Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Morire per la pace si può: chi sono i responsabili degli attentati di Ankara?

È trascorsa ormai più di una settimana da quando abbiamo assistito alla strage che ha colpito Ankara, la capitale turca, durante una manifestazione pacifista in favore della risoluzione del conflitto tra il governo e i separatisti curdi.

Pubblicato

-

È trascorsa ormai più di una settimana da quando abbiamo assistito alla strage che ha colpito Ankara, la capitale turca, durante una manifestazione pacifista in favore della risoluzione del conflitto tra il governo e i separatisti curdi.

Si è trattato di un vero e proprio attentato che non ha lasciato scampo ai manifestanti che si accingevano a prendere parte ad un corteo pacifista organizzato dal Partito Democratico Dei Popoli, da sempre sostenitore delle rivendicazioni della minoranza curda, e appoggiato da diverse organizzazioni sindacali e della società civile.

Prima ancora che i manifestanti arrivassero nel centro della capitale, mentre si trovavano ancora riuniti nella stazione ferroviaria di Ankara, due violente esplosioni hanno causato una vera e propria strage uccidendo ben 97 persone e ferendone quasi duecento.

Pubblicità
Pubblicità

Il corteo, il cui slogan sarebbe dovuto essere Pace, lavoro e democrazia, dunque non ha mai preso forma, stroncato sul nascere da quelli che si pensano essere due attentati suicidi perpetrati da membri dei gruppi terroristici del Paese.

L’obiettivo principale della manifestazione era quello di protestare contro la crescente violenza che caratterizza lo scontro tra il governo e il gruppo separatista curdo affiliato al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) attivo soprattutto nella regione mediorientale della Turchia.

Le indagini della polizia si sono subito orientate verso le frange estremiste degli integralisti islamici e dunque il mirino è stato puntato da subito contro i terroristi appartenenti all’ISIS. Il governo sarebbe giunto ad avere prove certe del coinvolgimento dello Stato islamico nell’attentato e ad aver identificato i due attentori.

Pubblicità
Pubblicità

Tuttavia, sempre da fonti governative, sono giunte anche notizie ed ipotesi di una possibile partecipazione all’organizzazione delle due esplosioni da parte di esponenti delle frange più estremiste del Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Due di essi sarebbero stati anche già arrestati per aver annunciato sul noto social network Twitter prima ancora dell’attentato, l’eventualità di attacchi ad Ankara contro i manifestanti.

Tante sono le ipotesi circa gli attentati che la scorsa settimana hanno sconvolto Ankara e la Turchia intera. Non sono mancate infatti, le accuse nei confronti del Presidente Erdogan e le forze di sicurezza nazionali per non aver saputo, o voluto, prevenire la strage.

Il giorno dopo i tragici eventi, senza lasciarsi intimidire dalla violenza del terrorismo, migliaia di persone sono scese in piazza Sihhiye, quella stessa piazza dove si sarebbe dovuta svolgere la manifestazione filo-curda, per protestare contro il governo.

Dure le accuse che si sono levate dal corteo di protesta soprattutto contro il presidente Erdogan, il quale sembra trarre enorme vantaggio dall’instabilità che gli attentati hanno provocato e alimentato negli ultimi dieci giorni. Il leader del Partito Democratico dei Popoli, Selahattin Demirtas, ha letteralmente tuonato contro il governo: “Lo Stato che ha informazioni su ogni uccello che vola non è stato capace di prevenire un massacro nel cuore di Ankara. Avete le mani sporche di sangue”.

Accuse pesantissime a cui hanno fatto seguito altrettanto importanti minacce tra le quali quella venuta ancora una volta da Demirtas che, riferendosi alle prossime elezioni amministrative, ha detto: Aspettiamo il 1 novembre; allora cominceremo a operare per rovesciare il dittatore”.

Non resta dunque che attendere cosa succederà all’indomani delle elezioni di novembre. Una cosa è certa: vada come vada Erdogan non avrà vita facile nei mesi da qui a venire.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza