Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Immigrazione: no a muri, sì a un approccio globale europeo

L'Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Pubblicato

-

L’Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Dall’inizio dell’anno, sono circa mezzo milione le persone che hanno raggiunto l’Europa per fuggire da violenza e morte.

Molti altri potrebbero ancora arrivare. In Siria, sono circa 8 milioni gli sfollati interni, mentre i profughi ospitati da Turchia, Libano e Giordania sono 4 milioni. C’è la possibilità concreta che milioni di potenziali rifugiati cerchino di raggiungere l’Europa.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime settimane, i governi europei sono riusciti finalmente a trovare un’intesa sulle misure per aiutare gli Stati membri più colpiti dalla crisi. Sono stati, infatti, introdotti due meccanismi per la ricollocazione complessiva di 160mila richiedenti asilo da Italia e Grecia verso altri Paesi europei. Si tratta di una chiara dimostrazione di solidarietà. Tuttavia, per sortire l’effetto sperato, questa misura di emergenza dovrà essere seguita da un approccio globale alla questione, che consenta di adottare politiche sostenibili nel lungo periodo.

Per evitare che l’Europa venga travolta da un’ondata migratoria difficile da gestire, è innanzitutto necessario offrire maggiore assistenza finanziaria ai Paesi che affrontano la crisi in prima linea, come Turchia, Libano e Giordania. Per questo, il Parlamento europeo ha recentemente proposto di stanziare 1,2 miliardi del bilancio del 2016 a favore di fondi, programmi e agenzie nel settore della migrazione.

L’Unione europea deve poi intervenire con misure dirette a risolvere alla base questa crisi umanitaria. I flussi migratori non si fermeranno fino a quando siriani, libici ed eritrei non avranno altra scelta che quella di fuggire da fame, dittature, violenza e morte. Per questo, la Commissione europea ha recentemente aumentato il finanziamento al fondo per la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare in Africa.

Pubblicità
Pubblicità

Queste azioni devono essere accompagnate da un’adeguata protezione delle frontiere esterne. C’è bisogno di ampliare il mandato di Frontex, l’agenzia europea che coordina il pattugliamento dei confini esterni dell’Unione, prendendo iniziative ambiziose come l’istituzione di una guardia di frontiera e una guardia di costiera europee.

All’interno della gestione comune delle frontiere esterne, si inserisce anche la creazione dei cosiddetti “punti di crisi”, cioè di quelle strutture che saranno allestite nei paesi più esposti ai nuovi arrivi per identificare e registrare i migranti, anche mediante la raccolta di impronte digitali e foto. Queste strutture, gestite dalle autorità nazionali insieme agli esperti delle agenzie europee, ospiteranno i migranti fino alla conclusione delle operazioni di identificazione, consentendo di migliorare la gestione della ricollocazione e dei rimpatri. I punti di crisi dovrebbero essere pronti entro novembre.

Questi potranno funzionare solo se accompagnati da una politica di rimpatrio credibile ed efficace. A tal proposito, è fondamentale combattere gli abusi del sistema di asilo, come nel caso di quei cittadini dei Balcani occidentali che, nonostante possano venire in Europa legalmente con un permesso di lavoro o una borsa di studio, stanno sfruttando il caos alle frontiere per entrare illegalmente nell’Unione.

Per rimediare a questa situazione, la Commissione europea ha recentemente predisposto la creazione di una lista di Paesi di origine sicuri, che permetterà che le domande presentate dai cittadini dei Paesi sulla lista siano accelerate, consentendo così un più rapido rimpatrio nei casi in cui la valutazione delle singole domande confermi la mancanza del diritto d’asilo.

Per gestire il flusso dei migranti economici, che non hanno diritto all’asilo ma che vengono comunque in Europa alla ricerca di un futuro migliore, l’Unione sta lavorando all’introduzione di canali regolari per la migrazione. Questa soluzione scoraggerà l’attività dei trafficanti di esseri umani e, al contempo, consentirà di trasformare l’immigrazione in una risorsa per fronteggiare il declino demografico in Europa.

Nei mesi scorsi, in Parlamento europeo abbiamo dimostrato di essere più avanti rispetto agli egoismi di alcuni governi, sostenendo con fermezza l’introduzione delle quote obbligatorie. Ora, finalmente, anche gli Stati membri sembrano aver capito che senza un intervento coordinato e condiviso lo Spazio Schengen rischia di scomparire.

Le misure concordate settimana scorsa non porranno certo fine alla crisi, ma rappresentano comunque dei piccoli passi nella giusta direzione. Quello dei migranti non è un problema italiano, greco o ungherese, ma è una sfida comune che può essere vinta solo cooperando in uno spirito di solidarietà e responsabilità

A cura di Herbert Dorfmann –  Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza