Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Scandalo Volkswagen: Il Parlamento europeo chiede test più efficienti

 

Lo scandalo Volkswagen è arrivato nelle aule del Parlamento europeo. Ieri i deputati della commissione ambiente hanno discusso della questione insieme ai funzionari della Commissione europea. “Servono test più efficienti. Subito!”, hanno concordato gli europarlamentari.

Pubblicato

-

Lo scandalo Volkswagen è arrivato nelle aule del Parlamento europeo. Ieri i deputati della commissione ambiente hanno discusso della questione insieme ai funzionari della Commissione europea. “Servono test più efficienti. Subito!”, hanno concordato gli europarlamentari.

Lo scandalo Volkswagen è esploso venerdì scorso, quando l’agenzia statunitense per la protezione ambientale (EPA) ha intimato alla casa automobilistica tedesca di spiegare come mai secondo alcuni test indipendenti i motori delle Volkswagen esaminate emetterebbero da 10 a 40 volte la quantità consentita di ossido di azoto, un agente inquinante.

Per mesi Volkswagen ha dato la colpa dei risultati di quei test a problemi tecnici. Questa settimana, invece, la compagnia di Wolfsburg ha finalmente ammesso di aver utilizzato un sofisticatissimo software per aggirare i limiti sulle emissioni inquinanti previsti dalla legge americana.

Pubblicità
Pubblicità

Più nel dettaglio, i tecnici Volkswagen avrebbero installato nella centralina elettronica di cinque modelli (Jetta, Beetle, Audi A3, Golf, Passat) un software in grado di riconoscere il posizionamento dell’auto sopra i rulli impiegati duranti i test per calcolare il livello delle emissioni. Una volta riconosciuti i rulli, il software diminuisce automaticamente l’iniezione di carburante, consentendo un abbassamento notevole delle emissioni inquinanti rispetto a quelle che sono invece le prestazioni su strada. Questo ha permesso di passare i controlli delle autorità americane senza problemi.

Lunedì Volkswagen si è scusata pubblicamente con un comunicato per aver tradito la fiducia dei suoi clienti, confermando di stare collaborando alle indagini dell’EPA, senza però diffondere ulteriori dettagli sulla vicenda. Per la compagnia tedesca non c’è solo il danno d’immagine: questa storia rischia di costarle una multa di 18 miliardi di dollari. Le auto truccate potrebbero essere fino a 11 milioni. Il titolo in borsa è in picchiata.

Il danno effettivo è semplicemente incalcolabile: il marchio Volkswagen è simbolo dell’affidabilità tedesca. Ad essere in gioco è il nome stesso del made in Germany e, quindi, tutte le esportazioni dell’economia trainante del continente europeo.

Pubblicità
Pubblicità

Ieri in Parlamento europeo gli eurodeputati hanno discusso per la prima volta della questione insieme ai funzionari della Commissione. In molti hanno dichiarato di temere che anche in Europa siano state vendute auto con il motore “truccato” o comunque non in regola rispetto ai limiti sulle emissioni.

Vogliamo sapere qual’è la situazione nell’Ue. Vogliamo sapere se anche altri produttori hanno lo stesso problema di Volkswagen”, ha dichiarato Giovanni La Via, presidente della commissione ambiente. “È presto per rispondere – ha ribattuto una funzionaria della Commissione – comunque è già un po’ di tempo che la Commissione è consapevole che i test attuali non sono adeguati a misurare il livello reale di emissioni inquinanti. Stiamo lavorando per colmare questo divario”.

Il commento di Bas Eickhout, dei Verdi, rende l’idea dell’atmosfera che si respira in Parlamento: “Lo sappiamo dal 2007 che i test devono essere migliorati . E la Commissione ancora dice che ci stanno lavorando. Se i cittadini si chiedono perché l’Europa è così lenta sinceramente non so come rispondere. E mi sento un po’ a disagio a dire che noi (eurodeputati, ndr) stiamo facendo pressione per fare veloce, mentre loro (la Commissione, ndr), ci stanno lavorando”.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE!
    Le soluzione di YWN – la rete nazionale delle imprese Il mondo del lavoro è oggi tormentato da una miriade di problemi ulteriormente aggravati dalla pandemia che ci accompagna ormai da quasi due anni. La... The post RIPARTE L’ECONOMIA MA MANCA IL PERSONALE! appeared first on Benessere Economico.
  • IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA
    La motivazione del personale strategia centrale nel business plan della ripresa. Condividere sorrisi, esperienze, riflessioni per consolidare lo spirito di squadra e la voglia di normalità negli ambienti di lavoro diventa oggi la leva principale... The post IL TEAM BUILDING AZIENDALE MOTORE DELLA RIPARTENZA appeared first on Benessere Economico.
  • Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti
    Dal 1 ottobre, come annunciato, sono scattati gli aumenti in bolletta per gas ed elettricità rispettivamente del 14,4% e del 29,8% per la famiglia tipo. Per contenere l’emergenza, il Governo ha stanziato oltre 3 miliardi... The post Caro bollette, tutti gli aiuti approvati per contare gli aumenti appeared first on Benessere Economico.
  • Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero
    Il Ministero ha pubblicato le linee guida per accedere ai ristori riservati agli operatori del turismo. L’obiettivo del Ministero è quello di informare i potenziali beneficiari al fine di produrre la documentazione necessaria per fare... The post Al via i ristori per il turismo: pubblicate le procedure sul sito del Ministero appeared first on Benessere […]
  • Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto
    Da pochi giorni è stato firmato il decreto per sbloccare gli aiuti del Fondo impresa donna. Fondo impresa donna, cos’è Il decreto firmato dal Mise, rende completamente operativo il Fondo Impresa Donna che sblocca una... The post Fondo impresa donna: tutti i dettagli per accedere ai finanziamenti agevolati ed ai contributi a fondo perduto appeared […]
  • Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione
    Una recente sentenza della Cassazione cambia in una parte dei redditi dei lavoratori dipendenti, inserendo la possibilità di tassare le mance. Perchè le mance si possono tassare Infatti, secondo la sentenza 26512, il pagamento delle... The post Le mance dovrebbero essere tassate, la sentenza della Cassazione appeared first on Benessere Economico.
  • Appartamenti moderni fatti in tubi di cemento, Hong Kong trova la soluzione per la crisi immobiliare
    L’improvviso aumento della popolazione, ha portato Hong Kong ad attraversare una crisi immobiliare dettata proprio dalla crescita della domanda di alloggi. Di conseguenza, con i prezzi immobiliari alle stelle e i sempre più scarsi spazi disponibili, l’architetto James Law ha trovato una soluzione davvero innovativa per risolvere il problema della carenza di appartamenti. L’architetto ha […]
  • Verso una caricabatterie universale per tutti i dispositivi mobili, la proposta dell’UE
    Da una proposta presentata dalla Commissione Europea, spunta la possibilità di un carica batterie universale e utilizzabile per qualsiasi dispositivo mobile. Con l’obiettivo di ridurre i rifiuti, la proposta punta quindi ad armonizzare i cavi di ricarica su una serie di dispositivi elettronici venduti nell’Unione Europea. In particolare, è stato proposto di puntare sull’utilizzo del […]
  • In Cile, il meraviglioso hotel interamente ecologico costruito con container ricilati
    Negli ultimi anni, il mondo dei viaggi tende sempre di più verso la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente tanto che la ricerca di spostamenti meno inquinanti, i cottage o le casette in legno immerse nella natura, sono diventate una vera e propria tendenza. La ricerca di alloggi in strutture sempre più originali è in […]
  • Arriva la sedia per sedersi a gambe incrociate ed evitare fastidiosi mal di schiena
    Nonostante la frenesia che caratterizza ogni città, lo stile di vita sedentario di molte persone è piuttosto comune, visto che la maggior parte delle ore si passa fermi e seduti davanti alla scrivania. Questo con il tempo può portare danni più o meno seri al fisico. Infatti, il rischio di incorrere in spiacevoli mal di […]

Categorie

di tendenza