Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Scandalo Volkswagen: Il Parlamento europeo chiede test più efficienti

 

Lo scandalo Volkswagen è arrivato nelle aule del Parlamento europeo. Ieri i deputati della commissione ambiente hanno discusso della questione insieme ai funzionari della Commissione europea. “Servono test più efficienti. Subito!”, hanno concordato gli europarlamentari.

Pubblicato

-

Lo scandalo Volkswagen è arrivato nelle aule del Parlamento europeo. Ieri i deputati della commissione ambiente hanno discusso della questione insieme ai funzionari della Commissione europea. “Servono test più efficienti. Subito!”, hanno concordato gli europarlamentari.

Lo scandalo Volkswagen è esploso venerdì scorso, quando l’agenzia statunitense per la protezione ambientale (EPA) ha intimato alla casa automobilistica tedesca di spiegare come mai secondo alcuni test indipendenti i motori delle Volkswagen esaminate emetterebbero da 10 a 40 volte la quantità consentita di ossido di azoto, un agente inquinante.

Per mesi Volkswagen ha dato la colpa dei risultati di quei test a problemi tecnici. Questa settimana, invece, la compagnia di Wolfsburg ha finalmente ammesso di aver utilizzato un sofisticatissimo software per aggirare i limiti sulle emissioni inquinanti previsti dalla legge americana.

Pubblicità
Pubblicità

Più nel dettaglio, i tecnici Volkswagen avrebbero installato nella centralina elettronica di cinque modelli (Jetta, Beetle, Audi A3, Golf, Passat) un software in grado di riconoscere il posizionamento dell’auto sopra i rulli impiegati duranti i test per calcolare il livello delle emissioni. Una volta riconosciuti i rulli, il software diminuisce automaticamente l’iniezione di carburante, consentendo un abbassamento notevole delle emissioni inquinanti rispetto a quelle che sono invece le prestazioni su strada. Questo ha permesso di passare i controlli delle autorità americane senza problemi.

Lunedì Volkswagen si è scusata pubblicamente con un comunicato per aver tradito la fiducia dei suoi clienti, confermando di stare collaborando alle indagini dell’EPA, senza però diffondere ulteriori dettagli sulla vicenda. Per la compagnia tedesca non c’è solo il danno d’immagine: questa storia rischia di costarle una multa di 18 miliardi di dollari. Le auto truccate potrebbero essere fino a 11 milioni. Il titolo in borsa è in picchiata.

Il danno effettivo è semplicemente incalcolabile: il marchio Volkswagen è simbolo dell’affidabilità tedesca. Ad essere in gioco è il nome stesso del made in Germany e, quindi, tutte le esportazioni dell’economia trainante del continente europeo.

Pubblicità
Pubblicità

Ieri in Parlamento europeo gli eurodeputati hanno discusso per la prima volta della questione insieme ai funzionari della Commissione. In molti hanno dichiarato di temere che anche in Europa siano state vendute auto con il motore “truccato” o comunque non in regola rispetto ai limiti sulle emissioni.

Vogliamo sapere qual’è la situazione nell’Ue. Vogliamo sapere se anche altri produttori hanno lo stesso problema di Volkswagen”, ha dichiarato Giovanni La Via, presidente della commissione ambiente. “È presto per rispondere – ha ribattuto una funzionaria della Commissione – comunque è già un po’ di tempo che la Commissione è consapevole che i test attuali non sono adeguati a misurare il livello reale di emissioni inquinanti. Stiamo lavorando per colmare questo divario”.

Il commento di Bas Eickhout, dei Verdi, rende l’idea dell’atmosfera che si respira in Parlamento: “Lo sappiamo dal 2007 che i test devono essere migliorati . E la Commissione ancora dice che ci stanno lavorando. Se i cittadini si chiedono perché l’Europa è così lenta sinceramente non so come rispondere. E mi sento un po’ a disagio a dire che noi (eurodeputati, ndr) stiamo facendo pressione per fare veloce, mentre loro (la Commissione, ndr), ci stanno lavorando”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]

Categorie

di tendenza