Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Prendersi cura dei beni comuni: una via per uscire dalla crisi

Per uscire dalla crisi economica non basta regolamentare la finanza. Occorre dare risposte ai bisogni della collettività sviluppando modelli nuovi di amministrazione, più efficienti e inclusivi.

Pubblicato

-

Per uscire dalla crisi economica non basta regolamentare la finanza. Occorre dare risposte ai bisogni della collettività sviluppando modelli nuovi di amministrazione, più efficienti e inclusivi.
Bisogna aiutare i cittadini a diventare più attivi, responsabili e solidali nella gestione dei beni comuni materiali e immateriali. Questa la convinzione dei ricercatori che in Trentino da anni studiano le migliori pratiche nazionali e internazionali per la gestione sostenibile di beni comuni come la qualità dell’aria e dell’acqua, il paesaggio, l’ambiente- la sicurezza alimentare, ma anche la vivibilità e la rigenerazione urbana, l’istruzione, l’integrazione e molti altri.
 
Temi che riguardano la vita quotidiana dei cittadini ma che sono anche importanti obiettivi generali per la politica e devono essere considerati adeguatamente anche dalle istituzioni europee.. Una materia difficile, quella dei beni comuni, perché sfuggente, i cui riferimenti ancora frammentari a cavallo tra economia, politica e giurisprudenza, stanno  gradualmente emergendo anche a livello comunitario. 
 
Ma come tradurre in termini giuridici e in interventi normativi di livello europeo – e poi anche nazionali e locali – quanto di positivo appreso nello studio dei beni comuni? Su questo interrogativo si è concentrato ieri a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo, il convegno dal titolo “Prenderci cura dei beni comuni per uscire dalla crisi. Quale apporto dall’Unione Europea?”.
 
Il convegno è stato organizzato dall’unità di ricerca dell’Università di Trento, coordinata dal professor Marco Bombardelli, che insieme ad altri undici atenei partecipa al progetto nazionale PRIN “Istituzioni democratiche e amministrazioni d'Europa: coesione e innovazione al tempo della crisi economica”. 
 
I beni comuni – come è emerso nel convegno – sono risorse a disposizione della collettività, che,  se adeguatamente curate e valorizzate, possono contribuire a compensare gli effetti negativi della crisi. Ma la loro importanza sta anche nel fatto che la loro cura è in grado di dare luogo a nuovi modelli di amministrazione e di attivare dinamiche “virtuose” nelle relazioni tra istituzioni pubbliche e soggetti privati capaci di creare del “valore sociale aggiunto”.
 
Le regioni dell’arco alpino sono state in questo senso teatro di buoni esempi di gestione efficiente dell’ambiente e delle risorse naturali a beneficio delle comunità montane, attraverso esperienze come la gestione degli usi civici. Ma il prendersi cura dei beni comuni sta diventando una prassi frequente in molti ambiti diversi su scala nazionale, come dimostra anche la diffusione del Regolamento per la gestione dei beni comuni urbani redatto dal Comune di Bologna insieme con Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà.
 
Ora, queste buone pratiche condotte a livello locale, insieme agli studi condotti in campo economico, giuridico e politologico, possono candidarsi ad essere punto di riferimento per migliorare e rendere più razionale ed organico l’approccio europeo ai beni comuni. 
 
Un tema trasversale, quello della tutela dei beni comuni, attorno a cui il convegno è riuscito a creare grande convergenza anche a livello politico. Al convegno hanno preso parte gli europarlamentari Alessia Mosca (S&D), Herbert Dorfmann (PPE) e anche Sergio Cofferati (S&D) nella sua veste di vicepresidente dell’Intergruppo “Beni Comuni e Servizi Pubblici”.
 
Ad esporre gli obiettivi dell’unità di ricerca trentina nell’ambito del Progetto di ricerca nazionale è stato lo stesso coordinatore Marco Bombardelli, professore ordinario di Diritto amministrativo all’Università di Trento.
 
A seguire il professor Gregorio Arena, già professore ordinario di Diritto amministrativo nell’Ateneo trentino e presidente di Labsus (Laboratorio per la sussidiarietà – http://www.labsus.org/) ha approfondito il modello dell’amministrazione condivisa per la cura dei beni comuni portando proposte e buone pratiche raccolte a livello nazionale.
 
Infine, il professor Fabio Giglioni, professore di Diritto amministrativo all’Università la Sapienza di Roma ha inquadrato il tema dei beni comuni in relazione al diritto europeo.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza