Connect with us
Pubblicità

Trento

Oltre 1,5 milioni di «falsi validi», Fish: urgente riformare l’accertamento

Un nuovo iter del procedimento per l'accertamento di disabilità e invalidità: è tornata a chiederlo con urgenza Fish (Federazione italiana superamento handicap), dati e proposte alla mano, che oggi ha convocato una giornata di studio e confronto su “Il nuovo paradigma della Convenzione Onu per l'accesso ai diritti e il contrasto delle discriminazioni delle persone con disabilità”.

Pubblicato

-

Un nuovo iter del procedimento per l'accertamento di disabilità e invalidità: è tornata a chiederlo con urgenza Fish (Federazione italiana superamento handicap), dati e proposte alla mano, che oggi ha convocato una giornata di studio e confronto su “Il nuovo paradigma della Convenzione Onu per l'accesso ai diritti e il contrasto delle discriminazioni delle persone con disabilità”.
 
All'incontro, ospitato presso la presidenza del Consiglio dei ministri, hanno preso parte rappresentanti delle associazioni e delle istituzioni, dal ministero del Lavoro a quello dell'Istruzione.
 
L'urgenza di una riforma, contenuta anche nel Programma biennale di azione approvato ormai due anni fa, è stata posta al centro della discussione, aperta dalla sottosegretario Franca Biondelli: “ci stiamo muovendo nella direzione della semplificazione delle procedure – ha detto – e del miglioramento del processo: temi certi e ridotti ed eliminazione di tutte le duplicazioni di documenti e visit e. Il tutto – ha concluso – con l'obiettivo di rilevare le potenzialità e le autonomie, supportati da una progettazione personalizzata”.
 
Una passaggio decisivo “dalla sanitarizzazione alla progettazione per l'inclusione” è stato invocato dal presidente della Fish Vincenzo Falabella, che ha ricordato l'imminente presentazione della “nuova legge di stabilità, rispetto alla quale non giocheremo in difesa, ma in una posizione propositiva. A partire dai numeri e dalle ipotesi che oggi presentiamo”. Numeri che, tanto per cominciare, smentiscono quella che Falabella ha definito la “bufala dei falsi invalidi”.
 
Oltre 3 milioni di invalidi, meno di 2 milioni di indennità. Dato fondamentale, intorno a cui ruotano il ragionamento e la proposta di Fish, è quello relativo alla forbice trai dati Istat sul numero di persone con gravi disabilità e quello di Inps sul numero di indennità di accompagnamento: rispettivamente, 3.086.000 e 1.933.999. “Ciò significa – ha spiegato Falabella – che in Italia ci sono circa 1,5 milioni di persone gravemente disabili senza indennità di accompagnamento. Tanti falsi validi, insomma, piuttosto che falsi invalidi. E l'89% di queste sono ultrasessantacinquenni”.
 
E non esiste, stando all'elaborazione dei dati Istat e Inps, alcuna disomogeneità territoriale nel rapporto tra numero di persone gravemente disabili e numero di di indennità corrisposte da Inps. In assoluto, invece, sia il numero di persone con gravi limitazioni funzionali sia, di conseguenza, il numero di titolari di indennità sono decisamente superiori nelle regioni meridionali rispetto a quelle centrali e settentrionali. “Evidentemente – ha spiegato Carlo Giacobini, direttore di HandyLex.org – le diverse incidenze sono in realtà un indicatore del funzionamento e dell'efficacia di sistemi, politiche e servizi in ambito di salute, sostegno sociale, previdenza e assistenza. Il che – ha aggiunto – rbadisce la necessità di una valutazione della disabilità che non si limiti alle funzioni corporee, ma entri nel merito dei fattori ambientali”.
 
Spesa per disabilità tra le più basse in Europa: 1,7% del Pil. Secondo i dati Eurostat, nel 2012 la spesa destinata alla disabilità è stata pari all'1,7% del Pil, contro una media europea del 2,1%. Si tratta di circa 430 euro pro capite, a fronte dei 595 della Francia e i 742 della Germania. “In un simile contesto – ha detto Falabella – parlare di tagli è davvero insensato. Serve invece con urgenza un processo di riforma dei criteri e dei percorsi dell'accertamento, che sono obsoleti, farraginosi e inefficaci. Così come del tutto inefficace, oltre che costosissimo, è stato il piano straordinario di controlli (oltre 1,2 milioni di accertamenti), che ha prodotto pochissimo in termini di ricavi (40 milioni annui circa, pari allo 0,2% della spesa annuale per la disabilità) e tanto in termini di stigma ed emarginazione”.
 
La proposta di Fish. E' in questo contesto e a partire da questi dati che si colloca la proposta presentata oggi da Fish: un “documento di lavoro in progress” per la revisione del sistema di accesso e riconoscimento della condizione di disabilità, in un'ottica di sostenibilità ed efficacia, a partire dall'inclusione. “Proprio l'inclusione – ha detto Speziale, vicepresidente di Fish e presidente nazionale di Anffas – garantisce infatti la sostenibilità, superando l'approccio assistenziale alla disabilità e trasformando le persone cn disabilità in cittadini a pieno titolo, attivi e produttivi”.
 
Dopo aver analizzato le diverse criticità dell'attuale sistema di accertamento (frammentazione dei percorsi, modalità di valutazione superate, inefficacia, costi di gestione, tempi di attesa, dispersione delle responsabilità) il documento sintetizza in sette “assi” la proposta di riforma: unificare i momenti e i criteri valutativi, disgiungere la valutazione di base da qu ella multidimensionale, unificare la responsabilità, separare i percorsi valutativi per età, rivedere i criteri di valutazione, monitorare i percorsi e contenere i contenziosi.
 
Dall'iter attuale, che Fish ha individuato in ben 10 fasi, nelle quali sono coinvolte, complessivamente, circa 25 figure professionali, si intende arrivare a un percorso semplificato, che inizia con il certificato del medico, continua con la visita di valutazione effettuata da un solo medico con funzioni monocratiche, che redige il verbale e lo sottopone alla validazione del medico dirigente Inps.
 
A questo punto, in caso siano previste provvidenze, inizia la procedura amministrativa, con eventuale nuova visita. Contro il verbale, il cittadino potrà quindi presentare ricorso amministrativo entro 60 giorni ed eventualmente successivo ricorso giurisdizionale. {facebookpopup2}

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza