Connect with us
Pubblicità

Trento

Svolta nell’editoria del Trentino: Claudio Civettini deposita il nuovo disegno di legge

Per l'editoria Trentina potrebbe trattarsi di una svolta in un momento dove l'informazione sta accusando il colpo della crisi e delle grandi innovazioni tecnologiche verso cui non si è fatta trovare pronta.

Pubblicato

-

Per l'editoria Trentina potrebbe trattarsi di una svolta in un momento dove l'informazione sta accusando il colpo della crisi e delle grandi innovazioni tecnologiche verso cui non si è fatta trovare pronta.
 
Ma per la nostra provincia è anche l'occasione di allinearsi con le molte realtà provinciali (non ultima quella dei cugini Bolzanini) che in Italia e nel mondo in genere, sono sostenute con interventi mirati e progettuali da legge provinciali adeguate e che premiano impegno, competenze, pianificazione, organizzazione e meritocrazia.  
 
Claudio Civettini, consigliere provinciale di Civica Trentina ha raccolto i disagi delle realtà dei media e delle molte persone che operano con grandi motivazioni ed entusiasmo che spesso non è proporzionale alla sostenibilità che le loro competenze e conoscenze meritano. 
 
Il consigliere ha depositato in provincia un nuovo disegno di legge a sostegno dell'editoria e dell'informazione del Trentino andando a modificare la legge provinciale sulle attività culturali 2007, (l.p.3 ottobre 2007, n.15) che va, dopo le numerose innovazioni quantomeno aggiornata. 
 
«Per favorire il sistema dell’informazione locale, – spiega lo stesso Claudio Civettini – pare opportuno predisporre nuove misure rispondano alla necessità di sostenere gli editori e i professionisti impegnati in questo ambito; non soltanto per il ruolo fondamentale che svolgono, ma anche per impedire che il sistema dei media smarrisca, complici dinamiche economiche e commerciali – inclusa, naturalmente, la crisi economica, la propria caratterizzante autonomia e venga così meno la salvaguardia di quel valore indiscutibile che in tale ambito, e non solo, è costituito dal pluralismo, ma anche da un sano localismo, inserito proprio in quei valori rimarcati anche dall’Autonomia che ci appartiene».
 
Nel disegno di legge sono numerosi e diversificati, nello specifico, gli aiuti possibili: si va dai contributi per l’innovazione tecnologica delle attrezzature e dei mezzi di produzione e diffusione radio-televisiva – ivi compresi i costi per la progettazione e realizzazione dei siti web – agli incentivi per l'occupazione nel settore del sistema radiotelevisivo e della editoria, dal sostengo alle emittenti radio e televisive che stipulano convenzioni con enti che operano per la sensibilizzazione verso tematiche di solidarietà sociale o per la trasmissione dei lavori nei consigli comunali, provinciali e regionali.
 
Oppure altre iniziative, come il finanziamento di abbonamenti alle agenzie di stampa per garantire un flusso continuo di notizie alle redazioni giornalistiche delle emittenti radiotelevisive locali e alle testate on line.
 
Alla luce di tutto ciò, il presente disegno di legge si pone l’obbiettivo specifico di riconoscere e valorizzare il pluralismo dell’informazione quale strumento di crescita sociale e culturale, nonché di diffusione delle conoscenze teso ad assicurare una partecipazione pubblica libera e consapevole. Per fare questo, vengono previsti specifici interventi con i quali la Provincia può promuovere e valorizzare il sistema dell’informazione locale, la professione giornalistica, lo sviluppo delle imprese e del settore editoriale, anche attraverso il sostegno all’innovazione tecnologica e all’occupazione, riconoscendo il ruolo delle aggregazioni associative degli editori trentini anche attraverso l’attivazione di periodici tavoli di confronto e favorendo l’eliminazione di ogni limitazione all’accesso da parte dei disabili sensoriali ai mezzi di informazione.
 
Il disegno di legge aiuta i giovani giornalisti o chi intende intraprendere il percorso giornalistico e li sostiene in base a progetti concordati con l'editore e la provincia. 
 
Per quanto riguarda le testate online per esempio il disegno di legge mette alcuni paletti per l'erogazione di eventuali contributi che vanno dalla residenza da almeno 10 anni in provincia dell'editore, all'iscrizione al Roc (registro operatori comunicazione) da almeno 2 anni, all'iscrizionde della testata al tribunale da almeno 3 anni.
 
Il disegno di legge, molto articolato, propone la costruzione di un apposito coordinamento composto da un dirigente della struttura provinciale avente competenze nel settore dell’editoria o suo delegato, da tre componenti designati dalle associazioni degli editori trentini, da sei esperti, rispettivamente, nel campo della cultura, delle istituzioni europee, del quadro statutario dell’autonomia, delle scienze, dell’arte, nonché del sistema dell’istruzione e formazione designati dal Consiglio provinciale. Il coordinamento poi avrà il compito di eleggere il presidente e le proprie regole di funzionamento e rimarrà in carica per la durata della legislatura.

Previsti anche interventi per la formazione e la qualificazione del personale che collabora con i media e in particolare l'art.4 commab «interventi tesi a favorire la ristrutturazione aziendale, l’innovazione tecnologica e digitale, nonché l’ingresso dei giovani che intendono intraprendere il percorso per diventare pubblicisti nel campo dei nuovi media; la qualificazione dell’editoria libraria e multimediale pubblica e privata attraverso pubblicazioni e collane editoriali, la realizzazione di strumenti informativi volti a rafforzare l’immagine della Provincia a livello nazionale e internazionale, nonché a facilitare l’accesso all’informazione da parte di cittadini trentini residenti all’estero in ordine alla realtà sociale, culturale ed economica trentina».

Eventuali contributi – recita l'art. 5 «non sono cumulabili con quelli previsti da altre leggi provinciali, nazionali ed europee di intervento nel settore della cultura».

Il disegno di legge non prevede nessun contributo ai media d'informazione che pubblicano meno del 70% di notizie riguardanti il Trentino e che non abbiano la propria sede operativa in regione. Inoltre sono fuori gioco i media che all'interno dei propri giornali usano spazi pubblicitari oltre il 50 per cento, le testate di pubblicazioni di partiti, associazioni politiche o sindacali, e di enti pubblici e chi lede i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, e chi diffonde messaggi in contrasto con la cultura del gioco responsabile o con il divieto di pubblicità dei giochi con vincite in danaro anche in forma telematica in relazione a soggetti minori di età, nonché la diffusione di pubblicità a sfondo erotico-sessuale o pornografico.

PubblicitàPubblicità

Sono, altresì, esclusi dalle agevolazioni gli editori di periodici e quotidiani su carta stampata distribuiti gratuitamente o a pagamento perché già destinatari di altri contributi.

 

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]
  • “Vivi internet, al meglio”: la piattaforma di Google per aiutare gli adulti a guidare i ragazzi sul web
    Dalla sua nascita l’immenso mondo del web ha concretizzato le necessità in facili possibilità ma con la sua inarrestabile evoluzione sta offrendo, sopratutto al pubblico più giovane, altrettante insidie e minacce. Secondo una ricerca commissionata da Google, nonostante l’85% degli insegnanti italiani intervistati non abbia i mezzi sufficienti per affrontare questo tipo di problematiche, il […]
  • Sacro Bosco di Bomarzo: un luogo tra sogno e realtà
    Non tutti sanno che nel cuore della Tuscia Laziale, in provincia di Viterbo, si trova un bosco dove immaginazione e paure prendono forma: il Sacro Bosco di Bomarzo, noto ai più come Parco dei Mostri di Bomarzo. In letteratura e nell’arte, il bosco è spesso visto come metafora di caos, turbamento, inquietudine, vita, perdita della […]

Categorie

di tendenza