Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Immigrazione: a Calais si gioca la permanenza della Gran Bretagna nell’Unione europea

 

Calais, penultima tappa di un viaggio che sembra senza fine. Sono tra i 3mila e i 5mila i migranti accampati nella località francese, in attesa di entrare in qualche modo nel Regno Unito. Al di là della Manica li attendono amici, parenti e un impiego (nel mercato nero). Assicurano che niente potrà fermarli.

Pubblicato

-

Calais, penultima tappa di un viaggio che sembra senza fine. Sono tra i 3mila e i 5mila i migranti accampati nella località francese, in attesa di entrare in qualche modo nel Regno Unito. Al di là della Manica li attendono amici, parenti e un impiego (nel mercato nero). Assicurano che niente potrà fermarli.

Nell’ultima settimana i migranti hanno assaltato in massa la stazione di Coquelles, vicino a Calais, nel tentativo di intrufolarsi negli shuttle Eurotunnel, i convogli addetti al trasporto di veicoli nel tunnel della Manica. Sono ormai quattro giorni che ogni notte si ripete lo stesso copione: a gruppi di 200-300 i migranti scavalcano la barriera o si infilano nei buchi della rete, che si estende per un perimetro di 23 chilometri e che li separa dagli shuttle che trasportano gli automezzi a Dover, in Inghilterra. Se poi riescono a imbarcarsi, li aspetta un viaggio di appena 35 minuti per diventare sudditi clandestini di Sua Maestà la Regina Elisabetta. Martedì notte, almeno 148 “ce l’hanno fatta”.

Sono anni che i migranti si accampano a Calais nel tentativo di espugnare la “fortezza” Regno Unito. Negli ultimi mesi, però, la situazione è degenerata: il numero dei migranti che vivono nei campi è passato da 600 a circa 5.000 e gli assalti notturni ai veicoli di Eurotunnel sono compiuti da gruppi sempre più numerosi e organizzati. Le forze di polizia a presidio degli shuttle sono numericamente insufficienti per fronteggiare l’assalto dei migranti. Nei giorni scorsi, per impedire ai migranti di realizzare il loro piano, è stato necessario bloccare il tunnel. Il traffico nel tunnel della Manica continua a subire pesanti rallentamenti, causando disagi alla viabilità e al turismo.

Pubblicità
Pubblicità

Per tamponare la situazione, nei giorni scorsi Londra e Parigi hanno organizzato una riunione di emergenza. Si è deciso di aumentare la sicurezza della stazione di Coquelles e rimuovere le migliaia di migranti che vivono nei campi illegali di Calais, la cosiddetta “giungla”, così come viene chiamata dalla popolazione locale. Il governo britannico ha inoltre dichiarato che stanzierà 7 milioni di sterline per aumentare la sicurezza del tunnel della Manica. Una somma che verrà impiegata per costruire una recinzione più vicina alle banchine del treno e un nuovo sistema di telecamere a circuito chiuso.

Il primo ministro britannico, David Cameron, non cela la sua preoccupazione. Ieri, dopo aver presieduto un incontro sull’argomento della commissione emergenze Cobra, ha dichiarato che la crisi dei migranti a Calais durerà probabilmente tutta l’estate e ha definito la situazione attuale “inaccettabile”. Inoltre, il premier britannico ha annunciato che invierà nella cittadina francese nuove reti metalliche e cani in grado di rintracciare i migranti.

La questione dei migranti influenza in maniera significativa il dibattito sull’appartenenza della Gran Bretagna all’Unione europea. Un dibattito che è entrato nella fase decisiva: Cameron ha promesso che il referendum che sancirà la permanenza o uscita del Regno Unito dall’Ue sarà convocato entro la fine del 2017.

Pubblicità
Pubblicità

Il fenomeno dell’immigrazione è fondamentale per garantire al Regno Unito un futuro di prosperità. Con l’importante eccezione dell’estremismo islamico, Londra è sempre riuscita a integrare con successo individui provenienti dai quattro angoli del globo. Tuttavia, per la popolazione britannica, così come per qualunque altra popolazione, è essenziale avere la percezione di poter controllare il flusso migratorio, attraverso una consapevole e libera scelta democratica.

Quarant’anni fa, quando entrò nell’Unione europea, la Gran Bretagna rinunciò a parte del controllo che poteva esercitare sul flusso migratorio. Con il referendum sull’Ue, i sudditi di Sua Maestà avranno l’occasione di rinegoziare questa concessione. Ed è molto probabile che, se nel frattempo Cameron non dimostrerà di essere in grado mettere un freno all’immigrazione, il suo popolo avrà un motivo in più per abbandonare l’Europa.

Pubblicità
Pubblicità

A tal proposito, è evidente che la Francia non ha la volontà di porre fine a quella che la stampa britannica ha già ribattezzato la “battaglia di Calais”. La Gran Bretagna deve quindi farsi carico del dispiegamento del personale necessario a garantire la sicurezza del tunnel della Manica, anche se questo finirà per pesare sui contribuenti britannici.

Altrimenti, se Londra non riuscirà ad ovviare al fallimento francese, la crisi di Calais non farà altro che offrire l’ennesimo assist a coloro che sostengono che la Gran Bretagna farebbe meglio ad uscire dall’Unione europea.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza