Connect with us
Pubblicità

Il Punto da Bruxelles

Immigrazione: no a muri, sì a un approccio globale europeo

L'Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Pubblicato

-

L’Unione europea è alle prese con quella che può già essere definita come una delle tragedie umane più gravi del ventunesimo secolo.

Dall’inizio dell’anno, sono circa mezzo milione le persone che hanno raggiunto l’Europa per fuggire da violenza e morte.

Molti altri potrebbero ancora arrivare. In Siria, sono circa 8 milioni gli sfollati interni, mentre i profughi ospitati da Turchia, Libano e Giordania sono 4 milioni. C’è la possibilità concreta che milioni di potenziali rifugiati cerchino di raggiungere l’Europa.

Pubblicità
Pubblicità

Nelle ultime settimane, i governi europei sono riusciti finalmente a trovare un’intesa sulle misure per aiutare gli Stati membri più colpiti dalla crisi. Sono stati, infatti, introdotti due meccanismi per la ricollocazione complessiva di 160mila richiedenti asilo da Italia e Grecia verso altri Paesi europei. Si tratta di una chiara dimostrazione di solidarietà. Tuttavia, per sortire l’effetto sperato, questa misura di emergenza dovrà essere seguita da un approccio globale alla questione, che consenta di adottare politiche sostenibili nel lungo periodo.

Per evitare che l’Europa venga travolta da un’ondata migratoria difficile da gestire, è innanzitutto necessario offrire maggiore assistenza finanziaria ai Paesi che affrontano la crisi in prima linea, come Turchia, Libano e Giordania. Per questo, il Parlamento europeo ha recentemente proposto di stanziare 1,2 miliardi del bilancio del 2016 a favore di fondi, programmi e agenzie nel settore della migrazione.

L’Unione europea deve poi intervenire con misure dirette a risolvere alla base questa crisi umanitaria. I flussi migratori non si fermeranno fino a quando siriani, libici ed eritrei non avranno altra scelta che quella di fuggire da fame, dittature, violenza e morte. Per questo, la Commissione europea ha recentemente aumentato il finanziamento al fondo per la lotta contro le cause profonde della migrazione irregolare in Africa.

Pubblicità
Pubblicità

Queste azioni devono essere accompagnate da un’adeguata protezione delle frontiere esterne. C’è bisogno di ampliare il mandato di Frontex, l’agenzia europea che coordina il pattugliamento dei confini esterni dell’Unione, prendendo iniziative ambiziose come l’istituzione di una guardia di frontiera e una guardia di costiera europee.

All’interno della gestione comune delle frontiere esterne, si inserisce anche la creazione dei cosiddetti “punti di crisi”, cioè di quelle strutture che saranno allestite nei paesi più esposti ai nuovi arrivi per identificare e registrare i migranti, anche mediante la raccolta di impronte digitali e foto. Queste strutture, gestite dalle autorità nazionali insieme agli esperti delle agenzie europee, ospiteranno i migranti fino alla conclusione delle operazioni di identificazione, consentendo di migliorare la gestione della ricollocazione e dei rimpatri. I punti di crisi dovrebbero essere pronti entro novembre.

Questi potranno funzionare solo se accompagnati da una politica di rimpatrio credibile ed efficace. A tal proposito, è fondamentale combattere gli abusi del sistema di asilo, come nel caso di quei cittadini dei Balcani occidentali che, nonostante possano venire in Europa legalmente con un permesso di lavoro o una borsa di studio, stanno sfruttando il caos alle frontiere per entrare illegalmente nell’Unione.

Per rimediare a questa situazione, la Commissione europea ha recentemente predisposto la creazione di una lista di Paesi di origine sicuri, che permetterà che le domande presentate dai cittadini dei Paesi sulla lista siano accelerate, consentendo così un più rapido rimpatrio nei casi in cui la valutazione delle singole domande confermi la mancanza del diritto d’asilo.

Per gestire il flusso dei migranti economici, che non hanno diritto all’asilo ma che vengono comunque in Europa alla ricerca di un futuro migliore, l’Unione sta lavorando all’introduzione di canali regolari per la migrazione. Questa soluzione scoraggerà l’attività dei trafficanti di esseri umani e, al contempo, consentirà di trasformare l’immigrazione in una risorsa per fronteggiare il declino demografico in Europa.

Nei mesi scorsi, in Parlamento europeo abbiamo dimostrato di essere più avanti rispetto agli egoismi di alcuni governi, sostenendo con fermezza l’introduzione delle quote obbligatorie. Ora, finalmente, anche gli Stati membri sembrano aver capito che senza un intervento coordinato e condiviso lo Spazio Schengen rischia di scomparire.

Le misure concordate settimana scorsa non porranno certo fine alla crisi, ma rappresentano comunque dei piccoli passi nella giusta direzione. Quello dei migranti non è un problema italiano, greco o ungherese, ma è una sfida comune che può essere vinta solo cooperando in uno spirito di solidarietà e responsabilità

A cura di Herbert Dorfmann –  Europarlamentare eletto nel collegio del Trentino Alto Adige

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Il mega – yacht a forma di cigno: la straordinaria opera futurista dell’industria navale italiana
    La sintesi tra i confini della tecnologia e i massimi livelli di design applicati alla nautica è stata svelata e prende il nome decisamente caratteristico di “Avanguardia”, il nuovo yacht che nei prossimi mesi si farà sicuramente notare nei mari di tutto il mondo. Quest’opera avveniristica dell’industria navale salta agli occhi per la sua inconfondibile forma […]
  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]

Categorie

di tendenza