Connect with us
Pubblicità

Trento

Anch’io voglio i 35 euro al giorno dallo stato

A dirlo è un pensionato Trentino, 65enne, che ha scritto un'accorata lettera alla nostra redazione.

Pubblicato

-

A dirlo è un pensionato Trentino, 65enne, che ha scritto un'accorata lettera alla nostra redazione.

Nella lettera scrive le motivazioni di questa richiesta, alcune piuttoste drammatiche, altre che sicuramente scateneranno un feroce dibattito. La lettera ha subìto dei tagli, in quanto conteneva alcuni passaggi un po' troppo «scortesi». La riproponiamo comunque fedele nei suoi contenuti.

«Anch'io voglio i 35 euro che, per diritto spettano ai profughi che profughi non sono.

Pubblicità
Pubblicità

Già perchè, i veri profughi sono solo quelli che arrivano da Libia ed Eritrea, gli altri vanno chiamati con il loro vero nome; clandestini in cerca di una gloria che non troveranno mai.

Profughi? Vengono chiamati così solo per darsi un alibi, per non sembrare cattivi ed inospitali.

Ma l'Italia e i suoi cittadini hanno dato tanto, hanno aiutato molto, troppo, con pazienza e altruismo, adesso però basta, qualcuno deve avere il coraggio di dire stop.

30 anni di contributi pagati, 40 anni di lavoro, prima nel commercio e poi come dipendente, per percepire 500 euro di pensione. Anch'io ho il sacrosanto diritto di prendere 35 euro al giorno, ma se non me li volete dare almeno ospitatemi in albergo, perché ormai sono quasi senza casa, e se non volete farlo datemi almeno da mangiare, perchè io sono fra i tanti che hanno costruito il nostro paese, sono figlio e nipote di chi l'Italia l'ha costruita e non di chi la sta distruggendo.

Datemi i 35 euro al giorno anche perchè ho sempre pagato le tasse giuste o meno che siano, ed ora pretendo in cambio l'aiuto di chi fino ad ora ha solo chiesto e non ha mai dato nulla in cambio.

Datemi i 35 euro al giorno perché io non vado a rubare o vendere droga, non rubo e non dormo sulle panchine, non truffo e non aggredisco, perché io per 65 anni sono stato una persona onesta che ha creduto nello stato. Ora non più.

Datemi i 35 euro al giorno per poter sopravvivere con dignità di fronte ai miei figli e ai miei nipoti che un giorno si chiederanno cosa abbia fatto di male per essere stato abbandonato da uno stato che non riconosco più.

Datemi i 1.000 euro al mese che spendete per ogni clandestino per dimostrare che volete salvare le generazioni future, per avere ancora una speranza, per essere sicuro che tutto questo non sia un incubo…»

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Spotify crea playlist personalizzate per i propri animali domestici: l’obiettivo è alleviare stress e ansia
    A casa durante le pulizie o sotto la doccia, in palestra mentre ci si allena e si fatica, ed in macchina alla radio con i brani preferiti: la musica sembra accompagnare e addolcire da sempre le giornate, diventando spesso colonna sonora di momenti importanti ed indimenticabili della nostra vita. In molti casi, le canzoni a […]
  • “Glamping”: la nuova alternativa glamour e chic al campeggio
    La natura con la sua bellezza ha la straordinaria capacità di avere una forte reazione ed un effetto diretto sulle nostre emozioni invitando ogni anno molti viaggiatori a viverla appieno per migliorare i propri momenti di pausa dalla vita frenetica, attraverso una semplice passeggiata all ombra delle fronde di un bosco o meglio, trascorrendo un’intera […]
  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]

Categorie

di tendenza