Connect with us
Pubblicità

L'interrogazione

Intervento 19 discriminante, i consiglieri UPT interrogano la giunta

Con la deliberazione n.343 di data 09/03/2015 la Giunta provinciale ha adottato alcune modifiche relative al “Documento degli Interventi 2011-2013” nell’ambito dell’intervento 19 “Progetti per l’accompagnamento alla occupabilità attraverso lavori socialmente utili” e dell’Intervento 20.2 “Progetti pluriennali nei lavori socialmente utili”

Pubblicato

-

Con la deliberazione n.343 di data 09/03/2015 la Giunta provinciale ha adottato alcune modifiche relative al “Documento degli Interventi 2011-2013” nell’ambito dell’intervento 19 “Progetti per l’accompagnamento alla occupabilità attraverso lavori socialmente utili” e dell’Intervento 20.2 “Progetti pluriennali nei lavori socialmente utili”

Con deliberazione n. 29 di data 30/04/2015 quindi l’Agenzia del lavoro ha approvato le nuove Disposizioni attuative dell’Intervento 19 che sono state trasmesse a tutte le Comunità di Valle lo scorso mese di maggio.

Diverse sono le modifiche apportate all’Intervento 19, alcune delle quali troveranno applicazione a partire dall’annualità 2016.

Pubblicità
Pubblicità

Il punto 3. delle Disposizioni attuative dispone che, a partire dal prossimo anno, per l’inserimento nei progetti dei lavoratori appartenenti alle categorie A) e B), dovrà essere utilizzato lo stato di bisogno economico individuato mediante l’indicatore ICEF.

Secondo il gruppo consigliare dell'Upt tale disposizione risulta particolarmente discriminante sia per alcuni lavoratori coinvolti nei progetti da diversi anni, sia per i futuri inserimenti, in quanto si ritiene che l’ICEF non possa rappresentare l’unico criterio di selezione per l’inserimento lavorativo.

«Questa decisione presenta numerose criticità in quanto sicuramente l’ICEF potrebbe essere un criterio idoneo per l’attribuzione di un sussidio economico, ma non deve essere l’unico criterio di selezione per un inserimento lavorativo per il quale invece devono essere considerati necessariamente anche altri aspetti» – dichiara Mario Tonina, primo firmatario dell'interrogazione. 

Pubblicità
Pubblicità
Attraverso le vigenti disposizioni attuative non vengono considerati gli andamenti lavorativi degli anni precedenti, in modo da considerare positivamente i lavoratori rispettosi delle regole e che si sono impegnati affinché l’impegno di questi non sia svilito da un indicatore ICEF più favorevole; non viene presa in considerazione l’età anagrafica dei lavoratori, che costituisce una discriminante nella ricerca di un lavoro, tenendo maggiormente in considerazione i lavoratori dai 45 ai 55 anni e pare debba essere valutato negativamente il possesso di una propria abitazione.
 
Tale elemento infatti – secondo il gruppo consigliare Upt – incide negativamente sul coefficiente dell’ICEF, «tenendo conto che molti lavoratori che abitano nelle valli posseggono un appartamento di proprietà spesse volte ereditato» – ricorda ancora Tonina. 
 
Vengono anche considerate quali seconde case le cosiddette “cà da mont”, che sono più baite di montagna che vere e proprie case di abitazione e non viene considerato quanto svolto finora dai Comuni che si sono già dotati di criteri di selezione che tengono conto di vari aspetti e che hanno gestito i progetti con equità, serietà ed accortezza. «Non viene inoltre considerato che l’Intervento 19 è diventato un progetto importante per le Amministrazioni comunali per la cura del territorio, anche dal punto di vista turistico – continua il consigliere Tonina – è quindi fondamentale, vista anche la riduzione delle risorse pubbliche e il blocco delle assunzioni, che tali progetti abbiano dei buoni lavoratori e ciò si ottiene mediante l’inserimento anche di lavoratori con esperienza e competenti».
 
Nella legge vigente – si legge nella premessa dell'interrogazione – non viene mantenuta inoltre la possibilità per i Comuni, che ricordiamo finanziano in parte i progetti, di effettuare scelte di inserimento legate a situazioni sociali particolari; non è stato valutato che si toglierebbe valore anche al lavoro svolto dalle cooperative e al ruolo del datore di lavoro che esercitano; infatti la modifica introdotta relativamente alle schede del Coordinatore di cantiere non sarà più ritenuta un elemento di valutazione, ma di mera osservazione rendendo ininfluente la qualità del lavoro svolto dai soggetti inseriti nei progetti, annullando tutti gli aspetti di motivazione e di impegno che stanno alla base di qualsiasi logica lavorativa e meritocratica. non vengono nemmeno tenuti in considerazione gli anni mancanti al raggiungimento della pensione di anzianità o contributiva.
 
I consiglieri Tonina, Passamani e De Godenz ricordano che a partire dal 2016, nei progetti di abbellimento urbano e rurale, la quota dei lavoratori delle categorie C) e D), inseriti nelle squadre dell’Intervento 19, passi dal 50% al 60%. Prima conseguenza di tale modifica sarà quella di ridurre l’opportunità di inserimento dei disoccupati riducendo ulteriormente la possibilità per gli Enti che hanno nelle liste pochi iscritti delle categorie C) e D) di aumentare il numero dei lavoratori inseriti (anche se decidessero di sostenere completamente il costo); in questo modo si impedirà o si ridurrà la possibilità di dare risposte occupazionali ai disoccupati proprio in un momento in cui il loro numero è cresciuto notevolmente.
 
Nell'interrogazione depositata dal gruppo consigliare UPT viene chiesto alla giunta provinciale se intende rivedere la deliberazione assunta con delibera n. 343 di data 9 marzo 2015, alla luce delle criticità espresse in premessa, per l’utilizzo dell’indicatore ICEF come criterio di selezione per l’inserimento lavorativo dei lavoratori disoccupati evitando in questo modo di trasformare un’opportunità lavorativa in un mero sussidio, se intende o meno preservare l’autonomia decisionale dei comuni per la definizione dei criteri di selezione per l’assunzione dei lavoratori da inserire nell’Intervento 19 visto che parte dei progetti sono finanziati dagli stessi, se intende garantire ai lavoratori delle categorie A) e B) che sono stati inseriti nei progetti dell’Intervento 19 negli ultimi anni con valutazione positiva, la possibilità di assunzione da parte delle cooperative aggiudicatarie anche nei prossimi anni e se intende e in che modo modificare l’impostazione assunta per l’inserimento dei lavoratori disoccupati.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza