Connect with us
Pubblicità

Trento

Andrea Maschio: «il centro Bruno deve pagare i suoi debiti»

Il centro sociale Bruno torna nuovamente alla ribalta dopo la nuova interrogazione di Claudio Cia che poneva alla giunta provinciale alcune domande legate ai costi della gestione del centro e dei debiti «mai» pagati degli occupanti.

Pubblicato

-

Il centro sociale Bruno torna nuovamente alla ribalta dopo la nuova interrogazione di Claudio Cia che poneva alla giunta provinciale alcune domande legate ai costi della gestione del centro e dei debiti «mai» pagati degli occupanti.
 
Nella giornata odierna nel merito della questione del centro sociale "Bruno" è tornato anche il consigliere del movimento cinque stelle Andrea Maschio. «Mi trovo personalmente in accordo con Claudio Cia – dichiara – laddove richiede chiarimenti sugli importi a titolo di contributo elargiti dalla PAT e sulle causali relative. Credo fondamentale sapere se e quanto sia stato restituito sia sul contributo che sulla sanzione, oltre agli interessi di mora e su come si intenda procedere per recuperare i debiti non saldati».
 
Il consigliere però trova oltremodo sconcertante che «il portavoce del centro sociale giustifichi parte della spesa del contributo con un utilità sociale. Faccio notare che molti proprietari di case private hanno gli stessi problemi a sistemarle ma non riescono certo a godere di questo tipo di "diritti"». 
 
Poi Maschio affonda e mette in evidenza delle incongruenze sconcertanti e una regola non scritta che crea cittadini di serie A e di serie B,  «Non accetto – tuona Maschio –  che si dichiari apertamente l'intenzione di non pagare una sanzione erogata per un occupazione di spazi altrui indipendentemente dall'utilizzo o meno dei proprietari. Considerare come valore aggiunto prendere possesso di edifici non propri e farne ciò che si vuole mi sembra troppo comodo. Stranamente lo facesse un cittadino al quale si può pignorare i beni di possesso verrebbe immediatamente punito. La conclusione, che si debba sentire anche dire cose come: «noi i soldi previsti dalla multa non li abbiamo quindi non paghiamo» è surreale. Ricordo che qualora una persona sanzionata si rifiuti di pagare il dovuto è legale rivalersi sui parenti più prossimi. Questo può essere discutibile ma è la legge che deve valere per tutti, anche per il Centro Bruno e i suoi "soci

Ad oggi il debito dei ragazzi che hanno occupato il centro sociale Bruno nei confronti della provincia dal 2007 fino al 2013 sarebbero circa 500mila euro. Ad alcuni rappresentanti del Bruno dopo lo sgombero infatti era arrivato il conto da pagare, e piuttosto salato, circa 90 mila euro a testa, che però non sono stati mai pagati.

Pubblicità
Pubblicità

Trento

Le Albere, Lega: «Il vero volto di 20 anni di amministrazione del centro sinistra a Trento»

Pubblicato

-

Da area produttiva simbolo della Trento industriale del boom economico, a quartiere modello e all’avanguardia a livello architettonico.

Presentato come quartiere modello di 113 mila metri quadri, urbanisticamente all’avanguardia, raggiungibile da pochi, addirittura con le guardie private che ne limitavano gli ingressi ( e così è stato nei primi mesi) , non è mai entrato nel cuore dei trentini.

Di certo il Muse ha contribuito a creare curiosità, il parco a portare gente, ma la scommessa è la nuova biblioteca universitaria che si rivolge alla “ nuova Trento”, quella degli studenti, universitari in particolare.

Pubblicità
Pubblicità

Una città che ha deciso la completa demolizione del complesso industriale della Michelin dopo la chiusura nel 1997.

Tra la Michelin e la città di Trento per molti anni si è instaurato un grande rapporto di amore e rispetto.  Un’empatia che le Albere non hanno mai avuto con la cittadinanza.

Per il momento a distanza di anni il quartiere “Le Albere” a Trento perde sempre più valore e gli appartamenti del complesso progettato da Renzo Piano restano per gran parte invenduti o disabitati.

Nel 2017 il complesso di proprietà del fondo immobiliare Clesio ha perso il 18% e oggi è poco oltre il 50% del valore iniziale, ovvero 44,3 milioni di euro. I debiti con le banche ammontano a 150 milioni.

Pubblicità
Pubblicità

I soci del fondo cioè enti territoriali come Isa, Dolomiti Energia, Itas, Fondazione Caritro, Mediocredito Trentino Alto Adige, hanno ottenuto come “rimborso” parziale delle perdite gli stessi appartamenti invenduti.

Purtroppo il complesso non è mai decollato ne dal punto di vista commerciale ne tanto meno da quello abitativo. Oggi si possono vedere i segni dell’usura delle strutture e luoghi dove il degrado ha preso il sopravvento.

Sull’argomento hanno preso una precisa posizione anche i consiglieri comunali della Lega.

«Ormai non ci stupiscono più le notizie riguardanti il fallimento del progetto di riqualificazione dell’area ex Michelin, – si legge in una nota dei consiglieri –  altresì conosciuta con il nome di quartiere Le Albere. Del resto, si tratta di una situazione ben delineata e che dimostra come questi vent’anni di amministrazione di centrosinistra a Trento non abbiano portato a risultati concreti per la riqualificazione della città. Le aree ex Sloi ed ex Prada, assieme allo sviluppo immobiliare di Trento Nord e le centinaia di appartamenti “semipopolari” sfitti alle Albere (ex Michelin) e la Destra Adige – ex Itacementi, sono vanto della maggioranza uscente nella orgogliosa rivendicazione che la controfigura scelta come candidato Sindaco dal rinato Centrosinistra Autonomista userà in campagna elettorale».

Poi l’attacco all’amministrazione del Sindaco Andreatta additato come primo responsabile della situazione delle Albere: «per il centrosinistra va tutto bene, del resto poco conta se – con riferimento al quartiere Le Albere – il 50% degli alloggi resta invenduto anche nonostante la realizzazione di tutta una serie di sottopassaggi che, nei fatti, non sono serviti per la riqualificazione e l’inclusività del quartiere all’interno della città. La situazione non cambierà neanche con lo spostamento, inutile e solo antiproduttivo – della funivia che dovrebbe portare fino al monte Bondone».

E ancora: «Se in Alto Adige si è vista la realizzazione di impianti funivistici vicino alle stazioni ferroviarie per ridurre l’uso di mezzi di trasporto, qualcuno a Trento, invece, vuol rendere poco praticabile un servizio, quello della funivia, che potrebbe seriamente riqualificare il Bondone ma solamente partendo da un’area vicino alla funivia. Le notizie riguardanti la fuga di negozianti dal quartiere sono conferma di un fallimento di un quartiere che, nonostante i proclami volti a esaltare la riqualificazione urbana, non è stato realizzato in modo tale da essere un polo attrattivo per la città. Peccato perché la riqualificazione poteva essere un’occasione importante per la città».

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

«Programmazione e gestione delle uscite; strumenti e comportamenti»: stasera se ne parla alla SAT di via Manci

Pubblicato

-

“Programmazione e gestione delle uscite; strumenti e comportamenti” è il tema della serata proposta dalla Sat a partire dalle 20,30 di domani sera presso la sede di via Manci.

Relatori saranno Claudio Covelli e Armando Tomasi. Nel corso della serata si parlerà di come organizzare e gestire un’escursione, con particolare attenzione per gli ambienti a rischio come potrebbero essere le aree innevate o ghiacciate, per muoversi nell’ambito della sicurezza assoluta.

Non saranno tralasciate alcune indicazioni per la corretta lettura dei bollettino meteorologici e del “ Metodo Munter” ( metodo di valutazione del rischio valanghe), per l’utilizzo del telefono satellitare e saranno presentati alcuni siti internet e app utili per l’escursionista.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Trento

Nell’anno del Topo il 25 gennaio a Trento si festeggia il Capodanno Cinese

Pubblicato

-

Il Capodanno Cinese è l’evento più importante nella tradizione della Grande Cina e viene festeggiato in tutto il mondo in date diverse ogni anno.

Per la seconda volta si festeggia anche a Trento. 

Il 2020 è l’anno del Topo che è il primo segno dello zodiaco cinese ed inaugura il ciclo di 12 anni, ciascuno dedicato ad un animale diverso nell’ordine in cui, secondo la tradizione, i 12 animali si sono presentati davanti al Buddha: il topo, il bue, la tigre, il coniglio, il drago, il serpente, il cavallo, la capra, la scimmia, il gallo, il cane e il maiale.

Pubblicità
Pubblicità

Tornando indietro di 12 anni si può risalire al 2008, l’ultimo anno del topo, come lo erano stati nel XX° secolo il 1996, 1984, 1972, 1960, 1948, 1936, 1924, 1912.

Per capire a quale segno zodiacale cinese corrisponde il proprio anno di nascita, basta far riferimento proprio a questi anni che sono l’inizio di ogni ciclo di 12 anni. Per cui al topo seguiranno gli altri 11 animali che sono stati ricordati. Ognuno può cosi capire a quale animale nel calendario cinese, corrisponde il proprio anno di nascita.

I dodici animali fanno parte della tradizione cinese e hanno un riferimento domestico, per bue, cavallo, capra, gallo maiale e cane; mentre il topo, la tigre, il coniglio, il drago e la scimmia sono animali simbolici della ricca mitologia cinese.

Il topo rappresenta la saggezza, ed esprime una personalità versatile, intelligente, curiosa e piena di voglia di fare. In base all’anno di nascita, la tradizione cinese, prevede un oroscopo che riguarda quel tipo di personalità legata all’animale di riferimento.

Pubblicità
Pubblicità

A Trento  il Capodanno è organizzato nell’ambito del progetto Orizzonti d’Oriente dal Centro Studi Martino Martini, con un bando Reti culturali della Fondazione Caritro, sotto il patrocinio del Comune di Trento e della Provincia Autonoma.

L’evento in città si terrà il 25 gennaio 2020 in piazza Dante a partire dalle ore 15. Si terranno le danze del Drago e del Leone. La tradizione di queste danze ha oltre 5000 anni ed è ben radicata nelle comunità cinesi di tutto il mondo.

La leggenda identifica il Leone come animale salvatore di villaggi infestati da fortuna e prosperità, mentre il Drago, l’animale più sacro, emblema stesso dell’Imperatore, e come tale emanazione divina e simbolo di forza e benevolenza

Il coloratissimo corpo del Drago è paragonato all’onda del mare, fedele e naturale rappresentazione di un Drago celeste. La coreografia del Drago e del Leone eseguita al ritmo del tamburo si arricchisce di elementi pirotecnici e fumi colorati. Il Leone e il Drago, sono ancora oggi animali-simbolo della Cina.

Questo tipo di espressione artistica e tradizionale cinese, hanno un notevole impatto visivo e affascinano gli spettatori che vengono coinvolti dai movimenti e dai colori. Al termine i bambini che assistono vengono coinvolti a vedere le figure create dagli artisti dell’evento.

Le coreografie sono molto colorate ed animate, e vi confluiscono tutte le arti cinesi, come le arti marziali, il tai chi, i movimenti acrobatici, il dramma, con il sottofondo della musica cinese con going e tipiche melodie cinesi.

Il Concerto di Capodanno anticipa i festeggiamenti con un programma che unisce il meglio della cultura musicale  cinese ed europea con artisti di eccezione del conservatorio di Wuhan che aprono il programma con la 2020 Chinese story  per proseguire con Chopin e Mahler.

ll sabato la performance musicale di due cantanti  lirici cinesi Rui Ma e  Zhou Yue  apre il Capodanno con due canzoni tradizionali e la cerimonia che anima i due leoni introdurrà le spettacolari acrobazie del Drago e dei leoni con gli atleti dell’Italy Lion and Dragon dance.

Il team che si è esibito a Trento nel 2019, tra i pochi che si esibiscono sui pali, lo scorso anno ha conseguito numerosi successi ai campionati internazionali di Macao ed Hong Kong dove gli atleti sono stati invitati a partecipare ai prossimi campionati mondiali.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza