Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Immigrazione: accordo Ue vicino ma l’Ungheria continua a preoccupare

 

Domani a Bruxelles i ministri dell'Interno dei paesi Ue discuteranno le misure proposte da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, per fronteggiare l'emergenza immigrazione.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Domani a Bruxelles i ministri dell’Interno dei paesi Ue discuteranno le misure proposte da Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, per fronteggiare l’emergenza immigrazione.

Le misure presentate da Juncker includono: la redistribuzione per quote obbligatorie di 160mila richiedenti asilo arrivati in Italia, Grecia e Ungheria, l’adozione di una lista di paesi sicuri che permetterà di velocizzare le procedure di asilo per chi proviene da Balcani e Turchia e l’istituzione di un fondo di 1,8 miliardi di euro con il quale aiutare i paesi africani da cui giungono molti migranti.

Secondo fonti diplomatiche ci sarebbe un ampio consenso tra i vari stati membri: questo giovedì alla riunione degli ambasciatori, anticamera del Consiglio, la proposta di redistribuzione dei 120mila richiedenti asilo sarebbe già passata. Gli ambasciatori torneranno a riunirsi oggi per preparare la bozza di conclusioni del Consiglio dei ministri dell’Interno di domani.

Pubblicità
Pubblicità

Domani ci si attende l’ok al piano per la redistribuzione di 40mila migranti (24mila dall’Italia e 16mila dalla Grecia) con partenza dal 16 dicembre. Inoltre, dovrebbe essere approvata un’intesa preliminare per il ricollocamento di emergenza per altri 120mila (15.600 dall’Italia, 50.400 dalla Grecia e 54mila dall’Ungheria), che servirà da base per l’elaborazione di un testo più dettagliato che dovrebbe essere approvato al Consiglio degli Interni dell’8 ottobre.

Restano da convincere Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, che continuano a dire no al sistema delle quote obbligatorie. Anche se da solo il no di questi tre paesi non riuscirà a bloccare il piano, la loro persistente opposizione desta serie preoccupazioni a Bruxelles.

I ministri degli Esteri dei tre paesi ribelli hanno ribadito la loro posizione venerdì a Praga, al termine di un incontro che ha visto anche la partecipazione dei loro omologhi di Germania, Lussemburgo e Polonia. Il ceco Lubomir Zaoralek ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di avere controllo su quanti migranti siamo in grado di accettare”. Lo slovacco Miroslav Lajcak ha affermato: “Abbiamo punti di vista diversi sul problema”. L’ungherese Peter Szijjarto ha sottolineato invece che “il compito principale dell’Europa deve essere quello di riprendere il controllo della frontiera esterna dell’Ue”.

Pubblicità
Pubblicità

Il no dell’Ungheria è quello di meno immediata comprensione, in quanto il sistema di quote obbligatorie le consentirebbe di ricollocare nel resto d’Unione 54mila dei richiedenti asilo attualmente presenti sul suo territorio. Secondo fonti di Bruxelles: “Gli ungheresi sono convinti che il piano europeo sia solo un aiuto superficiale. Ritengono che sistema di ricollocamento offra ai migranti un ulteriore incentivo per mettersi in viaggio per l’Europa e per questo rigettano l’intero piano”.

Intanto da Budapest giungono notizie sempre più allarmanti. Il premier ungherese Victor Orban ha assicurato in questi giorni che “dal 15 settembre entrerà in vigore una normativa più restrittiva in materia di immigrazione. I migranti che entreranno illegalmente in Ungheria saranno arrestati”. Inoltre, per quella data si prevede anche che vengano conclusi i lavori per la costruzione del famigerato muro di 175 chilometri al confine con la Serbia.

Roszke, il “campo di raccolta” al confine con la Serbia somiglia sempre più a un campo di concentramento. In un filmato girato da una volontaria di un’associazione cattolica, vengono mostrati i migranti, tra cui intere famiglie con vecchi e bambini, chiusi in un recinto accalcarsi per acchiappare al volo buste di plastica con panini e cibo lanciate dai poliziotti.

Il cancelliere austriaco Werner Faymann non ha esitato a paragonare ciò che sta succedendo in Ungheria alla “pagina più oscura della storia europea”, ricordando che le autorità ungheresi hanno ingannato i profughi assicurando loro che il treno su cui stavano salendo era diretto a Budapest, mentre invece la reale destinazione era un campo di raccolta. Una deportazione in piena regola, secondo il cancelliere.

Emblema della disumanità e della follia xenofoba che stanno divorando l’Ungheria è Petra Laszlo, la reporter ungherese divenuta nota per aver fatto qualche giorno fa lo sgambetto a un migrante che correva in fuga dalla polizia con il suo bambino in braccio (qui il video).

La vicenda di questa poveraccia è lì a metterci in guardia sulle conseguenze di una politica che incita al respingimento, che si nasconde dietro alla difesa delle radici cristiane, che agita lo spauracchio della criminalità e della disoccupazione e che reclama la difesa delle frontiere nazionali.

Troppi sono i politicanti in Europa che più o meno indirettamente promuovono comportamenti come quello di Petra Laszlo. È da loro che dobbiamo guardarci, non dai migranti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
rel="nofollow"Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Giudicarie e Rendena8 ore fa

Morto Luigi Cantonati il 53 enne travolto dal legname 10 giorni fa

Trento11 ore fa

Oggi la visita del sindaco a Villazzano

Spettacolo11 ore fa

Cinemart prosegue con “Jane by Charlotte”

Piana Rotaliana12 ore fa

“AgriLazzera 2023”: macchinari e attrezzature per l’agricoltura e il giardinaggio in mostra a Lavis

Trento12 ore fa

Dolomiti Pride 2023, la sfilata sarà a Trento il 3 di giugno

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Molveno: viabilità limitata in centro storico per tutta la settimana prossima

Bolzano12 ore fa

Tragico scontro tra un camion e una macchina, morta una persona

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Si è svolta la sessione forestale annuale del Comune di Cles: in montagna si torna alla normalità, ma c’è preoccupazione per l’espansione del bostrico

Trento13 ore fa

Itea, redditi più bassi e utenze domestiche? Fdi: «Pronti a sostenere qualsiasi iniziativa di aiuto da parte dell’Amministrazione Comunale»

Rovereto e Vallagarina13 ore fa

Ancora una vettura in fiamme, è successo a Besenello

Trento13 ore fa

Coronavirus, il report settimanale dei contagi in Trentino

Trento13 ore fa

Foglio di via per 3 anni per un nigeriano pregiudicato

Trento14 ore fa

Blitz in via Ghiaie della Polizia di Stato: denunciati 4 nordafricani per spaccio, due dei quali espulsi

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Iscrizioni in forte crescita al Liceo Russell: +28% rispetto all’anno scorso

Alto Garda e Ledro17 ore fa

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un vigneto, ferito un 21 enne

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena3 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza