Connect with us
Pubblicità

Trento

Allontanamento dei Minori: qualche dato su un fenomeno sottaciuto

Vi ricorderete questo fatto raccontato qualche tempo fa quando, l'Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali sanzionò con la "censura" una propria iscritta per avere minacciato una bambina, davanti a due agenti di Polizia.

Pubblicato

-

Vi ricorderete questo fatto raccontato qualche tempo fa quando, l'Ordine Nazionale degli Assistenti Sociali sanzionò con la "censura" una propria iscritta per avere minacciato una bambina, davanti a due agenti di Polizia.

Per completezza della nostra inchiesta, vorremmo segnalarvi quello che succede tra le parti coinvolte. Sentiamo spesso parlare di affido, assistenti sociali, Giudici, tutori legali e psichiatri dove a volte, una loro perizia, decide il futuro di tanta gente, genitori, figli e anche la parentela più stretta. Leggete qui l’esempio di Valentinasparita nel nulla”.

Per approfondire questa vicenda vi invito a leggere quest'articolo pubblicato sul nostro giornale, mentre mi preme sottolineare che quanto avvenuto è un segno che qualcosa sta finalmente cambiando ma che, purtroppo, non è ancora sufficiente.

Pubblicità
Pubblicità

Sì, perché è risaputo che gli assistenti sociali (non solo loro) abbiano in Italia un potere immane: quello di decidere se un bambino debba stare con un genitore o con un altro o se debba essere strappato ad entrambi.

E le scelte spesso vengono prese seguendo criteri assai discutibili. Un esempio banale? Se una bambina, contesa da papà e mamma, disegna se stessa che dà la mano ad una figura anziché a due, significherebbe che vuole stare solo con un genitore, e non con entrambi. E, in Italia, poi c'è l'errata convinzione, permessa dalla legge, che la prescelta è sempre la mamma, mentre il padre è considerato l'elemento debole del rapporto emotivo.

Per ovvi motivi di riservatezza, segreto istruttorio e privacy dei minori, non possiamo darvi i nomi degli “attori” coinvolti, possiamo solo dire che la mano che impugna quella penna, che tante volte distrugge la vita della gente, più o meno, è la stessa.

Pubblicità
Pubblicità

Per di più, bisogna anche sapere che gli assistenti sociali prediligono l'azione dello "strappo" quando una decisione è presa. Il bambino, infatti, viene letteralmente strappato via dalle braccia del genitore "perdente", senza utilizzare tappe intermedie (vi ricordate il caso del bambino portato via con forza da una scuola di Cittadella? Il video scatenò feroci polemiche…).

Ecco, di fronte a questo, la decisione di censurare un'assistente sociale da parte dell'Ordine di riferimento è una buona cosa. Perché significa che si può fare anche appello alla giustizia "interna" e sperare in un provvedimento che difenda i diritti dei genitori e salvaguardi la salute mentale dei bambini. Una famiglia, infatti, non è un luogo in cui la società può permettersi una tale invadenza da modificarne gli equilibri senza ragioni giustificate o comprovate.

E soprattutto non si può concedere la libertà di distruggere una famiglia perché un'assistente sociale ritiene, in virtù della propria percezione della realtà, che ci siano gli elementi affinché non debba più sussistere.

Sono decisioni naturalmente assai delicate, che andrebbero gestite con perizia e controlli incrociati e soprattutto con una modalità che non dovrebbe mai essere messa da parte: l'umanità.

Non bisogna, infatti, mai dimenticare che le vittime non sono soltanto i bambini ma anche i genitori, a cui capita di venire tolta la potestà genitoriale, generando sofferenze indicibili che vanno ad aggiungersi ai disagi che hanno condotto l'assistente sociale a prendere decisioni così radicali.

E, poi, non c'è alcuna sicurezza sul fatto che un bambino possa trovare giovamento all'interno di un istituto, dove gli manca senza dubbio l'elemento più importante: l'affetto, anche perché non è detto che ci sia sempre un'altra famiglia disposta ad accoglierlo e a dargli ciò che gli serve per crescere come gli spetta.

Teniamo a precisare che la nostra inchiesta non vuole fomentare una caccia alle streghe nei confronti degli assistenti sociali, degli psichiatri o dei giudici ma vuole far chiarezza nello stesso interesse delle categorie citate e dei tanti professionisti che lavorano quotidianamente con serietà, coscienza ed attenzione.

Le storie e i drammi familiari di cui vi racconteremo nelle prossime settimane vanno ad approfondire quegli episodi in cui un comportamento poco professionale e decisamente superficiale, di chi ha tra le mani la enorme responsabilità di decidere sulla vita e sul destino degli altri, finisce col danneggiare irrimediabilmente l'equilibrio di una famiglia ed il destino di un minore.

Per permettere ai lettori di capire meglio l'entità del fenomeno legato alla "sottrazione dei minori" forniamo qualche cifra relativamente alle "case famiglia" alle quali vengono normalmente inviati quando sono allontanati dalle famiglie di origine.

In  Italia  si stima ci siano oltre 1800 strutture da nord a sud, con maggior concentrazione in Lombardia, Emilia Romagna, Lazio e Sicilia. Quasi 30.000 sono i minori allontanati dalle proprie famiglie, di cui circa 1600 al di sotto dei sei anni d'età.

Dai 70 ai 120 euro al giorno è il costo per mantenere un minore in un una casa famiglia che normalmente viene sostenuto dai Comuni, per un giro di affari che sfiora il miliardo di euro all'anno. Le coppie in attesa di adozione sono 10.000, mentre soltanto un minore su cinque che finisce in casa famiglia viene affidato dai tribunali in adozione o in affido.

Sempre più spesso un minore che entra in casa famiglia ne esce quando diventa maggiorenne, segnato dall'esperienza.

Ci chiediamo se a fronte dei 2000 – 3000 euro spesi dalla comunità per mantenere mensilmente un minore in un istituto, non sarebbe meglio aiutare economicamente, con cifre inferiori, le famiglie in difficoltà a conservare la propria integrità e a crescere amorevolmente i propri figli.

Vi aspettiamo giovedì prossimo per la prima storia.

Leggete qui l’apertura dell’inchiesta pubblicata giovedì scorso (24 ottobre 2015)

Mario Amendola – Gian Piero Robbi

{facebookpopup2}

 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Predaia, approvato all’unanimità il bilancio preventivo da 21 milioni di euro

Italia ed estero10 ore fa

Elezione Presidente della Repubblica, anche la seconda votazione in fumo: altre 527 schede bianche

Trento10 ore fa

Incidente in Val Breguzzo, morto un secondo escursionista

Trento10 ore fa

Tamponi falsi, Opi: «Scandaloso e inaccettabile, saremo inflessibili»

Italia ed estero11 ore fa

Gli universitari di “Siamo Futuro” ricordano Giulio Regeni e chiedono giustizia per Davide Giri

Trento11 ore fa

Regole Covid da cambiare, via la colorazione delle zone e semplicare le regole per le scuole

Trento11 ore fa

Operazioni monetarie sospette: in Trentino il fenomeno cresce del 27,2%

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Coronavirus, nelle Valli del Noce 247 nuovi casi

Valsugana e Primiero11 ore fa

Ancora fiamme in Valsugana, torna l’ombra del piromane

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

A Ossana gli studenti diventano custodi della biodiversità

Trento13 ore fa

Coronavirus: due nuovi decessi, 2.740 casi, salgono i ricoveri, calano le intensive

Trento13 ore fa

Tragico incidente in A22 a Trento: morta una 69enne bolzanina. Ferito il marito

Trento14 ore fa

Imbrattamento al Palazzo dell’istruzione, gruppo di studenti rivendica tutto – IL VIDEO

Arte e Cultura14 ore fa

Bisesti: “Violenza nazifascista, da Liliana Manfredi uno straordinario messaggio ai giovani”

Trento14 ore fa

Lotta al cancro: il 29 e 30 gennaio le arance della salute di Airc arrivano nelle piazze del Trentino

Trento4 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento3 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento2 settimane fa

Fugatti: «Per ora la scuola tiene. Ma siamo pronti a valutare nuovi provvedimenti»

Trento1 settimana fa

Coronavirus: 4 vittime e 885 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza