Connect with us
Pubblicità

Trento

Operazione antibracconaggio: denunciato cacciatore recidivo dopo l’inseguimento.

Individuato e denunciato nel Comune di Stenico un cacciatore per avere esercitato la caccia con mezzi vietati e altri reati connessi, ovvero abbandono di armi legalmente detenute – durante un tentativo di fuga – , omessa denuncia di un silenziatore, possesso di una parte di arma da guerra (il silenziatore stesso). 

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Individuato e denunciato nel Comune di Stenico un cacciatore per avere esercitato la caccia con mezzi vietati e altri reati connessi, ovvero abbandono di armi legalmente detenute – durante un tentativo di fuga – , omessa denuncia di un silenziatore, possesso di una parte di arma da guerra (il silenziatore stesso). 

Il cacciatore è recidivo, in quanto già denunciato nel 2011 per attività di bracconaggio. Era stata inoltre disposta la sospensione del suo permesso di caccia annuale fino al 12 dicembre 2015 compreso, a causa di precedenti ulteriori violazioni in materia di armi e di caccia.

Il 28 settembre scorso, a seguito di un’attività di controllo di routine svolta dagli Agenti forestali della Stazione forestale di Ponte Arche, assieme al Custode forestale di zona, sulla strada sterrata Comunale “Orto Berta”, nel comune di Stenico, è stato notato un uomo che, in compagnia di un’altra persona, transitava lentamente in auto in un bosco, sito di riproduzione del cervo. Il Custode ha visto i due osservare il territorio circostante con un binocolo.

Pubblicità
Pubblicità

L’automobile è stata quindi fermata e sottoposta a controllo. Il Custode ha notato nel baule posteriore un involucro sospetto, occultato da una coperta. I due, interrogati sulla natura di quell'involucro, hanno dato risposte evasive e quindi, dopo avere minacciato gli uomini della forestale, hanno tentato di scappare in retromarcia in direzione del bosco.

Subito inseguiti, sono stati ritrovati a circa 150 metri di distanza, in una piazzola. Con l’aiuto di una pattuglia della Polizia locale nel frattempo intervenuta su richiesta di supporto, perquisendo l'area circostante è stato ritrovato in breve, lungo il tratto di strada percorso dai due in retromarcia, uno zaino contenente un fucile monocanna basculante calibro 308, un silenziatore in metallo, un cannocchiale con accoppiato un visore notturno, una torcia a led, un coltello, una sacca stagna per il deposito di selvaggina morta ed indumenti vari.

Il fucile in questione è risultato essere di proprietà del cacciatore poi denunciato. Presso l’abitazione dello stesso è stata in seguito eseguita una perquisizione, con l’aiuto anche dei Carabinieri della Stazione di Ponte Arche, durante la quale è stato rinvenuto del munizionamento particolarmente adatto per l’utilizzo con armi silenziate. 

Pubblicità
Pubblicità

La persona è stata pertanto denunciata all’autorità giudiziaria per abbandono di armi legalmente detenute, omessa denuncia del silenziatore ritrovato assieme al fucile, possesso di una parte d’arma da guerra, (il silenziatore stesso), nonché per aver esercitato la caccia con l’ausilio dei mezzi vietati. Il materiale in questione è stato sequestrato.

Va detto infine che il cacciatore è recidivo, in quanto già denunciato nel 2011 per attività di bracconaggio; era stata disposta all'epoca la sospensione del suo permesso di caccia annuale fino al 12 dicembre 2015, a causa di precedenti ulteriori violazioni in materia di armi e di caccia

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Piana Rotaliana12 minuti fa

Chiude «Da Demetrio» a Mezzocorona: «È giunto il momento di congedarci e goderci la pensione»

Valsugana e Primiero14 minuti fa

Confermata la condanna a 20 anni di carcere per l’omicidio di Agitu

Trento39 minuti fa

Terrore e devastazioni Torino: identificati anche degli anarchici trentini

Rovereto e Vallagarina1 ora fa

Centra con l’auto il centro commerciale in corso Rosmini e fugge

Arte e Cultura2 ore fa

L’artista nonesa Francesca Dolzani espone a Trento per solidarietà

Aziende3 ore fa

Servizi di stampa: Sprint24 si conferma tipografia online di riferimento per le imprese

Trento13 ore fa

Conferenza delle regioni, Fugatti: «La sanità emergenza nazionale». Giorgia Meloni: «Investire su sinergia a tutti i livelli»

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

A Rabbi si impara a tagliare gli alberi

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

«Oltre la SM»: dal 10 dicembre al bar «Il Fiore» di Borgo d’Anaunia le opere di Fabio Roncato

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Strade comunali a Dambel, ecco la corretta applicazione del regolamento

Piana Rotaliana15 ore fa

“Spirit of New Orleans Gospel Choir”: a Lavis un concerto da non perdere

Valsugana e Primiero15 ore fa

Apsp di “San Giuseppe” a Primiero: l’assessore Segnana in visita

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Tuenno, ok alla messa in sicurezza della strada interna all’abitato. Ecco come diventerà

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

La scrittrice/pittrice Lorenza Poletti espone le sue tele a Cles

Giudicarie e Rendena16 ore fa

Tre nuovi volontari nel Corpo dei Vigili del fuoco di Storo

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…4 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento4 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento6 giorni fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella2 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza