Connect with us
Pubblicità

Trento

Oltre 1,5 milioni di «falsi validi», Fish: urgente riformare l’accertamento

Un nuovo iter del procedimento per l'accertamento di disabilità e invalidità: è tornata a chiederlo con urgenza Fish (Federazione italiana superamento handicap), dati e proposte alla mano, che oggi ha convocato una giornata di studio e confronto su “Il nuovo paradigma della Convenzione Onu per l'accesso ai diritti e il contrasto delle discriminazioni delle persone con disabilità”.

Pubblicato

-

Un nuovo iter del procedimento per l'accertamento di disabilità e invalidità: è tornata a chiederlo con urgenza Fish (Federazione italiana superamento handicap), dati e proposte alla mano, che oggi ha convocato una giornata di studio e confronto su “Il nuovo paradigma della Convenzione Onu per l'accesso ai diritti e il contrasto delle discriminazioni delle persone con disabilità”.
 
All'incontro, ospitato presso la presidenza del Consiglio dei ministri, hanno preso parte rappresentanti delle associazioni e delle istituzioni, dal ministero del Lavoro a quello dell'Istruzione.
 
L'urgenza di una riforma, contenuta anche nel Programma biennale di azione approvato ormai due anni fa, è stata posta al centro della discussione, aperta dalla sottosegretario Franca Biondelli: “ci stiamo muovendo nella direzione della semplificazione delle procedure – ha detto – e del miglioramento del processo: temi certi e ridotti ed eliminazione di tutte le duplicazioni di documenti e visit e. Il tutto – ha concluso – con l'obiettivo di rilevare le potenzialità e le autonomie, supportati da una progettazione personalizzata”.
 
Una passaggio decisivo “dalla sanitarizzazione alla progettazione per l'inclusione” è stato invocato dal presidente della Fish Vincenzo Falabella, che ha ricordato l'imminente presentazione della “nuova legge di stabilità, rispetto alla quale non giocheremo in difesa, ma in una posizione propositiva. A partire dai numeri e dalle ipotesi che oggi presentiamo”. Numeri che, tanto per cominciare, smentiscono quella che Falabella ha definito la “bufala dei falsi invalidi”.
 
Oltre 3 milioni di invalidi, meno di 2 milioni di indennità. Dato fondamentale, intorno a cui ruotano il ragionamento e la proposta di Fish, è quello relativo alla forbice trai dati Istat sul numero di persone con gravi disabilità e quello di Inps sul numero di indennità di accompagnamento: rispettivamente, 3.086.000 e 1.933.999. “Ciò significa – ha spiegato Falabella – che in Italia ci sono circa 1,5 milioni di persone gravemente disabili senza indennità di accompagnamento. Tanti falsi validi, insomma, piuttosto che falsi invalidi. E l'89% di queste sono ultrasessantacinquenni”.
 
E non esiste, stando all'elaborazione dei dati Istat e Inps, alcuna disomogeneità territoriale nel rapporto tra numero di persone gravemente disabili e numero di di indennità corrisposte da Inps. In assoluto, invece, sia il numero di persone con gravi limitazioni funzionali sia, di conseguenza, il numero di titolari di indennità sono decisamente superiori nelle regioni meridionali rispetto a quelle centrali e settentrionali. “Evidentemente – ha spiegato Carlo Giacobini, direttore di HandyLex.org – le diverse incidenze sono in realtà un indicatore del funzionamento e dell'efficacia di sistemi, politiche e servizi in ambito di salute, sostegno sociale, previdenza e assistenza. Il che – ha aggiunto – rbadisce la necessità di una valutazione della disabilità che non si limiti alle funzioni corporee, ma entri nel merito dei fattori ambientali”.
 
Spesa per disabilità tra le più basse in Europa: 1,7% del Pil. Secondo i dati Eurostat, nel 2012 la spesa destinata alla disabilità è stata pari all'1,7% del Pil, contro una media europea del 2,1%. Si tratta di circa 430 euro pro capite, a fronte dei 595 della Francia e i 742 della Germania. “In un simile contesto – ha detto Falabella – parlare di tagli è davvero insensato. Serve invece con urgenza un processo di riforma dei criteri e dei percorsi dell'accertamento, che sono obsoleti, farraginosi e inefficaci. Così come del tutto inefficace, oltre che costosissimo, è stato il piano straordinario di controlli (oltre 1,2 milioni di accertamenti), che ha prodotto pochissimo in termini di ricavi (40 milioni annui circa, pari allo 0,2% della spesa annuale per la disabilità) e tanto in termini di stigma ed emarginazione”.
 
La proposta di Fish. E' in questo contesto e a partire da questi dati che si colloca la proposta presentata oggi da Fish: un “documento di lavoro in progress” per la revisione del sistema di accesso e riconoscimento della condizione di disabilità, in un'ottica di sostenibilità ed efficacia, a partire dall'inclusione. “Proprio l'inclusione – ha detto Speziale, vicepresidente di Fish e presidente nazionale di Anffas – garantisce infatti la sostenibilità, superando l'approccio assistenziale alla disabilità e trasformando le persone cn disabilità in cittadini a pieno titolo, attivi e produttivi”.
 
Dopo aver analizzato le diverse criticità dell'attuale sistema di accertamento (frammentazione dei percorsi, modalità di valutazione superate, inefficacia, costi di gestione, tempi di attesa, dispersione delle responsabilità) il documento sintetizza in sette “assi” la proposta di riforma: unificare i momenti e i criteri valutativi, disgiungere la valutazione di base da qu ella multidimensionale, unificare la responsabilità, separare i percorsi valutativi per età, rivedere i criteri di valutazione, monitorare i percorsi e contenere i contenziosi.
 
Dall'iter attuale, che Fish ha individuato in ben 10 fasi, nelle quali sono coinvolte, complessivamente, circa 25 figure professionali, si intende arrivare a un percorso semplificato, che inizia con il certificato del medico, continua con la visita di valutazione effettuata da un solo medico con funzioni monocratiche, che redige il verbale e lo sottopone alla validazione del medico dirigente Inps.
 
A questo punto, in caso siano previste provvidenze, inizia la procedura amministrativa, con eventuale nuova visita. Contro il verbale, il cittadino potrà quindi presentare ricorso amministrativo entro 60 giorni ed eventualmente successivo ricorso giurisdizionale. {facebookpopup2}

PubblicitàPubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Covid19: L’isola di Cipro paga le vacanze ai turisti contagiati e ai loro famigliari
    Nonostante Cipro abbia avuto poco meno di 1.000 casi di contagi e 17 vittime da Coronavirus, non vuole rinunciare all’attesissimo nonché molto importante traffico turistico estivo dando così il benvenuto a qualsiasi viaggiatore. A differenza di altri Stati, Cipro si sta infatti attrezzando per non ostacolare gli arrivi nei luoghi di villeggiatura sull’isola mediterranea attraverso […]
  • Giappone propone vacanze quasi gratis per rilanciare il turismo
    Negli ultimi mesi, il Giappone come tutti gli altri Stati del mondo, ha subito un forte rallentamento dal punto di vista turistico a causa dell’emergenza sanitaria da Covid – 19, arrivando ad un calo del 99.9% del turismo locale con neanche 3 mila arrivi durante il mese di aprile. Inoltre, considerando che il 2020 avrebbe […]
  • Coronavirus: distributori automatici di mascherine gratuite
    Nel periodo in cui la massima attenzione all’igiene e al distanziamento sociale sono la priorità principale per ogni Governo del mondo, la città di Singapore in stato di lockdown fino a giugno, ha deciso di contenere la diffusione da Covid – 19, garantendo a tutti i cittadini mascherine gratuite attraverso particolari distributori automatici. La caratteristica […]
  • NASA, progetta il sistema per prevedere alluvioni e siccità fino a 60 giorni prima
    Vista dallo spazio la Terra appare come un Pianeta Blu grazie alle grandi distese di acqua in continuo movimento che ricoprono il 70% dell’intera superficie. Da quando evapora, fino a quando cade pioggia alimentando le falde acquifere, l’intero ciclo dell’acqua dolce è così importante da essere al centro di alcuni programmi di ricerca internazionali volti […]
  • Borghi italiani dimenticati: incentivi, bonus e aste a partire da 1 euro per ripopolarli
    Da nord a sud l’Italia intera è costellata di Borghi che conservano, identità, mestieri e saperi di un patrimonio immateriale e materiale di una storia unica al mondo certificata dall’Unesco. Alcuni di questi, vengono chiamati “comuni a rischio scomparsa” a causa delle loro ridottissime dimensioni, eppure fanno parte del patrimonio storico e artistico italiano, rappresentando […]
  • Covid, oltre 60.000 perdono il lavoro: lo Stato li assume per un importante progetto
    L’emergenza sanitaria da Coronavirus con le misure preventive, indubbiamente necessarie al fine di contrastare la pandemia, hanno gravemente frenato i consumi mondiali, con pensanti ripercussioni sull’intero tessuto imprenditoriale. Tutto questo, ha portato inevitabili e devastanti conseguenze non solo per le abitudini sociali, ma anche e sopratutto per il settore produttivo ed economico. Nel mondo infatti, […]
  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]

Categorie

di tendenza