Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Rapporto Onu sui crimini di guerra commessi a Gaza: responsabilità da entrambe le parti

Qualche giorno fa è stato pubblicato il rapporto finale dell’inchiesta condotta dalla Commissione delle Nazioni Unite a partire dal mese di luglio dello scorso anno, sul conflitto di Gaza del 2014  per accertare se durante i combattimenti sono stati o meno commessi crimini di guerra e da parte di chi.

Pubblicato

-

Qualche giorno fa è stato pubblicato il rapporto finale dell’inchiesta condotta dalla Commissione delle Nazioni Unite a partire dal mese di luglio dello scorso anno, sul conflitto di Gaza del 2014  per accertare se durante i combattimenti sono stati o meno commessi crimini di guerra e da parte di chi.

Il rapporto è stato presentato lo scorso 22 giugno a Ginevra e ha fatto in parte chiarezza sulle responsabilità circa i crimini di guerra e le violazioni del diritto umanitario commesse durante gli scontri. Secondo gli investigatori delle Nazioni Unite infatti non ci sono dubbi: durante l’estate 2014 a Gaza sono stati commessi crimini di guerra e la responsabilità ricade su entrambe le parti.

Nel report viene denunciato il mancato rispetto delle regole e si legge che "i responsabili delle sospette violazioni del diritto internazionale, a tutti i livelli delle gerarchie politiche e militari, devono essere portati di fronte alla giustizia”.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo il rapporto, i gruppi armati palestinesi attivi nel territorio conosciuto come Striscia di Gaza, hanno lanciato razzi in modo indiscriminato contro Israele colpendo anche aree abitate da civili e dalle analisi di alcune dichiarazioni rilasciate da Hamas, non è esclusa l’intenzionalità di tali attacchi contro i civili.

Israele, tuttavia, non è esente da responsabilità. Il rapporto ha precisato che le autorità israeliane sono responsabili in particolare della mancata supervisione e corretta gestione della “pratica dei raid aerei, neanche dopo che i loro effetti sui civili sono diventati evidenti”.

L’accusa principale nei confronti di Israele è quella di aver colpito, senza nessun tipo di contromisura nei confronti dei civili, zone densamente popolate con armi esplosive e viene messo in dubbio il fatto che le famiglie palestinesi siano state avvertite in tempo degli imminenti attacchi così come prescritto dal diritto internazionale.

Pubblicità
Pubblicità

E non si è fatta attendere la replica da parte di Israele che ha accusato la Commissione delle Nazioni Unite di aver seguito un preciso disegno politico e di aver mancato di obiettività. Questa la dichiarazione delle autorità israeliane: “Il Consiglio dei diritti dell'uomo di Ginevra soffre di una singolare ossessione per Israele. Il suo mandato presumeva la colpevolezza di Israele fin dall'inizio”.

Ma al di là delle polemiche e delle implicazioni politiche delle considerazioni avanzate dagli investigatori Onu, le conclusioni della Commissione d’inchiesta hanno messo in luce come i crimini di guerra e le violazioni dei diritti umani sono state portate avanti da entrambe le parti e durante l’ultimo anno di guerra “l'ampiezza della devastazione e della sofferenza umana a Gaza è stata senza precedenti”.

Nel rapporto si parla di oltre 6000 raid aerei solo nel 2014 e di 50.000 colpi da terra nel territorio intorno a Gaza, dati che segnano una escalation di violenza ingente rispetto al passato. I dati sui morti e i feriti civili sono ancora più agghiaccianti.

Dall’inizio della guerra, i morti palestinesi, per lo più civili e tra questi la maggior parte donne e bambini, sarebbero oltre duemila. Di questi soltanto l’estate scorsa, in meno di due mesi, ne sono rimasti uccisi circa 1.500 soprattutto a causa dei raid aerei. Un terzo di loro erano bambini.

Si parla di oltre 3000 feriti mentre tra gli israeliani a morire sono stati soprattutto i soldati e ad oggi se ne contano meno di un centinaio di cui soltanto 7 vittime civili.

Probabilmente le responsabilità circa i crimini di guerra commessi a Gaza non verranno mai accertate e nessuno verrà mai punito per le ripetute violazioni del diritto umanitario e del diritto internazionale.

Si può solo sperare che il massacro cessi il più presto possibile.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Casa Sebastiano: ogni giorno la qualità di una vita migliore
    In Trentino, a Coredo nel Comune di Predaia, tra boschi e il profumo dei frutteti, si apre un grande edificio in cui ogni giorno si costruisce la qualità di una vita migliore, Casa Sebastiano. Struttura dedicata alle persone con disturbi dello spettro autistico, è stata costruita dalla Fondazione Trentina per l’Autismo presieduta da Giovanni Coletti, […]
  • Dal camerino digitale alle chat “commessa”: Cambia l’esperienza d’acquisto anche nella moda
    L’arrivo del covid prima e l’emergenza sanitaria poi, sta accelerando un processo e una trasformazione che era più che mai prevedibile, puntando verso diversi cambiamenti, soprattutto quello dell’esperienza d’acquisto. Una direzione inconvertibile in cui molti, tra esperti e protagonisti del settore, stanno cercando di riprodurre le stesse sensazione dell’acquisto vissuto in negozio  provando ad uguagliarlo […]
  • Anche i grandi nomi della moda scelgono la sostenibilità: Prada lancia la nuova linea “Prada Re – Nylon” con plastica ricilata
    I grandi nomi della moda e del lusso si reinventano nella forma e soprattutto nella sostanza facendo della sostenibilità una propria cultura aziendale, impegnandosi verso una moda sostenibile e decisamente più responsabile. Questa è la direzione che ha deciso di prendere Prada, ampliando la sua proposta e introducendo una nuova collezione con del nylon rigenerato per […]
  • Al MART di Rovereto è arrivata la mostra “Caravaggio. Il contemporaneo”
    Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, è un pittore italiano nato a Milano nel 1571 e deceduto a Porto Ercole nel 1610. Questo incredibile autore, che si è formato a Milano e che ha lavorato a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, ha raggiunto la notorietà nel XX secolo dopo un […]
  • Arriva la crociera “ no where”: navigare in mare aperto senza scali né meta
    Dopo i voli verso il nulla annunciati da diverse compagnie aeree in Asia, ora, per riconquistare la fiducia dei viaggiatori e dei turisti di tutto il mondo arrivano anche viaggi in nave senza destinazione, le crociere “no where”. Si tratta di navigazioni in barca in mare aperto ma senza scali con andata e ritorno e […]
  • Il periodo di quarantena all’estero diventa un’opportunità di turismo: la Norvegia e il suo fascino
    Nonostante un periodo di limitazioni, viaggiare per turismo è diventato un imperativo, esiste infatti chi ha inventato proposte decisamente non convenzionali per trasformare l’attuale situazione di emergenza in una vera opportunità di turismo. Si parla in particolare del “Loften Quartine Tour”, un “pacchetto sicuro” pensato da Quality Group e marchiato da Il Diamante che punta […]
  • A Londra il vecchio taxi cambia stile: a bordo Playstation 4 e Apple TV
    Uno dei simboli della città di Londra, i tipici taxi neri Balck Cab dall’estetica retrò che percorrono le strade della capitale inglese, è stato finemente rivisitato in chiave moderna, realizzandone una versione di lusso ma fedele all’originale. Mantenendo la stessa funzione, un rivenditore di auto di fascia alta, ha realizzato un’edizione premium limitata di alto […]
  • Smart working in camere di lusso:la nuova tendenza è l’ufficio in hotel
    Per molte realtà imprenditoriali Il lavoro remoto sta diventando una soluzione sempre più stabile e di conseguenza si prefigura la necessità di renderlo meno casalingo possibile per preservare sia la produttività e soprattutto gli equilibri famigliari. Il metodo perfetto per conciliare le varie esigenze aumentando il rendimento del lavoratore senza gravare sulla famiglia, è stato […]
  • Pumpkin Spice Latte: le varianti più golose della ricetta più apprezzata durante l’autunno!
    Ideata da Starbucks nel 2003 e definitamente rivisitata nel 2015, la ricetta del Pumpkin Spice Latte è diventata negli anni uno dei must stagionali per quanto riguarda l’autunno. La bevanda, a base di zucca, caffè, latte e cannella, è particolarmente apprezzata negli Stati Uniti ma sta iniziando a farsi conoscere anche nel resto del mondo. […]

Categorie

di tendenza