hanno infatti ottenuto l’intera posta in palio sul campo della Gi Group nel recupero del primo turno trovando una affermazione che sfata al tempo stesso il tabù statistico degli esordi fuoricasa.

Pubblicità
Pubblicità

I tre punti ottenuti in Brianza sono quanto di meglio si potesse chiedere alla vigilia, tenendo conto delle condizioni con cui la squadra si è presentata in Lombardia. Senza cedere agli alibi, invece, la squadra di Radostin Stoytchev ha saputo soffrire, scendere in campo con lo spirito giusto e portare a casa un successo in quattro set che consente di balzare subito in testa alla classifica assieme a Latina, Verona e Piacenza. Protagonisti del positivo blitz sul campo della GI Group volti già noti ai tifosi come capitan Lanza (una sicurezza con 16 punti), Solé (14 con 4 muri ed il 77% a rete) e Giannelli ma anche e soprattutto giocatori come Antonov (altra ottima prestazione) e Nelli (mvp del match con 18 punti  – best scorer) che non hanno fatto rimpiangere i titolari. Una bella iniezione di fiducia in vista di un calendario che nel giro di sette giorni vedrà i gialloblù impegnati finalmente in casa con Padova e Maaseik.

La cronaca della gara. Nello starting six della Diatec Trentino sono due le defezioni più evidenti; la coppia di posto 4 è nuovamente composta da Lanza e Antonov con Urnaut che non va nemmeno a referto, mentre in diagonale a Giannelli nel ruolo di opposto c’è Nelli e non Djuric (a riposo); al centro Stoytchev ripropone Solé e Van de Voorde, con Colaci libero. Oreste Vacondio, tecnico di Monza, risponde con Jovovic alzatore, Renan opposto, Botto e Rousseaux schiacciatori, Beretta e Verhees al centro, Rizzo libero.

L’inizio è equilibrato ma piuttosto falloso almeno in attacco per quanto riguarda Monza, così la due squadre procedono a braccetto sino all’11-11, poi dopo il time out tecnico i tricolori accelerano con Lanza e Nelli (15-12) ma vengono immediatamente ripresi da Rousseaux. Il nuovo spunto lo produce Solé (attacco e muro su Renan che vale il 19-16), poi Trento dilaga col primo block vincente di Van de Voorde (22-18) e chiude i conti sul 25-20 grazie ad un altro break point di Lanza.

Pubblicità
Pubblicità

Sulla falsariga del primo set anche il secondo parziale con la Diatec Trentino che scappa via a più riprese con Solé e Giannelli (4-1, 12-9). La Gi Group fatica a mettere a terra il pallone in posto 2 con Renan ma Trento ne approfitta solo in parte, tant’è vero che l’ace di Botto su Antonov riporta sotto i suoi (14-13). Rousseaux passa con regolarità in attacco e permette ai padroni di casa di mettere la freccia (17-19). Stoytchev chiama time out ma non riesce a chiarire le idee ai suoi, che nella parte finale non colmano il gap: 22-23 e 22-25 con punto risolutore del neoentrato Galliani.

I Campioni d’Italia reagiscono in apertura del terzo periodo spingendo forte col servizio, fondamentale che consente ai gialloblù di volare sul +3 al time out tecnico (12-9) grazie ai colpi vincenti di Nelli, Antonov e Daniele Mazzone, in campo dal precedente set al posto di Van de Voorde. Proprio un muro del centrale arrivato da Città di Castello permettono ai gialloblù di scappare sul +4 (22-18) e poi di gestire il cospicuo vantaggio sino al 25-20 sfruttando un errore di un fallosissimo Renan.

Il muro trentino alza la saracinesca in avvio di quarto set e issa i tricolori al +4 (6-2) poi corretto in +5 (10-5) grazie ad uno splendido spunto di Antonov. Monza prova a riavvicinarsi (12-9) con Verhees ma Lanza la spinge di nuovo lontano chiudendo bene un paio di servizi positivi di Giannelli (15-10). Galliani replica fra attacco e battuta (16-14), i gialloblù soffrono ma non si scompongono e trascinati da Nelli e Lanza mantengono il vantaggio sino all’ultimo chiudendo sul 25-22.

Sono contento per i tre punti ma anche per la prestazione della squadra che ha saputo stringere i denti in una situazione non semplicissima sotto tanti punti di vista  – ha commentato a fine gara Radostin Stoytchev . Il risultato è quindi importante ma lo è altrettanto anche il modo in cui è arrivato; ci sono tante cose da registrare, dobbiamo recuperare due giocatori importanti come Urnaut e Djuric ma nel frattempo non ci scoraggiamo e ci appoggiamo a chi abbiamo come Antonov, Lanza e Nelli che oggi sono stati davvero bravi nel momento decisivo del match, fra terzo e quarto parziale. Siamo cresciuti nel corso del match trovando maggiore aiuto da tutti i fondamentali; adesso pensiamo già al prossimo appuntamento, finalmente di fronte al nostro pubblico”.

Per la Diatec Trentino appena quattro giorni di tempo prima del prossimo appuntamento in SuperLega UnipolSai – il primo stagionale di fronte al proprio pubblico. Domenica 1 novembre alle ore 18 al PalaTrento giungerà infatti la Tonazzo Padova, piegata in casa da Latina al debutto.

Di seguito il tabellino della gara della prima giornata di regular season di SuperLega UnipolSai 2015/16 giocata questa sera al PalaIper di Monza.

Gi Group Monza-Diatec Trentino 1-3
(20-25, 25-22, 20-25, 22-25)
GI GROUP: Jovovic, 2, Rousseaux 12, Beretta 9, Zanatta 9, Botto 15, Verhees 12, Rizzo (L); Daldello, Galliani 7. N.e. Copelli, Sala, Mercorio, Brunetti, Gao. All. Oreste Vacondio.
DIATEC TRENTINO:Van de Voorde 3, Giannelli 4, Lanza 16, Solé 14, Nelli 18, Antonov 13, Colaci (L); Mazzone D. 3, De Angelis, Bratoev. N.e. Mazzone T., Djuric. All. Radostin Stoytchev.
ARBITRI: Tanasi di Siracusa e Cipolla di Palermo.
DURATA SET: 27’, 29’, 27’, 27’; tot  1h e 50’.
NOTE: 2.000 spettatori circa, incasso non comunicato. Gi Group: 4 muri, 4 ace, 13 errori in battuta, 10 errore azione, 50% in attacco, 58% (35%) in ricezione. Diatec Trentino: 9 muri, 4 ace, 11 errori in battuta, 8 errore azione, 50% in attacco, 59% (27%) in ricezione. Mvp Nelli.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza