Connect with us
Pubblicità

Trento

Una nuova rotatoria tra via Piave e via dei Mille

Regolerà una zona dove il traffico aumenterà per lo spostamento degli uffici tecnici comunali all'ex Casa civica di riposo di via S. Giovanni Bosco.

Pubblicato

-

Regolerà una zona dove il traffico aumenterà per lo spostamento degli uffici tecnici comunali all'ex Casa civica di riposo di via S. Giovanni Bosco.

L'Amministrazione comunale intende realizzare una rotatoria all'incrocio di via Piave con via dei Mille. La scelta deriva dalla necessità di razionalizzare questo incrocio alla luce del fatto che nell'immediato futuro si prevede un flusso di traffico maggiore dall'incrocio di via S. Giovanni Bosco con via Piave verso Corso 3 novembre dovuto allo spostamento degli uffici tecnici comunali nella struttura ex Casa Civica di Riposo.

Lo studio della viabilità consiglia infatti di istituire la svolta a destra obbligatoria per chi proviene da via San Giovanni Bosco verso via Piave, quindi tutti gli utenti del plesso scolastico Crispi e dei nuovi uffici tecnici comunali saranno obbligati ad immettersi sulla corsia sud di via Piave in direzione via dei Mille – Corso 3 novembre considerato che sarà vietata la svolta verso via Barbacovi.

PubblicitàPubblicità

La realizzazione della rotatoria – il cui raggio esterno sarà di 12 metri circa – è ritenuta  la soluzione più efficace per fluidificare il traffico e consentire agli utenti qualsiasi manovra in tutte le direzioni, anche perché essa dista solo 150 metri circa dall'incrocio di via San Giovanni Bosco con via Piave.

Planimetricamente si noti che l'aiuola centrale non è centrata con la circonferenza che racchiude i cubetti in granito. Questa scelta progettuale è dettata dal fatto che si vuol creare un “ostacolo visivo” nella corsia nord di via Piave per evitare che gli autoveicoli provenienti da Corso 3 novembre entrino in contromano in rotatoria, considerato che il centro “naturale” della rotatoria è spostato verso via dei Mille.

I lavori verranno realizzati la prossima estate in quanto – essendo la zona ad alta densità di traffico scolastico – è fondamentale operare a scuole chiuse. Per la realizzazione della rotatoria sono previsti 60 giorni di lavori ed un costo di circa 85.000 euro. L'appalto – che verrà indetto entro i primi mesi del 2016  –  sarà espletato mediante licitazione tra idonee ditte.

Il presente progetto si innesta sull'intervento – di prossima realizzazione – che prevede la “Riqualificazione Urbana di via Piave, via Brigata Acqui e via Pilati nel comune di Trento”. Tale intervento prevede, tra l'altro, il rifacimento del marciapiede in via Piave lato ovest e la realizzazione di un percorso ciclabile sul lato est.

Pubblicità
Pubblicità

Nel tratto stradale interessato dai lavori transitano i mezzi del servizio di trasporto pubblico di autobus (linea 7 ed A), linee di trasporto extraurbano e scuolabus. Lo scorso aprile sono state eseguite delle simulazioni al computer dei nuovi percorsi in rotatoria dei mezzi pubblici, inoltre è stato ricreato nel piazzale del Palazzetto dello Sport alla Ghiaie di Trento lo scenario della futura rotatoria con prova pratica dei mezzi pubblici a cura del personale di Trentino Trasporti, con esito positivo di tutte le manovre possibili.

 

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Per la carta stampata trentina un 2020 di lacrime e sangue. Per i dipendenti un taglio del 30% dello stipendio

Pubblicato

-

Per la carta stampata trentina si preannuncia un 2020 di lacrime e sangue.

I conti non tornano e per l’editore Ebner la fase di studio è finita.

A quanto pare è già arrivato quel tipo di professionista noto come “ tagliatore di teste” che sta studiando le prossime mosse.

PubblicitàPubblicità

Intanto è stata presentata al Comitato di Redazione di Alto Adige e Trentino la richiesta di applicare il contratto di solidarietà che prevederebbe un taglio degli stipendi del 30%, dispositivo già in atto per i giornalisti dell’Adige.

Questa è indicata come l’unica possibilità per non procedere ad un taglio del personale.

In discussione l’edizione del lunedì: troppo costosa, se rapportata al risultato delle vendite.

La soluzione più drastica sarebbe quella di rinunciare all’uscita del lunedì come già sta facendo il Corriere del Trentino.

Pubblicità
Pubblicità

L’alternativa sarebbe quella di trovare un accordo sul compenso del lavoro festivo.

Da quanto è stato comunicato agli inserzionisti, dall’anno prossimo a fatturare la pubblicità sarà unicamente la concessionaria dell’Adige.

Un contesto che potrebbe accorciare ulteriormente i tempi di fusione delle due testate, con Adige e Trentino a trasferirsi in una nuova sede.

Quella del Trentino è in affitto ed il contratto è ormai prossimo alla scadenza, mentre per la sede dell’Adige il progetto di un hotel extra lusso con ampia vetrata panoramica sulla città, non è mai stata accantonata.

L’idea di Ebner che potrebbe già contare su una cordata di finanziatori, porterebbe ad una realizzazione che andrebbe a coprire quel vuoto che c’è nell’offerta turistica di Trento di un hotel a 5 stelle.

Ancora ci si chiede cosa possa aver portato un esperto investitore come la famiglia Ebner ad acquistare dopo il Trentino anche l’Adige e Bazar in un momento storico dove il prodotto cartaceo è crollato. 

L’adige e il Trentino come nella stessa percentuale di quella nazionale, hanno infatti  perso insieme quasi il 43% delle vendite negli ultimi 10 anni. (sotto le copie giornaliere dei due giornali provinciali). Un vero bagno di sangue. (qui articolo di approfondimento)

Il monopolio delle testate non ha portato gli attesi risultati di raccolta pubblicitaria, le vendite per entrambe le testate sono in calo costante ed allora è necessario intervenire con decisione, prima che si riveli un errore irreparabile.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Solteri, ieri il brindisi per la sensibilizzazione «aspettando Piazza Atesina»

Pubblicato

-

Il Comitato 3.0 Solteri, Magnete e Centochiavi si è ritrovato ieri domenica 8 dicembre 2019 alle 18, all’ingresso dell’ex Atesina di via Marconi per un brindisi natalizio occupando simbolicamente gli spazi.

Una cinquantina le persone presenti.

Lo scopo non è stato quello degli auguri, quanto quello di rilanciare l’attenzione della politica sul destino dell’area che i residenti vogliono che diventi parte integrante della vita del quartiere.

Pubblicità
Pubblicità

Un braccio di ferro non dichiarato tra chi vorrebbe portare nuove metrature commerciali sull’asse di via Brennerola possibile cittadella del Gruppo Poli incombe a pochi metri di distanza – e chi invece vorrebbe recuperare l’area ex Atesina con una piazza, uno spazio coperto, una palazzina con le sedi delle associazioni, un’area verde e creare uno spazio aggregativo che sarebbe unico in città.

Il cammino è però molto lungo e insidioso.

Non è ancora stata individuata la modalità per la permuta che permetterebbe il passaggio di proprietà dalla provincia al comune; è saltata la possibilità di accedere al finanziamento europeo per la riqualificazione urbana; l’attuale amministrazione comunale ha opzionato un primo intervento finanziario che però non può diventare esecutivo fino a quando la proprietà non sarà del comune.

Pubblicità
Pubblicità

A frenare la permuta, oltre ai valori immobiliari, i grandi progetti che interesseranno la città, primo tra tutti l’interramento della ferrovia che andranno a cambiare il volto di Trento.

Ed allora in attesa degli eventi, i residenti si sono ritrovati per un brindisi di “sensibilizzazione” fermandosi a mangiare una fetta di panettone a bordo strada e davanti ad un capannone dismesso che è significativo del bisogno di spazi comuni che hanno i quartieri dei Solteri, Magnete e Centochiavi.

«Questa sera abbiamo “occupato” simbolicamente uno spazio che vorremo vedere al più presto sistemato e consegnato alla città ed in particolare ai residenti del quartiere di Solteri Magnete Centochiavi. “Aspettando PIAZZA ATESINA”, un grazie a tutti per la partecipazione»si legge sulla pagina facebook del comitato «trepuntozero»

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Accordo per riqualificare il sentiero B06 Patascoss – Lago di Nambino

Pubblicato

-

150.000 euro è l’importo prenotato sull’esercizio finanziario 2020 per la riqualificazione del sentiero B06 Patascoss – Lago di Nambino, oggetto di un accordo di programma tra la Provincia, il Parco Naturale Adamello – Brenta e il Comune di Pinzolo che è stato approvato venerdì dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli.

Il sentiero ricade nel comune di Pinzolo, che contribuirà al progetto con 100.000 euro. La progettazione sarà curata dall’Ente Parco. La Provincia curerà, attraverso il Servizio per il sostegno occupazionale e la Valorizzazione ambientale, la realizzazione delle opere, la direzione dei lavori e il coordinamento della sicurezza. Le opere in carico al servizio provinciale saranno realizzate da una squadra di lavoratori del “Progettone”.

L’intervento previsto, che ha un costo previsto di 250.000 euro, è finalizzato ad assicurare anche agli utenti con disabilità motorie la possibilità di fruire in modo sicuro e autonomo dell’ambiente naturale. In particolare sarà garantita l’accessibilità ai portatori di disabilità e l’accesso alle carrozzine dei disabili e ai passeggini per bambini. La riqualificazione dovrà inoltre garantire l’acquisizione per il tracciato del marchio “OPEN Sentieri Accessibili”.

PubblicitàPubblicità

Sarà escluso l’accesso alle biciclette e ad altri mezzi, attraverso l’installazione di segnaletica, l’inserimento di elementi che impediscano la percorribilità solo alle biciclette e ad altri mezzi (senza impedire il transito alle carrozzine) e anche con la vigilanza e l’irrogazione di sanzioni.

Sarà garantito il più possibile il mantenimento della naturalità del terreno e del percorso. Il Parco si impegna alla custodia e alla manutenzione della struttura realizzata.

Il sentiero alpino che collega le località Patascoss e Lago di Nambino, tra le più frequentate di Madonna di Campiglio, è attualmente fruito da molti escursionisti, considerato anche che ha pendenze limitate.

Il Lago di Nambino non è accessibile, oggi, da parte di persone con problemi di deambulazione, in quanto non esistono tracciati stradali che consentano di raggiungerlo.

Pubblicità
Pubblicità

 

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza