Connect with us
Pubblicità

Trento

Il futuro digitale della ristorazione parte da Trento con «Myfood»

È una svolta che per i ristoratori diventerà forzata il 31 dicembre del 2015 e che obbligherà tutti a seguire la nuova normativa sugli allergeni.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

È una svolta che per i ristoratori diventerà forzata il 31 dicembre del 2015 e che obbligherà tutti a seguire la nuova normativa sugli allergeni.
 
Il reg. UE 1169/2011, infatti stabilisce che anche gli esercizi pubblici che somministrano alimenti non-preconfezionati (ristoranti, bar, catering, mense, hotel, agriturismi, panetterie, pasticcerie, gelaterie, ecc.) debbano informare il consumatore sulla presenza di allergeni all'interno degli alimenti venduti.
 
Il ristorante del futuro dovrà affrontare nuove sfide nel soddisfare una clientela sempre più attenta in materia di cibo e nutrizione. Per fare questo, dovrà rendere accessibili ai clienti in modo semplice e immediato tutte le informazioni riguardanti gli alimenti serviti, ad esempio ingredienti, allergeni e provenienza.
 
Per far fronte a questa esigenza è stata realizzata e sviluppata un'applicazione innovativa e molto semplice da usare che circa 300 ristoranti italiani hanno già inserito nella propria carta menù giornaliera. Gli inventori di questa App sono Trentini e fanno capo alla Okkam, l’azienda nata nel 2011 come spin off dell’Università di Trento.
 
L'idea ha subito conquistato l'interesse di tutti, OKKAM infatti proprio in questi giorni ha firmato l'accordo con la conf commercio di Torino (Ascom) ed è in via di definizione quello con la città di Ferrara (Fipe) per la distribuzione in esclusiva sulla zona a tutti i ristoratori. 
 
Il nome della App è Myfood e trasforma il menù dei ristoranti (ma anche di bar, hotel e altre attività) in uno strumento intelligente. Grazie a myfood i clienti potranno scegliere il cibo più adatto alle proprie esigenze alimentari accendendo online al menù, grazie al QrCode, sempre disponibile e aggiornato. Con myfood, OKKAM vuole rendere il cibo più trasparente, permettendo al ristoratore di indicare le caratteristiche e gli ingredienti di ciascun piatto, compresi gli allergeni contenuti, come previsto dal regolamento UE 1169/2011.
 
Sulla base di quanto riportato nella circolare UE, poi ripresa dal ministero della salute italiano è ormai da ritenere definitivamente fuori legge il cartello unico degli ingredienti, perché si tratta di un’indicazione generalizzata e perciò non idonea a esprimere la pericolosità di ciascun alimento per i consumatori vulnerabili a talune sostanze.
 
Quindi ogni ristoratore ha il dovere di fornire informazioni specifiche sulla presenza di allergeni. La circolare è irremovibile nel precisare che – quand’anche le informazioni vengano offerte su richiesta, come pure quando vengano fornite mediante altri strumenti (codici QR, App…) – l’operatore deve comunque poter mettere a disposizione del consumatore un registro degli ingredienti e degli allergeni presenti in ciascuno dei prodotti preparati. (leggi qui l'elenco degli allergeni)
 
«A breve il menù digitale diventerà anche uno strumento di ricerca, – spiegano Paolo Bouquet e Andrea Molinari (foto) – professori universitari e inventori della APP – grazie al quale il consumatore potrà trovare il ristorante più vicino che offre un determinato piatto o un menù privo di uno o più allergeni. Myfood punta a diventare una soluzione globale alternativa alle grandi app di ricerca come TripAdvisor o FourSquare».
 
Grazie a MyFood si aprono degli scenari innovativi importanti per i ristoratori ma anche per i consumatori, infatti cercare un ristorante in base alle caratteristiche del cibo servito, ad esempio privo di determinati allergeni, preparato con ingredienti biologici o a km0 oppure appartenente a una certa tipologia di cucina (vegana, indiana, tipica) ora diventa facile e veloce. 
 
Grazie alla APP (e qui è la grande novità) è possibile filtrare tutti i menù in base a determinati criteri come la presenza di allergeni o le caratteristiche nutrizionali.
 
Quindi non una APP basata principalmente sui giudizi dei clienti ma sui menù offerti garantendo sicurezza e qualità ai consumatori, specie a quelli che soffrono di intolleranze alimentari.

In concreto myfood è un innovativo servizio in cloud che permette ai ristoratori di gestire e pubblicare i propri menù su un’unica piattaforma online e contemporaneamente assolvere alle normative europee sugli allergeni e sull'etichetta nutrizionale e ai clienti di trovare il ristorante più adatto alle proprie preferenze alimentari e accedere in ogni momento al menù dal proprio smartphone. 
 
I servizi della ristorazione generano il 3% del PIL a livello globale a fronte di un fatturato che nel 2014 ha sfiorato i 3.000 miliardi di dollari.
 
Tra il 2003 e il 2013 il numero dei locali per ristorazione nel mondo sono saliti da 12 milioni a 18 milioni, in Europa, le imprese che sono legate a ristorazione e accoglienza sono circa 1,7 milioni e creano 9,5 milioni posti di lavoro.
 
La Federazione Italiana Pubblici Esercizi (FIPE) riporta che in Italia nel 2014 erano attive in Italia 315.665 imprese legate ai servizi di ristorazione (di cui 5.712 in Trentino – Alto Adige), a cui vanno aggiunti 148.164 bar senza cucina (di cui 2.730 in Trentino – Alto Adige), 164.519 attività di ristorazione mobile (di cui 2926 in Trentino – Alto Adige) e 2982 tra mense e catering (di cui 56 in Trentino – Alto Adige).
 
In Italia il settore registra un vero e proprio boom, che ha visto le attività in questo settore crescere del 12,7% dal 2009 al 2014 (Ufficio Studi della Camera di Commercio di Monza e Brianza). Prevalenza di imprese giovanili (il 40,8% sono nate da under 35), mentre il 38,8% delle nuove imprese della ristorazione rientra nel campo dell’imprenditoria femminile.
 
La città italiana che vanta il maggior numero di imprese della ristorazione è Roma con 24.866 unità, seguita da Milano (15.775, con una prevalenza di bar) e Napoli (13.680, caratterizzata soprattutto da attività “take away”).
 
Negli USA, il 69% degli intervistati dice che è più probabile che vadano in ristoranti che offrono cibo locale, il 60% in ristoranti che offrono ingredienti coltivati in modo eco-compatibile, il 76% in ristoranti che offrono come opzione piatti più salutari. Sempre negli USA, il 34% degli intervistati dice che la tecnologia fa sì che vadano più spesso al ristorante o ordinino pasti al ristorante. Tra i possessori di smartphone, il 70% dichiara di consultare il menu online di ristoranti
 
I consumatori vegetariani sono sempre più numerosi e rappresentano circa il 9% della popolazione italiana e il 6% di quella mondiale
 
Secondo il rapporto Eurispes 2011, sono circa 5 milioni gli italiani vegetariani. E lo 0,4% ha optato per una decisione ancor più drastica, escludendo dalla dieta anche latte e uova, e diventando vegani.
 
Ma se i numeri della ristorazione in Italia e nel mondo sono imponenti lo stanno diventando ancora di più alcuni dati su intolleranze e allergie. A livello nazionale, da uno studio dell’Istituto superiore di sanità, l’8% delle madri ha riferito che il proprio bambino ha sofferto o soffre di intolleranze, ma su questo dato ci sono forti differenze regionali.
 
Studi europei stimano una percentuale di reazioni avverse al cibo intorno al 7,5% nei bambini e al 2% negli adulti. Secondo i dati del Ministero della Salute, nel 2011 i celiaci in Italia dovrebbero essere circa 600mila. Sono oltre 135mila le diagnosi di celiachia ogni anno, con un incremento del 10% all’anno.
 
Per vedere come funziona fotografa con il tuo cellulare il qrcode sotto (ne abbiamo preso uno di un ristorante di Trento che offre il servizio ) poi scegli Menù ForsterBrau, poi clicca su «hai qualche allergia alimentare», seleziona i cibi a cui sei allergico o vuoi evitare, poi torna al menù e scegli il tuo MyFood (il tuo cibo). Ora appariranno solo i piatti che non contengono ciò di cui sei allergico. Facile vero? ora fai la tua scelta e buon appetito.
 
 
 

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Andalo, cambia il sistema di conferimento dei rifiuti da parte delle aziende

Italia ed estero10 ore fa

Addio al bonus 18enni, i fondi a spettacoli ed editoria

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

L’intera Val di Non imbiancata: Vigili del Fuoco al lavoro

Trento12 ore fa

Ordine Infermieri: «Restituire ai pazienti la vicinanza dei familiari significa restituire un diritto umano»

Trento12 ore fa

La decorazione natalizia della polizia di Stato sul grande abete in piazza Duomo

Trento13 ore fa

Weekend dell’Immacolata, neve in esaurimento. Domenica traffico da bollino nero

Musica14 ore fa

Isera, Palazzo de’ Probizer: Agorart Ensemble in concerto

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Nuovo ospedale di Cavalese: una grande proposta per i bisogni della comunità

Trento14 ore fa

Superato il limite della decenza: ora rubano i vasi di rame dai cimiteri

Trento14 ore fa

Neve in Trentino, la situazione della viabilità alle ore 10.30

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

A Spormaggiore arriva il “Consiglio comunale dei ragazzi”

Trento15 ore fa

5 centimetri di neve a Trento, in azione la macchina comunale. Nel pomeriggio in arrivo la pioggia

L'Editoriale15 ore fa

In Trentino centrodestra ancora favorito. La leadership cambia a favore di Fratelli d’Italia

Trento16 ore fa

Arrivano i turisti: la stagione invernale si apre con successo

Italia ed estero16 ore fa

Dal 12 al 16 dicembre mobilitazioni nazionali contro la manovra di bilancio: le motivazioni

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…1 settimana fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Io la penso così…5 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento3 giorni fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Trento3 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web4 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Meteo2 giorni fa

Da giovedì sera sul Trentino torna la neve anche a quote basse

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella6 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza