Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

La pecora Dolly? Non nel mio piatto. Il Parlamento europeo dice no alla clonazione animale per fini alimentari

 

Il Parlamento europeo ha detto no alla clonazione degli animali per fini alimentari. Con 529 voti a favore, 120 contrari e 59 astensioni, gli europarlamentari riuniti in seduta plenaria a Strasburgo hanno adottato ieri la relazione congiunta delle commissioni agricoltura e ambiente, che modica la proposta di direttiva della Commissione europea.

Pubblicato

-

Il Parlamento europeo ha detto no alla clonazione degli animali per fini alimentari. Con 529 voti a favore, 120 contrari e 59 astensioni, gli europarlamentari riuniti in seduta plenaria a Strasburgo hanno adottato ieri la relazione congiunta delle commissioni agricoltura e ambiente, che modica la proposta di direttiva della Commissione europea.

Il 18 dicembre 2013, la Commissione aveva presentato una proposta di direttiva per vietare la clonazione di suini, bovini, ovini, caprini ed equini allevati e fatti riprodurre a fini agricoli all’interno dell’Unione europea. Al contempo, la Commissione aveva presentato un’altra proposta di direttiva, nella quale prevedeva di bandire dai mercati europei ogni tipo di alimento ottenuto facendo ricorso alla tecnica della clonazione animale.

La relazione adottata ieri dal Parlamento europeo va ben oltre gli obiettivi individuati dalla Commissione. Con il voto di ieri, gli europarlamentari hanno esteso il divieto di clonazione animale a tutte le specie animali allevate per fini agricoli, e non solo quindi a suini, bovini, ovini, caprini ed equini, come previsto dalla proposta della Commissione. Inoltre, il testo adottato dal Parlamento bandisce dal mercato alimentare dell’Unione europea non solo i prodotti alimentari provenienti dai cloni ma anche quelli della progenie degli animali clonati.

Pubblicità
Pubblicità

La tecnica della clonazione continua, invece, ad essere autorizzata per scopi quali la ricerca, la conservazione di specie rare o minacciate, o per la produzione di farmaci e dispositivi medici.

Gli eurodeputati hanno giustificato la loro decisione adducendo giustificazioni di carattere etico e legate alla salute dei cittadini dell’Unione europea. Renate Sommer, la deputata co-relatrice per la commissione ambiente, ha dichiarato: “La tecnica di clonazione non è completamente matura e in effetti non sono stati compiuti ulteriori progressi. Il tasso di mortalità rimane altrettanto elevato. Molti degli animali che nascono vivi, muoiono nelle prime settimane, e muoiono dolorosamente. Dovremmo permettere ciò?“.

Giulia Moi, deputata Cinque Stelle e co-relatrice per la commissione ambiente ha aggiunto: “Dobbiamo prendere in considerazione l’impatto sulla salute degli animali, ma anche sulla salute umana. Questa relazione invia ai nostri partner commerciali il messaggio che non siamo disposti a mettere la nostra salute, la salute delle nostre famiglie e delle generazioni future in gioco, utilizzando prodotti di dubbia qualità di questo tipo“.

Pubblicità
Pubblicità

Le tesi degli eurodeputati sono in linea con gli accertamenti compiuti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), che ha notato come la clonazione sia una tecnica di riproduzione ancora poco efficiente. Gli studi dell’EFSA evidenziano che la salute e il benessere dei cloni sono spesso compromessi: le anomalie dei cloni e le dimensioni insolitamente grandi dei feti provocano, tra le altre cose, parti difficili e molti decessi alla nascita.

Molti deputati hanno anche fatto riferimento a sondaggi che indicano che la maggioranza dei cittadini dell’UE è fortemente contraria al consumo di alimenti derivati da animali clonati o dalla loro progenie, disapprovando inoltre l’uso della clonazione a fini agricoli, a causa di considerazioni sul benessere degli animali ed etiche generali.

Resta da chiedersi quanto l’opinione di persone non esperte in materia debba incidere sul processo decisionale europeo.

Questa non è l’unica perplessità sollevata dal voto di ieri. La relazione adottata dal Parlamento introduce, infatti, il requisito fondamentale della tracciabilità obbligatoria. In altre, parole, le importazioni nell’UE dovrebbero essere consentite solo a condizione che i certificati d’importazione indichino che non sono derivate da cloni animali o progenie di cloni animali. Il divieto si dovrebbe applicare anche alle importazioni di materiale germinale e di alimenti e mangimi di origine animale.

Un divieto difficile da far rispettare, come ha osservato l’europarlamentare sudtirolese Herbert Dorfmann, che è intervenuto così in plenaria: “Possiamo davvero arrivare a risalire a due o tre generazioni precedenti per quanto riguarda la tracciabilità? Credo che ci debba essere la massima chiarezza nei confronti dei nostri consumatori”.

Ora il Parlamento dovrà avviare i negoziati con il Consiglio dell’Unione europea per trovare un accordo sulla versione definitiva della normativa. Il disegno di legge dovrebbe entrare in vigore nel 2016.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Superbonus, arriva la CILA semplificata: il modello che dimezza la burocrazia
    Da oggi sarà più semplice accedere e richiedere lo sgravio per il superbonus 110%, grazie ad una norma all’interno del Decreto Semplificazioni che dimezza la burocrazia. CILA, il documento semplificato per l’accesso al Superbonus, come... The post Superbonus, arriva la CILA semplificata: il modello che dimezza la burocrazia appeared first on Benessere Economico.
  • Grandi imprese, un Fondo di 400 milioni a sostegno delle aziende in momentanea difficoltà
    Dal Ministero dello Sviluppo Economico arriva al notizia di un fondo da 400 milioni istituito per il sostegno delle aziende che si trovano in momentanea difficoltà a causa dell’emergenza covid. Cos’è Si tratta di una... The post Grandi imprese, un Fondo di 400 milioni a sostegno delle aziende in momentanea difficoltà appeared first on Benessere […]
  • Stop cartelle ad agosto, ma ripartono le rate saldo – stralcio e rottamazione -ter
    L’agenzia delle Entrate e riscossione comunica le novità introdotte dal Decreto Sostegni Bis riguardo l’invio delle cartelle esattoriali. In particolare, è stato confermato lo stop ad agosto, ma ripartiranno le rate del saldo -stralcio e... The post Stop cartelle ad agosto, ma ripartono le rate saldo – stralcio e rottamazione -ter appeared first on Benessere […]
  • Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona
    Da qualche giorno è stato varato dal Governo un bonus , il reddito di libertà destinato alle donne vittima di violenza. Reddito di Libertà, cos’è Si tratta di un una misura molto attesa visto che... The post Arriva il Reddito di Libertà a sostegno delle donne vittime di violenza, come funziona appeared first on Benessere […]
  • Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo
    Con l’arrivo della stagione estiva l’attenzione è puntata verso il turismo. Per questo, al fine di stimolare gli spostamenti, il Decreto Sostegni Bis prevede finanziamenti alle Regioni destinati al rimborso delle spese mediche ai turisti.... The post Polizze assicurative per i turisti stranieri: previsto un fondo dal Ministero del Turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla
    Con la pandemia è emersa l’esigenza di trovare una nuova organizzazione del lavoro che cercasse di riadattare l’esperienza, trasferendo fuori dalla sede operativa la maggior parte delle attività lavorative. Questo processo ha iniziato a delineare... The post Il lavoro cambia e corre verso l’Hybrid Workplace, i vantaggi della “nuova normalità” e come introdurla appeared first […]
  • Vacanze nell’aria, in Italia l’incredibile esperienza del viaggio in mongolfiera
    Un turismo diverso, lento ma intenso, sospesi in aria e trasportati dal vento, ma senza la fretta di arrivare. Il fascino di un’escursione in mongolfiera sorprende sempre e regala emozioni difficili da dimenticare. In molte regioni d’Italia le occasioni di viaggiare alla velocità dettata dal vento, ammirando coste e campagne, mare cristallino e vigne, non […]
  • In Italia arriva la prima Beach SPA marina: un’offerta turistica naturale e consapevole
    Gli elementi naturali caratteristici della spiaggia del Salento legati all’acqua salina del mare e all’aria estiva, diventano dei veri percorsi benessere all’interno di una spa che nasce direttamente sulla costa, in spiaggia, all’aria aperta. Un’idea unica per chi ama il mare e l’aria aperta, ma non vuole perdere tutte le conseguenze rigenerati e vitalizzanti tipiche […]
  • Piccoli angoli di paradiso immersi nella natura incontaminata, una perfetta alternativa al mare
    La bellezza incontaminata della natura fatta di scrigni selvaggi e posti da favola, accende la passione per l’Italia e per le sue straordinarie mete che spesso, nascondono scenari incredibili. Non solo acqua di mare, ma anche fiumi, cascate e canyon diventano un luogo ed un’alternativa perfetta per fare il bagno e rilassarsi. Infatti, per chi vuole […]
  • Nuotare nel Reno: un’esperienza unica nel suo genere
    Dalle montagne spettacolari, agli immensi boschi fino alle gole selvagge, la Svizzera circondata dalla sua natura incontaminata diventa inevitabilmente sinonimo di sostenibilità. Questa attenzione si riflette sui consumi, sulla lungimiranza nel riciclaggio della popolazione, ma anche sul turismo. Infatti, il turismo svizzero spinge i suoi visitatori ad entrare quanto più possibile a contatto con l’ambiente […]

Categorie

di tendenza