Connect with us
Pubblicità

Trento

Comunità e gestione associate: Civica Trentina presenta un nuovo ddl

Rodolfo Borga, Claudio Civettini e Claudio Cia presentano un disegno di legge che vuole intervenire sulla legge provinciale n.3/2006 (modificata successivamente dalla 12/2014) che si occupa del sistema elettorale, nel suo specifico delle comunità di valle e delle gestioni associate. 

Pubblicato

-

Rodolfo Borga, Claudio Civettini e Claudio Cia presentano un disegno di legge che vuole intervenire sulla legge provinciale n.3/2006 (modificata successivamente dalla 12/2014) che si occupa del sistema elettorale, nel suo specifico delle comunità di valle e delle gestioni associate. 
 
Secondo Borga la legge provinciale n.12/2014 non è altro che un compromesso per mantenere gli equilibri fra la maggioranza di governo, e di fatto non ha cambiato nulla.
 
«Non potendo procedere allo smantellamento di questi enti per ragioni di equilibrio interno alla coalizione di governo, si è quindi giunti ad un compromesso, che ha originato delle modalità di elezioni che definire singolari è dir poco»queste le prime parole di Borga alla conferenza tenuta stamane.
 
La riforma delle comunità di valle è finita sotto la lente d'ingrandimento della corte costituzionale che ne ha sollecitato la stessa riforma. Tutto è nato dopo che il comune di Vallarsa aveva sollevato la possibile illegittimità costituzionale della legge 3/2006, ragioni che sono state accolte anche dal consiglio di stato.   
 
«Ora abbiamo un ente cui si vorrebbe attribuire una qualche terzietà rispetto ai comuni che però di fatto, in virtù dell'astruso sistema introdotto, che prevede la possibilità degli amministratori comunali di divenire amministratori di comunità, è divenuto una sorta di emanazione dei comuni che lo costituiscono». A tale proposito Borga ha ricordato anche che essendo venuta meno l'elezione diretta, l'esito delle elezioni di secondo grado viene di fatto determinato dai partiti che sono in grado di determinare con assoluta certezza il risultato in anticipo. 
 
Ad oggi 221 componenti delle assemblee ben 146 provengono dai consigli comunali, di questi 51 sono sindaci e 26 assessori. Su 49 componenti dei comitati esecutivi 32 provengono sempre dai consigli comunali e di questi 16 sono sindaci 7 assessori e 9 consiglieri. Il parametro rimane uguale anche per quanto riguarda i membri esterni dei comitati esecutivi delle comunità, su 12 infatti 8 provengono dai consigli comunali.
 
Questi dati servono secondo il consigliere di Civica Trentina per capire che l'astruso sistema elettorale introdotto dalla legge 12/2004 ha determinato una sovrapposizione fra comuni e comunità di valle. In concreto – secondo Borga – gli organi della comunità di valle quindi non possono essere emanazione dei comuni. 
 
Il disegno di legge proposto intende depotenziare le comunità di valle e recuperare le competenze dei comuni, eliminando così le incongruenze dell'ultimo intervento legislativo. Organi della comunità si prevede quindi siano la conferenza dei sindaci, il presidente e il comitato esecutivo. Alla conferenza dei sindaci spetterà l'elezione del presidente della comunità di valle che a sua volta sceglierà gli assessori all'interno della conferenza.
 
Ma il disegno di legge interviene anche sulle gestioni associate dei comuni, Borga infatti chiede che «venga recuperato un emendamento (discusso durante la legge 12) per evitare il ripetersi di quanto già accaduto, cioè che i costi del servizio gestito in forma associata siano superiori a quelli del medesimo servizio gestito dai singoli comuni» 
 
«Entro il 10 dicembre la provincia insieme al consiglio delle autonomie deve individuare gli ambiti associativi, – ha spiegato Borga – noi proponiamo un deroga fino a 12 mesi per dare modo ai comuni di fare una scelta così importante in modo sereno e approfondito».
 
Nel disegno di legge sono inserite a tal proposito due norme; la non obbligatorietà della gestione associata per i comuni in grado di provare di poter svolgere i propri compiti a costi inferiori rispetto a quelli previsti per la gestione associata e la possibilità di derogare all'unicità della gestione associata per i compiti e le attività relativamente ai quali i comuni comprovino che la gestione in forma associata, estesa all'interno dell'ambito associativo, pregiudica l'efficienza e l'economicità nello svolgimento di alcuni compiti e attività. 
 
Secondo Borga questa fretta da parte della giunta per le fusioni è solo una manovra mediatica e propagandistica per dimostrare che i comuni sono calati, poi però tutti i nodi vengono al pettine, e per i cittadini dei comuni i servizi costeranno di più anziché meno. «Noi non siamo contro le gestioni associate, – ha precisato infine Borga – vogliamo solo che non siano indotte o forzate dalla giunta ma decise da cittadini consapevoli».
 
Ha concluso Claudio Civettini, «questa legge è stata molto tormentata, – ha dichiarato – la maggioranza ha fatto una legge che mette in mano ai sindaci tutti i mali della comunità, pensando che i comuni siano il vero costo della provincia. I sindaci sono gli unici a pagare civilmente e penalmente a vita per quello che fanno e per questo vanno sempre difesi, e poi non è comunque sicuro che le fusioni portino a dei risparmi, di certo è che porteranno grossi problemi e disservizi alle periferie». 
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • La Nasa lo conferma: sulla Luna c’è acqua ed è accessibile
    Sulla Luna c’è acqua, un annuncio clamoroso ma vero. L’incredibile notizia arriva da due studi della Nasa pubblicati su Nature. Il primo studio coordianato dalla Nasa dimostra la scoperta rilevata dal telescopio volante Sofia della molecola dell’acqua sulla Luna. Grazie al telescopio Sofia, montato a bordo di un boeing 747 ha infatti risolto il mistero […]
  • A Trento è arrivato l’innovativo franchise di SkinMedic Beauty Clinic
    SkinMedic è un nuovo modo di concepire il mercato dell’estetica, in cui la realtà in franchising diventa un’opportunità di crescita condivisa. Da qualche mese, il noto marchio ha aperto anche una Beauty Clinic a Trento, presso il quartiere Le Albere. “Operiamo sul campo nel settore medicale-estetico da oltre 20 anni, inizialmente come produttori di attrezzatura […]
  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]

Categorie

di tendenza