Connect with us
Pubblicità

Trento

Coletti: «Stop ai finanziamenti alle associazioni sportive»

Il messaggio è forte e chiaro, e arriva come un fulmine a ciel sereno. A lanciarlo è il cav. Giovanni Coletti, che intende dire “basta con i finanziamenti alle associazioni sportive, e non solo, se al loro interno non prevedono delle attività pensate e strutturate anche per i diversamente abili”.

Pubblicato

-

Il messaggio è forte e chiaro, e arriva come un fulmine a ciel sereno. A lanciarlo è il cav. Giovanni Coletti, che intende dire “basta con i finanziamenti alle associazioni sportive, e non solo, se al loro interno non prevedono delle attività pensate e strutturate anche per i diversamente abili”.

Tama, di cui Coletti è presidente, e tutte le imprese che le ruotano attorno non intendono più sostenere economicamente associazioni o progetti che non concepiscano l’inclusione di attività e spazi dedicati ai disabili. Quindi la parola d'ordine d'ora in avanti è: «Sostegno esclusivo solo per progetti inclusivi»

Questo però senza voler mettere i bastoni tra le ruote alle varie società sportive: «Non è necessaria l’attività sportiva “pura”, non pretendo certo che una società di pallavolo, ad esempio, preveda l’insegnamento di quella specifica disciplina anche a persone con delle disabilità – sostiene Coletti –. Sarebbe più che sufficiente se fosse previsto, all’interno dell’organizzazione, che anche le persone svantaggiate abbiano l’opportunità di stare insieme, svolgendo delle attività ludiche, magari all’aria aperta. Anche una passeggiata nel bosco, un paio d’ore in settimana, sarebbe un’ottima proposta».

Pubblicità
Pubblicità

«Il che non riguarda solamente i soggetti autistici, come qualcuno potrebbe pensare – ci tiene a sottolineare Coletti, presidente della Fondazione Trentina per l’Autismo–. Il mio auspicio coinvolge qualsiasi persona in difficoltà, chiunque trovi di fronte a sé degli ostacoli verso l’inclusione sociale».

Com’è nata quest’idea?

«Confrontandomi con diverse associazioni di disabili ci siamo resi conto di quanto sia difficile, per queste persone, l’inclusione nella comunità. Per raggiungere questo scopo – continua Coletti– è fondamentale l’impegno di tutti, a partire proprio da quelle associazioni e da quei progetti che fanno del coinvolgimento sociale uno dei presupposti basilari del proprio compito».

Pubblicità
Pubblicità

Il suo messaggio a chi è indirizzato?

«L’obiettivo primario è quello di cambiare mentalità nei direttivi delle varie associazioni. Ma vorrei lanciare un messaggio anche ai giovani e alle famiglie: non lasciate in disparte i vostri coetanei, coinvolgeteli il più possibile, a partire dai momenti più semplici come una festa di compleanno o di laurea”.

Occorre quindi una progettualità nuova, con un’attenzione particolare al sociale. Magari sulla falsariga di Aquila Basket no profit: «Non avrei sostenuto economicamente Aquila Basket – confessa Coletti– se all’interno dell’organizzazione non ci fossero stati grande sforzo e partecipazione nel dare valore al sociale. Questo progetto coinvolge dodici associazioni, per dare visibilità e nuove opportunità a persone con diverse patologie, integrandole nel mondo dello sport».

Potrebbe essere dunque questo il modello da seguire, il gemellaggio tra Aquila Basket e la Fondazione Trentina per l’Autismo: «Certamente. Sono a completa disposizione per analizzare e capire insieme alle società sportive come potrebbe essere impostato il progetto di collaborazione. Anche pensando a una figura di tutor all’interno delle associazioni, che si occupi, tra le altre cose, della parte educativa».

Perché tutti, più o meno abili, devono avere la possibilità di praticare attività sportiva.

«Spesso si crede che i disabili non siano in grado di fare sport, ma non è così. Ski Élite, in Val di Fassa, ha messo a disposizione maestri e istruttori per far provare lo sci ai soggetti autistici. Il ritorno è stato sorprendentemente positivo, alcuni di loro sono diventati anche autonomi, generando un enorme stupore nei genitori e rendendoli felici e orgogliosi».

«Ci tengo comunque a ribadire –conclude Coletti – che non voglio assolutamente mettere in difficoltà le varie società, non è necessaria l’attività sportiva “pura”, mi piacerebbe che si creassero dei momenti di sinergia attraverso attività mirate, gestite da una persona qualificata all’interno di appositi spazi».

Il percorso di inclusione è solo all’inizio, ma un passo dopo l’altro, tutti insieme, si può andare lontano. Il via è stato dato.

Parole quelle di Giovanni Coletti destinate a far discutere, ma anche a stimolare chi fino ad ora ha solo raccolto e restituito poco o nulla al Welfare della comunità. Un'intervista al nostro giornale dove l'imprenditore non ha nascosto la sua amarezza e dove ha pesato le parole con tono pacato ma deciso. Sono molte le società sportive della val di Non che ricevono aiuti dalle aziende che ruotano intorno al Cavalier Coletti.

Ma se è vero che un imprenditore saggio deve contribuire alla crescita del territorio sostendendo tutte le attività, comprese quelle ludiche, è anche vero che deve come minimo chiedere uno sforzo dal punto di vista etico sociale e di totale inclusione del mondo della disabilità che non dev'essere lasciato indietro ma aiutato a compiere un balzo in avanti. Ora la parola passa alle società sportive della Val di Non.

{facebookpopup2}

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]
  • Botticelli va all’asta: raro dipinto, valore stimato 80 milioni di dollari
    La straordinaria stagione del Rinascimento italiano ammirato da tutto il mondo grazie al domino culturale, economico e sopratutto artistico di quegli anni, attira nuovamente l’attenzione a causa del recente annuncio d’asta di un capolavoro del Botticelli. La nota casa d’Aste Sotheby’s ha infatti comunicato che nel gennaio 2021 verrà messo all’asta un magnifico dipinto del […]

Categorie

di tendenza