Connect with us
Pubblicità

Trento

Marianna Demattè (M5S): «No alla gestione degli asili nido alle cooperative»

La consigliera comunale di Trento Marianna Demattè ha presentato un'interrogazione in merito alle condizioni di lavoro del personale degli asili nido la cui gestione è stata esternalizzata alle cooperative. 

Pubblicato

-

La consigliera comunale di Trento Marianna Demattè ha presentato un'interrogazione in merito alle condizioni di lavoro del personale degli asili nido la cui gestione è stata esternalizzata alle cooperative. 

A Trento ci sono 23 asili nido e solo 7 sono gestiti direttamente dal Comune mentre i restanti 16 sono stati dati in gestione a delle cooperative. Un tempo il rapporto era l'opposto, ma nel volgere di pochi anni le cooperative hanno ricevuto la gestione di più dei due terzi dei nidi cittadini. «La cosa risulta assai rilevante se andiamo a verificare la differenza nelle condizioni di lavoro fra chi opera direttamente per il Comune e chi invece lavora per le cooperative. Si tratta di due mondi del tutto diversi» – spiega Marianna Demattè.

La consigliera del M5S entra quindi nei dettagli: «Le cooperative assumono in prevalenza personale giovane e maggiormente qualificato rispetto ai nidi a gestione comunale, ma a differenza di questi ultimi utilizzano un numero assai maggiore di contratti a termine, con stipendi più bassi, che nell'80% dei casi sono anche a tempo parziale. E' lecito pensare che queste scelte siano pensate per massimizzare il profitto delle cooperative, ma non tengono conto del fatto che con bambini così piccoli la continuità di presenza del personale educatore è straordinariamente importante. Non è accettabile ad esempio che quando i bambini dormono le educatrici vengano adibite ad altre attività come i colloqui con i genitori e sostituite dal personale ausiliario, per il semplice fatto che i bambini della prima infanzia non sono tutti uguali e non sono gestibili come gruppi, e pertanto richiedono di essere accuditi assiduamente.

Pubblicità
Pubblicità

Non ci sono dunque "tempi morti", – osserva Demattè –  non è sensato aspettarsi che i bambini possano essere lasciati soli a dormire mentre gli operatori vengono spediti a fare altro. Cosa succede ad esempio se all'improvviso un bambino si sveglia e si ritrova da solo con tutti i compagni che dormono e non c'è chi può portarlo altrove? Bisogna inoltre considerare che, soprattutto in questo tipo di settore, la soddisfazione del personale influisce fortemente sulla qualità del lavoro che si svolge. Detto in termini semplici, le strategie che le cooperative usano per massimizzare il proprio profitto rischiano di impattare negativamente anche sulla qualità del servizio che quelle stesse cooperative offrono a nome del Comune. Problemi che nelle strutture direttamente gestite dal Comune non paiono esserci».

La tematica è molto discussa da tempo in Trentino e in tutt'Italia dove sono molti i genitori che temono che l'esternalizzazione dei servizi degli asili nido possa portare ad un abbassamento dei servizi. In alcune città gli stessi genitori hanno minacciato di ritirare i proprio bambini dagli asili qualora il servizio venisse dato in mano alle cooperative, rosse o bianche che siano, questo ha poca importanza.

Il movimento cinque stelle a riguardo da tempo non vede di buon occhio questo sistema e in consiglio comunale si sta battendo per far tornare tutti gli asili nido nella gestione diretta del comune.

Pubblicità
Pubblicità

In pratica, si tratta di un  pezzo di welfare che viene «affittato» ad un sistema integrato pubblico -privato attraverso convenzioni o concessione ad esterni. In questo caso viene esternalizzato alle cooperative sociali. 

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza