Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Immigrazione: no a muri, sì a un approccio globale europeo

L'Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Pubblicato

-

L’Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Dall’inizio dell’anno, sono circa mezzo milione le persone che hanno raggiunto l’Europa per fuggire da violenza e morte.

Molti altri potrebbero ancora arrivare. In Siria, sono circa 8 milioni gli sfollati interni, mentre i profughi ospitati da Turchia, Libano e Giordania sono 4 milioni. C’è la possibilità concreta che milioni di potenziali rifugiati cerchino di raggiungere l’Europa.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime settimane, i governi europei sono riusciti finalmente a trovare un’intesa sulle misure per aiutare gli Stati membri più colpiti dalla crisi. Sono stati, infatti, introdotti due meccanismi per la ricollocazione complessiva di 160mila richiedenti asilo da Italia e Grecia verso altri Paesi europei. Si tratta di una chiara dimostrazione di solidarietà. Tuttavia, per sortire l’effetto sperato, questa misura di emergenza dovrà essere seguita da un approccio globale alla questione, che consenta di adottare politiche sostenibili nel lungo periodo.

Per evitare che l’Europa venga travolta da un’ondata migratoria difficile da gestire, è innanzitutto necessario offrire maggiore assistenza finanziaria ai Paesi che affrontano la crisi in prima linea, come Turchia, Libano e Giordania. Per questo, il Parlamento europeo ha recentemente proposto di stanziare 1,2 miliardi del bilancio del 2016 a favore di fondi, programmi e agenzie nel settore della migrazione.

L’Unione europea deve poi intervenire con misure dirette a risolvere alla base questa crisi umanitaria. I flussi migratori non si fermeranno fino a quando siriani, libici ed eritrei non avranno altra scelta che quella di fuggire da fame, dittature, violenza e morte. Per questo, la Commissione europea ha recentemente aumentato il finanziamento al fondo per la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare in Africa.

Queste azioni devono essere accompagnate da un’adeguata protezione delle frontiere esterne. C’è bisogno di ampliare il mandato di Frontex, l’agenzia europea che coordina il pattugliamento dei confini esterni dell’Unione, prendendo iniziative ambiziose come l’istituzione di una guardia di frontiera e una guardia di costiera europee.

All’interno della gestione comune delle frontiere esterne, si inserisce anche la creazione dei cosiddetti “punti di crisi”, cioè di quelle strutture che saranno allestite nei paesi più esposti ai nuovi arrivi per identificare e registrare i migranti, anche mediante la raccolta di impronte digitali e foto. Queste strutture, gestite dalle autorità nazionali insieme agli esperti delle agenzie europee, ospiteranno i migranti fino alla conclusione delle operazioni di identificazione, consentendo di migliorare la gestione della ricollocazione e dei rimpatri. I punti di crisi dovrebbero essere pronti entro novembre.

Pubblicità
Pubblicità

Questi potranno funzionare solo se accompagnati da una politica di rimpatrio credibile ed efficace. A tal proposito, è fondamentale combattere gli abusi del sistema di asilo, come nel caso di quei cittadini dei Balcani occidentali che, nonostante possano venire in Europa legalmente con un permesso di lavoro o una borsa di studio, stanno sfruttando il caos alle frontiere per entrare illegalmente nell’Unione.

Per rimediare a questa situazione, la Commissione europea ha recentemente predisposto la creazione di una lista di Paesi di origine sicuri, che permetterà che le domande presentate dai cittadini dei Paesi sulla lista siano accelerate, consentendo così un più rapido rimpatrio nei casi in cui la valutazione delle singole domande confermi la mancanza del diritto d’asilo.

Per gestire il flusso dei migranti economici, che non hanno diritto all’asilo ma che vengono comunque in Europa alla ricerca di un futuro migliore, l’Unione sta lavorando all’introduzione di canali regolari per la migrazione. Questa soluzione scoraggerà l’attività dei trafficanti di esseri umani e, al contempo, consentirà di trasformare l’immigrazione in una risorsa per fronteggiare il declino demografico in Europa.

Nei mesi scorsi, in Parlamento europeo abbiamo dimostrato di essere più avanti rispetto agli egoismi di alcuni governi, sostenendo con fermezza l’introduzione delle quote obbligatorie. Ora, finalmente, anche gli Stati membri sembrano aver capito che senza un intervento coordinato e condiviso lo Spazio Schengen rischia di scomparire.

Le misure concordate settimana scorsa non porranno certo fine alla crisi, ma rappresentano comunque dei piccoli passi nella giusta direzione. Quello dei migranti non è un problema italiano, greco o ungherese, ma è una sfida comune che può essere vinta solo cooperando in uno spirito di solidarietà e responsabilità

A cura di Herbert Dorfmann –  Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Coronavirus: da nord a sud l’Italia ringrazia con vacanze gratis ai sanitari impegnati nella battaglia
    Nonostante l’emergenza sanitaria, lo abbia pesantemente logorato, esiste un pezzo del settore turistico italiano che vuole ringraziare tutti i medici, operatori sanitari e ausiliari che, durante questi mesi sono stati impegnati, spesso senza tregua per salvare le vite di moltissime persone affette da Coronavirus dedicando loro una splendida ed esclusiva vacanza gratuita. Infatti, in vista […]
  • Civita Bagnoregio: l’incredibile borgo sospeso sulla Valle dei Calanchi
    Tra il lago Bolsena e la Valle del Tevere, nel Comune di Bagnoregio in provincia di Viterbo, si estende un’ immensa area lunare che regala un paesaggio davvero particolare caratterizzato da una successione di rocce argillose in erosione per effetto degli agenti atmosferici detti “calanchi”. Quello dei calanchi è un ambiente decisamente unico che offre […]
  • La Vespa Samurai usata in agricoltura contro il “nemico”, la cimice asiatica
    Arrivata in Italia nel 2012, la cimice marmorata (Halyomorpha halys) detta anche cimice asiatica, è una specie invasiva aliena proveniente dalla Cina che, nel corso del 2015 dopo una rapida e capillare diffusione in quasi tutte le Regioni italiane, ha causato ingenti danni sopratutto alle produzioni ortofrutticole concentrandosi su meli, peri, peschi e ciliegi. A seguito […]
  • Australia in lockdown e senza turisti: i sub decidono di ripopolare la Grande Barriera Corallina
    Quando, a causa di un’emergenza sanitaria mondiale i turisti non ci sono, la natura risorge e ne approfitta per riappropriarsi degli spazi o, più incredibilmente concedere alla mano umana di rallentare il declino di alcune delle zone più belle del mondo. Si tratta della Grande barriera Corallina al largo delle coste australiane che, a causa […]
  • Arriva il caldo: è tempo di bevande e cibi detox in vista dell’estate
    Dopo due mesi di pizze, focacce e torte, è tempo di rimettersi in forma in vista dell’estate. Questo, non solo perché è “bello” essere in forma ed avere un bel fisico da sfoggiare, ma anche perché seguire un’alimentazione corretta ed uno stile di vita sano sono fondamentali per mantenere al meglio il nostro corpo e […]
  • Bonus vacanze 2020: i dettagli del bonus fino a 500 euro da spendere per le ferie italiane
    Mentre si iniziano a intravedere le prime aperture di stabilimenti balneari e spiagge, l’incognita vacanza è ancora viva su tutto il territorio italiano, insieme alle riaperture delle strutture ricettive, le limitazioni agli spostamenti tra Regioni e l’ormai noto bonus vacanze per le famiglie. Non è fatto nuovo che tra le ultimissime novità varate dal Governo […]
  • Ristrutturare casa a costo zero: Detrazioni fino al 110% grazie al nuovo Ecobonus
    In questo momento di grave crisi sociale ed economica causata dall’arrivo dell’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, è stato più volte immaginato e sospettato un’eventuale e inevitabile shock per gli investimenti privati ma sopratutto per il settore dell’edilizia. Per questo motivo, il Governo italiano con il recente Decreto Rilancio varato 13 maggio 2020 ha messo sul […]
  • Cena in serra: da Amsterdam la soluzione originale, romantica e perfetta per cenare in sicurezza
    L’attuale emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il mondo intero e la magica atmosfera di una cena romantica sono unite da un filo sottilissimo che passa dall’obbligo del distanziamento sociale, previsto per evitare il rischio di contagio da Covid – 19. In questo caso la misura è stata perfettamente reinventata e sfruttata per dedicare alle coppie […]
  • Da un liceo Trentino la tessera in legno, costruita con alberi abbattuti da Vaia
    La terribile tempesta di Vaia che, tra il 26 e il 30 ottobre del 2018 ha colpito con intese piogge e temporali le regioni del Trentino e del Veneto, distruggendo completamente migliaia di ettari di foreste alpine, ha causato un devastante impatto sul territorio. Ad oggi, recuperare il legno diventa quindi fondamentale sia per sostenere […]

Categorie

di tendenza