Connect with us
Pubblicità

Trento

Smacco al sindaco Andreatta: l’associazione «Impavidi Destini» sigilla la stazione di Povo

Di proteste, manifestazioni e blitz ne abbiamo visti molti in Trentino, ma quando a farlo sono un gruppo di disabili che sigillano una stazione per protesta, vuol dire che il limite è superato. 

Pubblicato

-

Di proteste, manifestazioni e blitz ne abbiamo visti molti in Trentino, ma quando a farlo sono un gruppo di disabili che sigillano una stazione per protesta, vuol dire che il limite è superato. 
 
Il 10 di settembre del 2015 il gruppo consigliare del M5s aveva cercato di sensibilizzare il sindaco Andreatta sulla situazione della stazione ferroviaria di Povo-Mesiano che vede l’assoluta impossibilità di accesso alle persone disabili e/o con problemi di natura fisica.
 
In tal senso era stata depositata anche un'interrogazione dove è stato chiesto al sindaco di cominciare i lavori per procedere alle necessarie sistemazioni, di sistemare delle telecamere come deterrente per i vandalismi ormai giornalieri sulla struttura e il ripristino immediato almeno dell'uso dell’ascensore. A queste domande l'amministrazione comunale di centro sinistra autonomista deve ancora rispondere. 
 
In attesa che il sindaco Alessandro Andreatta faccia qualcosa, nella notte, la stazione di Povo è stata «chiusa» per protesta da un gruppo di disabili che hanno messo i sigilli sulle rampe di accesso e all'entrata.
 
L’azione è rivendicata dal gruppo «Impavidi Destini», gruppo di tutela degli interessi dei disabili motori, che, a Trento, ha simbolicamente serrato l’accesso ai treni per protestare contro disservizi e l’impossibilità di accesso ai disabili. Il gruppo che agisce su tutto il territorio italiano lavora spesso in sinergia con CasaPound portando avanti progetti di aiuto per i disabili. Un grande lavoro apprezzato molto in tutt'Italia e che vede impegnata in primis la sua presidente Serena Grasso, disabile dalla nascita per una tetraplegia.
 
E’ già da molto tempo che la situazione di problematicità della stazione di Povo è stata fatta notare agli organi competenti, ma i disservizi non accennano a diminuire – dichiara in una nota l’associazione – In stazione è praticamente ‘vietato l’accesso’ ai disabili, mentre all’esterno manca perfino il marciapiede e i vandali infieriscono su una struttura già insufficiente. Stanotte abbiamo impedito simbolicamente l’accesso a questa stazione, così come per tutto questo tempo è stato impedito o per lo meno reso molto difficile alle persone con disabilità e con difficoltà motorie di fruire di questa infrastruttura – conclude la nota – Auspicando che questo nostro gesto puramente dimostrativo possa far riflettere sulle difficoltà che ogni giorno le persone affette da disabilità motorie devono affrontare, chiediamo che le istituzioni e gli organi competenti si impegnino per risolvere nel minor tempo possibile questa situazione di impraticabilità”.

La situazione della stazione è nota a tutti e ormai persiste da molto tempo ed è per certi versi surreale. Provenendo da monte per esempio non esiste alcun marciapiede e/o sistema di accesso alla stazione in sicurezza neanche per i normalmente abili, figuriamoci per coloro che sono disagiati. Poi per rendere la cosa ironica e al limite del surreale esistono dei percorsi pedonali per ciechi perfetti che dirigono gli stessi alle aree per un accesso comodo e sicuro. Opere quale l’ascensore non funzionano e per accedere al piano ferroviario si devono fare cinque rampe di scale per un totale di 49 scalini. La situazione sta iniziando a degradare anche per la presenza di graffiti sul giroscale di accesso e la presenza la notte di tossicodipendenti, stranieri senza fissa dimora e barboni.

E sono in molti a chiedersi come sia possibile non riuscire a reperire le risorse per riqualificare l'area per i disabili della stazione quando vengono spesi, e la cronaca in questi giorni lo sottolinea, oltre 15 milioni di consulenze per Trento Rise e Deloitte che hanno ora i vertici indagati, 4,2 milioni di euro per l'Hotel Panorama di Sardagna lasciato al degrado e all'abbandono, oppure 8 milioni di euro per la progettazione del NOT , letteralmente buttati dalla finestra visto che verrà spostato a Mattarello.

{facebookpopup}

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: Paziente Virtuale evita i test sugli animali
    Grazie alle diverse ricerche ed ai numerosi studi dell’Università di Catania, si rafforza il filo della comunicazione tra il clinico e il laboratorio, dando vita al progetto del Paziente Virtuale. Un progetto completamente italiano che potrebbe finalmente evitare la sperimentazione animale, necessaria per testare farmaci e vaccini anche contro il più recente Coronavirus. Infatti, per […]
  • Sconti e voli gratis ai viaggiatori se bambini piangono o disturbano in aereo, l’idea di una compagnia aerea americana
    Sembra incredibile, ma il binomio aereo – neonato, si posiziona tra i primi posti come motivo di fastidio e disturbo per molti viaggiatori, portando una compagnia area alla decisione di far volare gratis i passeggeri che si trovavano a viaggiare con bambini piangenti a bordo. Ad ovviare questo il problema è JetBlue Airways la compagnia aerea […]
  • Russia registra il primo vaccino al mondo contro il coronavirus
    Dopo mesi di test e di attesa è la Russia a battere tutti e registrare Sputnik il primo vaccino al mondo contro il Coronavirus. Sputnik, il vaccino sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca ha ricevuto il via libera dal Ministero della Sanità russo. Citando i media russi, Putin avrebbe rivelato che anche alla figlia è stata […]
  • Piccoli sottomarini privati, il nuovo sogno degli esploratori
    Dalle tranquille avventure sulla superficie dell’acqua all’eccitante esplorazione delle profondità dei fondali marini a bordo dell’ultimo e più sensazionale giocattolo marino: il sottomarino personale. Leggero da trasportare in macchina e comodo da tenere nei garage dei superyatch, il nuovo trend subacqueo prenderà il posto dei numerosi sport d’avventura fin’ora sperimentati. Costruito per esplorare i fondali […]
  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]

Categorie

di tendenza