Connect with us
Pubblicità

Trento

Vigili del fuoco, i criteri per la realizzazione delle nuove caserme

La Giunta provinciale ha approvato stamani i nuovi criteri tecnici ed economici per la realizzazione e la ristrutturazione di nuove caserme dei Vigili del fuoco volontari, delle Unioni distrettuali e dei Centri di Protezione civile.

Pubblicato

-

La Giunta provinciale ha approvato stamani i nuovi criteri tecnici ed economici per la realizzazione e la ristrutturazione di nuove caserme dei Vigili del fuoco volontari, delle Unioni distrettuali e dei Centri di Protezione civile.

L’obiettivo è di garantire un risparmio in linea con i recenti principi di sobrietà della pubblica amministrazione trentina che consentirà di recuperare le risorse necessarie agli interventi di sistemazione di altre caserme esistenti sul territorio provinciale.

I Vigili del fuoco volontari e la Protezione civile – lo ribadisce la delibera a firma dell’assessore provinciale Tiziano Mellarini – rappresentano una risorsa strategica per il Trentino che deve trovare, all’interno del nuovo contesto socioeconomico, la garanzia di mantenimento dell’attuale livello di intervento ed operatività dei corpi volontari.

Pubblicità
Pubblicità

Lo stesso livello deve essere garantito anche alle strutture esistenti. I criteri fissano il limite di spesa massima ammissibile; le eventuali spese e la superficie massima per l’acquisto dell’area; il limite di costo per le ristrutturazione. Da una prima ricognizione, i nuovi criteri si applicheranno da subito alle domande di finanziamento di caserme già presentate a suo tempo dai Comuni di Dimaro, Sant’Orsola Terme, Sover, Stenico, Giovo, Castello Tesino e Taio, finanziabili tramite Cassa provinciale antincendi; Carano, Sporminore e Trambileno, finanziate dal Fondo unico territoriale.

In futuro, i nuovi criteri si applicheranno a tutti i progetti. "Si tratta di un percorso – ha spiegato l'assessore – che abbiamo fatto assieme alla Federazione dei Corpi dei vigili del fuoco volontari che ringraziamo per la grande collaborazione dimostrata anche in questa occasione".

I nuovi principi di sobrietà della pubblica amministrazione trentina sono alla base dei criteri di contributo alla realizzazione delle dei Vigili del fuoco volontari e dei Centri di Protezione Civili, decisi stamattina dalla giunta provinciale su iniziativa dell’assessore provinciale con delega alla Protezione civile, Tiziano Mellarini.

Pubblicità
Pubblicità

I nuovi criteri si applicheranno da subito ai progetti già ammessi a finanziamento e presentati dai Comuni di Comuni di Dimaro, Sant’Orsola Terme, Sover, Stenico, Giovo, Castello Tesino, Tenna e Taio (riconducibili su Cassa provinciale Antincendi) e dai Comuni di Carano, Sporminore e Trambileno (Fondo Unico Territoriale).

I risparmi derivanti dalla riduzione delle spese – è questa la seconda novità -, realizzata grazie ai nuovi criteri e inizialmente ammesse a finanziamento sui fondi della Cassa provinciale Antincendi , saranno destinati all’apertura di appositi bandi per la presentazione di nuove richieste di contributo per la manutenzione straordinaria, l’adeguamento tecnico delle caserme dei Corpi dei Vigili del Fuoco Volontari. La destinazione delle risorse e gli interventi di manutenzione straordinari saranno individuati dai servizi provinciali (Servizio Antincendi e Protezione Civile e Servizio Autonomie Locali) in accordo con il Consiglio delle autonomie locali. 

La decisione della giunta provinciale ha come obiettivo la conservazione dell’attuale livello di efficienza e dotazione dei corpi volontari a fronte del contenimento dei costi.
 

Tipologie di interventi finanziabili.
I nuovi criteri di finanziamento riguardano le seguenti tipologie di interventi:
1. Realizzazione di nuove caserme dei Vigili del Fuoco Volontari, delle sedi delle Unioni Distrettuali e dei Centri di Protezione Civile; 
2. Ristrutturazione – con o senza ampliamento – di caserme esistenti dei Vigili del Fuoco Volontari, delle sedi delle Unioni Distrettuali e dei Centri di Protezione Civile;
3. Ristrutturazione ed adattamento di edifici esistenti da destinare a caserme dei Vigili del Fuoco Volontari, delle sedi delle Unioni Distrettuali e dei Centri di Protezione Civile.
 

Spesa massima ammissibile.
La Giunta provinciale ha fissato anche la spesa massima ammissibile a copertura di tutte le spese degli interventi, escluso il costo di acquisto delle aree che dovranno in ogni caso essere vidimate dal servizio gestioni patrimoniali e logistica della Provincia autonoma di Trento:
– 900.000 euro per Comune o frazione con meno di 700 abitanti
– 1.200.000 euro per Comune o frazione con un numero di abitanti compreso tre 701 e 3.000
– 1.600.000 euro per Comune o frazione con un numero di abitanti compreso tre 3001 e 10.000
– 2.500.000 euro per Comune o frazione con più di 10.000 abitanti
– incremento di 400.000 euro per le sedi delle Unioni distrettuali.
Per i Centri di protezione civile è previsto un incremento della spesa massima ammissibile a finanziamento pari a 200 mila euro per ogni associazione di volontariato convenzionata con la Protezione Civile presente nella sede del centro di protezione civile. 
 

Criteri di progettazione e standard. 
Ai Comuni è garantita “ampia libertà progettuale”, nel rispetto di determinati parametri tecnici e localizzativi. In particolare, per quanto riguarda la localizzazione, le nuove caserme dovranno avere una posizione baricentri rispetto al bacino di utenza, essere servite da adeguati collegamenti viari e rientrare nei criteri del Piano urbanistico provinciale.
Nuove strutture saranno autorizzate se suffragate dalla verifica circa l’esistenza di eventuali immobili riutilizzabili come caserme o centri della Protezione civile. Così come le nuove caserme dovranno garantire determinati standard circa i locali interni e di servizio (spogliatoi autorimessa, officina, deposito e centralino), piuttosto che esterni (piazzale, corsie di uscita, parcheggi e piazzola atterraggio elicottero).
Superficie massima area e dimensioni.
La superficie massima ammissibile dell’area, ai soli fini del finanziamento per la spesa di acquisto dell’area, è fissata pari a:
– 1500 metri quadri per Comune o frazione con meno di 700 abitanti
– 1750 metri quadri per Comune o frazione con un numero di abitanti compreso tre 701 e 3000
– 2000 metri quadri per Comune o frazione con un numero di abitanti compreso tre 3001 e 10000
– 3000 metri quadri per Comune o frazione con più di 10000 abitanti.

Le superfici sono eventualmente incrementabili di 500 metri quadri nel caso in cui la caserma del Corpo comprenda la sede dell’Unione distrettuale. Per i Centri di Protezione Civile la superficie dell’area potrà essere ulteriormente incrementata di 200 metri quadri per ogni associazione di volontariato convenzionata con la protezione civile.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pacchetti “antistress “ in hotel di lusso: giornate alla ricerca del benessere
    Alternare il lavoro con il riposo, mettendo in pausa la routine quotidiana aggiunge una diversione alla vita e permette la splendida occasione di fare esperienze insolite, conoscere luoghi, persone e sopratutto non avere un’agenda giornaliera. In una società iperattiva è quindi indispensabile la ricerca dell’equilibrio perduto anche solo attraverso esclusivi pacchetti antistress in hotel di […]
  • Un solo tavolo al ristorante stellato, l’elegante genialità della ristorazione
    Il meglio delle esperienze che Venezia possa offrire è racchiuso in un luogo dove la declinazione dell’esperienza sarà il miglior servizio. Un posto non convenzionale che può essere scelto solo da coloro che accettano di non porre condizioni. Con geniale eleganza, Il Ristorante “Oro” dell’hotel Cipriani a Venezia rinasce mettendo in luce un dettaglio unico […]
  • A Bologna l’economia circolare in edilizia diventa realtà: arriva il nuovo asfalto 100% riciclato
    Un’edilizia circolare sempre più sostenibile dal punto di vista ambientale risulta una strada imprescindibile per il futuro dello sviluppo economico. Il riciclo dei materiali promette infatti oltre ad una sensibile riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento, anche un’ottima soluzione per ottimizzare costi e ricavi. In un simile contesto risulta fondamentale lavorare sulla ridefinizione del ciclo produttivo […]
  • Una notte tra le Dolomiti e le stelle a 2055 metri di quota
    A pochi chilometri da Cortina tra cieli sconfinati e cattedrali rocciose esiste una camera che regala l’insolita emozione di ritrovarsi a dormire avvolti dall’affascinante magia di un paesaggio unico al mondo. La starlight Room, inclusa tra i dieci hotel più spettacolari del mondo, si trova infatti sopra al rifugio Col Gallina a 2055 metri in […]
  • “Vuoi costruire una piscina di pregio ma non sai bene da dove iniziare?” Comincia da qui
    Immagina un angolo di vacanza nel tuo giardino o terrazza, uno spazio accogliente e riservato dove poter dimenticare i problemi quotidiani e immergerti in momenti di benessere e relax da solo o con i tuoi cari. Magari è da un po’ che ci pensi ma qualcosa ti frena. Domande del tipo: “Da dove inizio? Mi […]
  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]

Categorie

di tendenza