Connect with us
Pubblicità

Trento

Ipoacusia e sordita’ infantile: quando crescere e’ come stare in una bolla

La sordità rappresenta una tra le più comuni disabilità congenite infantili.

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La sordità rappresenta una tra le più comuni disabilità congenite infantili.

Numeri alla mano, il fenomeno colpisce 1-3 neonati su mille e 4-5% dei neonati ricoverati in terapia intensiva neonatale. La sordità è, quindi, ritenuta una patologia frequente, molto più della fenilchetonuria e dell’ipotiroidismo, con conseguenze importanti sulla vita di relazione dei piccoli legate alla compromessa possibilità di riuscire a sviluppare una normale comunicazione verbale.

Per questo motivo e sulla base delle linee guida internazionali della Joint Committee on Infant Hearing, USA 2007, si indica la necessità di avvio alla terapia protesico-riabilitativa in tutti i soggetti neonati affetti da ipoacusia entro i primi 6 mesi di vita e di diagnosi precoce entro i 3 mesi di vita. La protesizzazione su indicazione del medico Otorino o Audiologo, risulterà fondamentale per attivare tutte le aree preposte alla ricezione, trasmissione e analisi degli stimoli uditivi percepiti. Lo scopo principale dell’adattamento audioprotesico nel bambino neonato, è quello di riuscire ad ottenere una compensazione della perdita uditiva quanto più completa possibile, per permettere al bambino di raggiungere l’udibilità delle voci, dei suoni e dei rumori intorno a lui.

Pubblicità
Pubblicità

Tutto questo è fondamentale per lo sviluppo del linguaggio e per la corretta maturazione dell’area uditiva primaria preposta alla corretta analisi uditiva. Particolarmente complessa risulta la procedura di corretto adattamento audioprotesico e per questa ragione, è necessaria la collaborazione di più figure coinvolte nella terapia protesico-riabilitativa, tra cui il medico Otorino o Audiologo, l’Audiometrista, l’Audioprotesista, la Logopedista e non ultimi i genitori del piccolo paziente.

Quando un bambino soffre di un difetto uditivo è fondamentale intervenire precocemente per allontanare il più possibile danni irreversibili nei processi di acquisizione e sviluppo del linguaggio e per evitare problemi nella comunicazione verbale, spesso con gravi conseguenze nello sviluppo cognitivo, psichico, motorio e sociale. Bisogna precisare che ipoacusie, anche di lieve o media entità, se protratte nel tempo, possono determinare difficoltà nell’ascolto in presenza di rumore – ad esempio in una classe scolastica – e nella localizzazione delle sorgenti sonore – basti pensare a quanto questa capacità sia importante anche soltanto per attraversare la strada in sicurezza.

E’ utile anche considerare che un bambino con difficoltà uditive importanti, non riuscirà a riprodurre i suoni delle parole che sente, non potrà essere calmato e rassicurato dalla voce della mamma e inoltre non potrà recepire correttamente buona parte di tutte le esperienze sensoriali che compiono i suoi coetanei. Ed è anche questa mancanza di stimolazione che arresta o altera il normale sviluppo uditivo ed è bene ricordare che la durata della sordità prima della diagnosi e dell’intervento protesico-riabilitativo, è negativamente correlata con la capacità che avrà in futuro il bambino di esprimersi e comunicare.

Pubblicità
Pubblicità

“Generalmente l’età consigliata per l’adattamento audioprotesico, è entro i primi 6 mesi di vita. – Ha commentato il dottor Fabio Tomassetti, Direttore Scientifico di PiùUDITO. – Oggi per tutti i bambini in età collaborativa, oltre i 5 anni di vita, la PiùUDITO, attraverso uno studio durato oltre venti anni, è riuscita a sviluppare il Nuovo Protocollo Audioprotesico, basato su una procedura metodologica innovativa, usata durante la pratica di regolazione delle audioprotesi, che consente di ottenere risultati ottimali per il recupero della migliore percezione uditiva possibile nelle ipoacusie, attraverso il riequilibrio ottimale ancora praticabile in ogni singolo orecchio ipoacusico trattato. Questo riequilibrio ottimale rende la percezione dei suoni, più equilibrati e definiti su tutte le frequenze ancora compensabili. Ad oggi, il Nuovo Protocollo Audioprotesico, è praticabile solo nei soggetti collaborativi, ma uno dei nostri obiettivi futuri sarà anche quello di renderlo applicabile in assenza di partecipazione da parte del paziente. Questo, un domani, permetterà al bambino di guadagnare tempo nel recupero o nella abilitazione della sua migliore capacità uditiva possibile, limitando al massimo le inevitabili conseguenze legate a tutte le sordità non compensate attraverso la terapia protesico-riabilitativa”

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento12 minuti fa

Filiera del legno, il Servizio foreste mette 345 aziende sotto la lente: «Scommettere su formazione e innovazione»

Rovereto e Vallagarina28 minuti fa

Si arrampica su una piattaforma in plexiglas e cade da circa 2m: 13 enne trasportato al Santa Chiara

Trento33 minuti fa

In Trentino arriva l’influenza «Australiana»

Le Vignette di Fabuffa56 minuti fa

Aborto, legge 194: i pro e i contro e la Boldrini contestata dalle femministe

Italia ed estero14 ore fa

Bambina di 8 mesi picchiata dal compagno della madre: è gravissima

Fiemme, Fassa e Cembra15 ore fa

A fuoco una cucina a Moena, il rapido intervento dei vigili del fuoco limita i danni

Trento15 ore fa

Coronavirus, 512 i nuovi positivi nelle ultime 24 ore in Trentino

Le ultime dal Web19 ore fa

Morto Bruno Bolchi il primo calciatore a comparire sulle figurine Panini

Trento20 ore fa

Alta Formazione Professionale: al CFP ENAIP di Villazzano, la cerimonia di consegna dei diplomi

Italia ed estero20 ore fa

Scontri tra tifosi per una partita di calcio: 185 morti in Indonesia – IL VIDEO

Italia ed estero23 ore fa

Anche in Italia le zanzare mutano geneticamente adattandosi ai pesticidi

Trento24 ore fa

Attività motoria e sport nelle scuole, 420 mila euro per il 2022/2023

Trento24 ore fa

Sistemazioni idrauliche e forestali, in campo risorse per 116 milioni di euro in 5 anni

Bolzano24 ore fa

Erano morte dopo un volo di 100 metri: ieri il complicato recupero del mezzo

Italia ed estero1 giorno fa

15 chilometri di follia: rapinatore in fuga ruba 3 auto e uccide un ciclista

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento2 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento2 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Trento2 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Trento6 giorni fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…4 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Le ultime dal Web6 giorni fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza