Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Gemellaggio scientifico: Trent studia Trento

Il rettore dell’Università di Trent (Canada), Leo Groarke, a colloquio con il rettore dell’Ateneo di Trento, Paolo Collini per sondare la fattibilità di un gemellaggio scientifico.

Pubblicato

-

Il rettore dell’Università di Trent (Canada), Leo Groarke, a colloquio con il rettore dell’Ateneo di Trento, Paolo Collini per sondare la fattibilità di un gemellaggio scientifico.

Groarke, a Trento come relatore principale delle GTR, le Giornate tridentine di retorica, aveva espresso al loro organizzatore Maurizio Manzin, il desiderio di un incontro in Rettorato nella prospettiva di una collaborazione tra le università di due città dal nome quasi uguale.

Nell’incontro, che si è tenuto ieri pomeriggio in via Calepina, Groark e Collini si sono confrontati sui tratti comuni ai due atenei. Sono state individuate similitudini e convergenze: entrambe le istituzioni sono generaliste, offrono alcuni corsi di laurea mirati, sono molto solide nella proposta di programmi di dottorato e di attività di ricerca. Sulle condizioni per sviluppare dei progetti comuni saranno ora svolte delle analisi in alcune aree disciplinari, dalle scienze ambientali alla filosofia.

Pubblicità
Pubblicità

Le Giornate tridentine di retorica sono un appuntamento annuale del Cermeg (Centro di ricerche sulla metodologia giuridica) organizzato alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Trento. La quindicesima edizione delle GTR, che si conclude oggi, si è concentrata sul tema “Strategie d’immagine e razionalità argomentativa nel processo giudiziale”. Per il terzo anno consecutivo due delle tre sessioni si sono tenute in lingua inglese. Ciò ha permesso la partecipazione ai lavori di un pubblico internazionale di studiosi. «Si tratta di un evento ormai consolidato – ha precisato il professor Manzin – che gli studiosi di argomentazione, dal Perù alla Svezia e dall’Olanda alla Svizzera, hanno mostrato di apprezzare per la qualità scientifica e per quel clima particolare di cordialità e amicizia che si respira nell’università e nella città di Trento»

Pubblicità
Pubblicità

Telescopio Universitario

UniTrento/Eurac Research – Lo stile di vita minaccia i batteri intestinali: una conferma da Ötzi

Pubblicato

-

Il microbioma intestinale è un delicato ecosistema composto da miliardi e miliardi di microrganismi, soprattutto batteri, che aiutano le nostre difese immunitarie, ci difendono da virus e agenti patogeni e ci aiutano nell’assorbimento dei nutrimenti e della produzione di energia.

Ma il processo di industrializzazione delle popolazioni occidentali ha avuto un impatto rilevante sulla varietà della sua composizione. La conferma arriva da uno studio condotto sui batteri trovati nell’intestino di Ötzi, l’Uomo venuto dal ghiaccio, ritrovato nel 1991 tra le nevi delle Alpi Venoste al confine tra Italia e Austria.

Il DNA dei batteri della mummia, analizzato dagli esperti di Eurac Research, ha confermato ciò che i ricercatori dell’Università di Trento avevano evidenziato analizzando il genoma dei microrganismi intestinali di oltre 6500 persone di tutti continenti.

Pubblicità
Pubblicità

Ricerche precedenti dell’Università di Trento avevano dimostrato che esiste un collegamento tra la composizione batterica del microbioma e l’aumento in Occidente dell’obesità, delle malattie autoimmuni e gastrointestinali, delle allergie e di molte altre patologie complesse. In uno studio pubblicato oggi sulla rivista Cell Host & Microbe i ricercatori del Cibio dell’Università di Trento e di Eurac Research di Bolzano dimostrano come le differenze tra il nostro microbioma occidentale e quello non-occidentale o preistorico siano legate alla riduzione di alcuni tipi di batteri legati al processamento di fibre complesse e vegetali nel nostro intestino.

La causa sarebbe da ricercare nelle conseguenze del processo di occidentalizzazione. Il cambiamento della dieta, più ricca di grassi e povera di fibre, lo stile di vita più sedentario e urbanizzato, lo sviluppo di nuove abitudini igieniche e la diffusione di antibiotici e altri medicinali hanno senz’altro reso la nostra vita più sicura, ma hanno anche avuto un impatto sul delicato equilibrio del nostro microbioma.

I ricercatori di Eurac Research di Bolzano hanno sequenziato il DNA dell’Iceman, ricostruendo il suo patrimonio di batteri e i ricercatori dell’Università di Trento lo hanno confrontato con quello di alcune popolazioni contemporanee non occidentalizzate (in particolare in Tanzania e in Ghana), cioè non abituate a consumare cibi raffinati e che hanno stili di vita e condizioni igienico sanitarie diverse da quelle occidentali. Con risultati sorprendenti.

Lo studio si è concentrato in particolare su “Prevotella copri”, un batterio che, quando presente, è quasi sempre il più abbondante nel nostro intestino. Prevotella copri colonizza il 30% circa dell’intestino gli occidentali. «Per prima cosa abbiamo scoperto che non si tratta di una sola specie, piuttosto di quattro specie distinte, anche se strettamente imparentate» spiega Nicola Segata, coordinatore dello studio insieme a Adrian Tett, sempre del Cibio dell’Università di Trento.

«Poi abbiamo notato che almeno tre di queste quattro specie sono quasi sempre tutte presenti nelle popolazioni non-occidentalizzate, ma sono invece molto meno prevalenti nella popolazione occidentale. E quando invece in queste ultime si trova, vi è tipicamente una sola delle quattro specie. Abbiamo ipotizzato che il complesso processo di occidentalizzazione abbia una grossa influenza sulla possibile perdita di tale batterio. La nostra ipotesi è stata confermata dall’analisi di DNA antichi a cui abbiamo avuto accesso grazie alla collaborazione con Frank Maixner dell’Istituto per lo studio delle mummie di Eurac Research. Nell’intestino dell’Iceman, infatti, tre delle quattro le specie sono chiaramente identificabili. La stessa presenza multipla delle quattro specie è confermata anche nei campioni di feci fossilizzate dal Messico che risalgono a oltre mille anni fa. Resta da capire in futuro quali siano le conseguenze biomediche di un microbioma che è mutato rapidamente negli ultimi decenni ma che si trova a colonizzare il corpo umano che è rimasto invece praticamente immutato geneticamente negli ultimi secoli». «L’uso di campioni “antichi” – continua Tett – ci ha anche permesso di studiare l’evoluzione di queste specie per le quali abbiamo ora evidenza che si siano geneticamente diversificate assieme al genere umano e prima delle iniziali migrazioni umane fuori dal territorio africano».

Lo studio è stato condotto in stretta collaborazione con il gruppo di ricerca di Albert Zink e Frank Maixner di Eurac Research di Bolzano. Il team del centro di ricerca altoatesino ha svolto la parte di raccolta e pre-analisi dei campioni di DNA dell’Iceman. «Il rapporto tra l’evoluzione del genere umano e la varietà dei microrganismi intestinali è un filone di studio ancora poco esplorato che in futuro darà risposte importanti grazie all’esame del DNA antico. Per questo la ricerca di tecniche sempre più avanzate e meno invasive per estrarre e analizzare il DNA dai reperti umani è uno dei principali focus del nostro Istituto” conclude il microbiologo di Eurac Research Frank Maixner.

L’articolo, dal titolo “The Prevotella copri complex comprises four distinct clades underrepresented in Westernised populations”, è stato pubblicato oggi da “Cell Host & Microbe”.

È stato scritto da: Adrian Tett, Kun D. Huang, Francesco Asnicar, Hannah Fehlner-Peach, Edoardo Pasolli, Nicolai Karcher, Federica Armanini, Paolo Manghi, Kevin Bonham, Moreno Zolfo, Francesca De Filippis, Cara Magnabosco, Richard Bonneau, John Lusingu, John Amuasi, Karl Reinhard, Thomas Rattei, Fredrik Boulund, Lars Engstrand, Albert Zink, Maria Carmen Collado, Dan R. Littman, Daniel Eibach, Danilo Ercolini, Omar Rota-Stabelli, Curtis Huttenhower, Frank Maixner, Nicola Segata.
L’articolo è disponibile in open access sul sito di Cell Host & Microbe e su https://www.biorxiv.org/content/10.1101/600593v1.abstract (DOI10.1016/j.chom.2019.08.018)

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Tessera UniTrento Sport gratis per studenti e studentesse

Pubblicato

-

Iscritti e iscritte all’Università di Trento dall’anno accademico in corso non dovranno più versare la quota di adesione annuale (20 euro), mentre restano a pagamento le iniziative a cui decideranno di partecipare.

La novità è stata introdotta per favorire l’attività sportiva nella comunità studentesca

Studenti e studentesse non dovranno, quindi, più versare la quota di adesione annuale (20 euro), mentre restano a pagamento anche per loro le iniziative promosse da UniTrento Sport con il supporto del Cus (Centro universitario sportivo) Trento a cui decideranno di partecipare.

Pubblicità
Pubblicità

Chi non ha mai posseduto la tessera UniTrento Sport, dovrà registrarsi online (https://webapps.unitn.it/Unisport) e poi ritirare la carta servizi valida per l’anno accademico 2019/20 nella sede del Cus (Trento – Via Prati, 1). Studenti e studentesse che devono solo rinnovarla, potranno farlo senza alcun costo presentandosi al Cus con la tessera scaduta.

UniTrento Sport card favorisce la pratica di varie discipline e offre la possibilità a studenti/studentesse e dipendenti dell’Università di Trento e dell’Opera Universitaria e di altri enti di ricerca di usufruire di agevolazioni per l’utilizzo delle piscine, delle palestre e di una serie di impianti del territorio.

L’adesione annuale è ora gratuita per studenti e studentesse dell’Ateneo di Trento, resta a pagamento per alumni e personale.

Ampia la scelta di attività a cui iscriversi (a pagamento anche per studenti e studentesse), tra cui: windsurf, arrampicata, canoa, nuoto, sci alpino, tennis, volley, basket, volo a vela, aikido, yoga, pilates, zumba, corsi di vela (anche per diversamente abili).

Sport, ma anche corsi fitness, wellness e di ballo, tornei interdipartimento e altre manifestazioni sportive.

Le iniziative in programma per il primo semestre, con ogni dettaglio, sono disponibili a questo link

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Telescopio Universitario

Architettura, successo in Ohio per i progetti dell’Università di Trento

Pubblicato

-

Successo a Cleveland (Ohio, US) per il progetto presentato da tre studentesse dell’Università di Trento a un concorso di idee per la rigenerazione di una zona residenziale multiculturale del quartiere Old Brooklyn, a sud della città di Cleveland.

Tra le 34 proposte selezionate, il gruppo Tetractys di Chiara Pinton, Erica Poli e Silvia Zomelli ha vinto due primi premi per un totale di 2 mila dollari e altri sei gruppi di UniTrento sono arrivati in finale.

Pinton, Poli e Zomelli con il progetto “In_Between” hanno ottenuto sia il primo premio assoluto nella categoria studenti sia quello per il miglior concetto di unità abitativa accessoria nella categoria generale (professionisti e studenti).

PubblicitàPubblicità

È il secondo anno consecutivo che un progetto del corso di Composizione architettonica e urbana 2, coordinato dai docenti Mosè Ricci, Kay Bea Jones, Sara Favargiotti con Silvia Mannocci, nell’ambito del terzo anno del corso di laurea in Ingegneria edile/Architettura del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e meccanica dell’Università di Trento, vince un concorso internazionale.

La peculiarità del corso è prevedere l’insegnamento della progettazione attraverso la partecipazione dell’intera classe a un concorso internazionale di architettura. Il successo nel 2018 era arrivato per il progetto di un centro termale nel Caucaso.

Quest’anno la classe ha partecipato al concorso internazionale di architettura e design per studenti e professionisti “Zero Threshold”, bandito dalla Cleveland Foundation, che affrontava la progettazione di alloggi e centri comunitari accessibili.

Invece di rendere i dispositivi utili alla fruibilità e accessibilità il più possibile invisibili, questa competizione sfidava i designer a celebrare l’estetica dell’accessibilità.

La competizione ha visto studenti e studentesse confrontarsi con nuove costruzioni residenziali, unità abitative accessorie, interior design e retrofit di abitazioni esistenti, spazi pubblici accessibili e progettazione del paesaggio, strategie olistiche di progettazione urbana volte a eliminare le barriere fisiche e sociali nei quartieri urbani di Old Brooklyn a Cleveland.

Sono stati complessivamente 130 i progetti presentati al concorso da venti nazioni (di cui 14 del corso di Composizione architettonica e urbana 2 dall’Università di Trento). Alla finale ne sono stati ammessi 34 (tra cui i sette trentini).

Oltre al team che ha vinto il primo premio, gli altri sei gruppi finalisti erano formati da: Matteo Omilli, Jorda Arbona Miguel Angel e Gloria Zenatti (titres); Luca Franzoi, Arianna Luise e Nicolò Repetto (ALterNative); Nicola Melchiori, Luca Rossignoli e Desirè Vallenari (Keyline); Claudia Benatti e Silvai Beber (wayOUT); Marco Canale e Giacomo Sarti (A2|97); Lisa Dalle Sasse, Sofia Merci e Gabriele Migliorini (Tangram Arhcitects).

La premiazione si è svolta lo scorso 19 settembre a Cleveland e il video messaggio delle vincitrici è online (dal minuto 1:43:30).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Categorie

di tendenza