Connect with us
Pubblicità

Trento

Cultura Gender nelle scuole: Fratelli d’Italia attacca Sara Ferrari

L'assessore alle pari opportunità della provincia autonoma di Trento Sara Ferrari ha preso posizione nei confronti della diffusione dell'ideologia Gender nelle scuole, definendola «operazione atta a diffondere immotivato allarmismo»

Pubblicato

-

L'assessore alle pari opportunità della provincia autonoma di Trento Sara Ferrari ha preso posizione nei confronti della diffusione dell'ideologia Gender nelle scuole, definendola «operazione atta a diffondere immotivato allarmismo»
 
Primo attore in provincia, da sempre schierato contro l'inserimento della cultura Gender nelle scuole, è il movimento Fratelli d'Italia/AN che attraverso una nota ha voluto replicare all'assessore.
 
«Prima di tutto ci sfugge la competenza precipua che l'Assessore Ferrari vanta sui percorsi scolastici, – inizia la nota di Fratelli d'Italia – se non fosse per il ruolo che la Giunta provinciale le conferisce nella stesura dei piani programmatici che metteranno piede nelle nostre scuole da settembre 2015. Del resto, probabilmente, alla Ferrari sfugge a sua volta che il Presidente Rossi è già intervenuto sulla questione, smentendo in pieno quanto pateticamente asserito dall'Assessore piddina».
 
Arriva anche una forte critica al governatore Rossi che interrogato in merito alla diffusione in alcune scuole d'Infanzia di Trento sul "Il libro delle famiglie" – contenente, tra le altre cose, chiari riferimento con supporti grafici della possibilità per due lesbiche o due gay di avere figli- ha dichiaratamente dato il suo appoggio a questo genere di, chiamiamolo così, materiale didattico. 
 
«Questo, fino a prova contraria, conferma che negli intenti dichiarati della Giunta vi è far entrare nelle nostre scuole i progetti di indottrinamento gender" – afferma Marika Poletti, presidente provinciale di Fratelli d'Italia/AN – «sempre che l'Assessore Ferrari non voglia smentire il proprio Presidente».
 
Rossi rispondendo ad un'interrogazione del Consigliere Rodolfo Borga, aveva evidenziato due aspetti che secondo Fratelli d'Italia molto molto preoccupanti. 
 
Il primo. I genitori non erano stati messi nelle condizioni di conoscere quanto ai propri figli sarebbe stato insegnato, il che contrasta apertamente con il diritto/dovere della famiglia di vedersi riconosciuta la priorità educativa, soprattutto quando parliamo di bambini così piccoli (fascia 3-6 anni).
 
Il secondo. La giustificazione che Rossi dà è a dir poco censurabile – secondo Fratelli d'Italia – infatti il Presidente, sottoscrive l'importanza di veicolare libri analoghi per abituare i bambini a non dare per scontato di avere un padre ed una madre perché esistono "situazioni in cui, per abbandono, per eventi tragici che comportano la morte di uno dei genitori o per allontanamento di uno dei due coniugi" la conformazione della famiglia viene a cambiare. Utilizzare strumentalmente una disgrazia come la morte di un genitore per legittimare una formazione sociale artificiosa come la genitorialità omosessuale è davvero quanto di più deplorevole vi sia. 
 
«Sia come sia, lanciamo una proposta all'Assessore Ferrari. Siano i genitori a decidere cos'è meglio per i propri figli. Per questo motivo ci permettiamo di sfidarla in una tavola rotonda in cui, pubblicamente, si esporranno le diverse posizioni. Siano i cittadini trentini a decidere se il nostro è un "ingiustificato allarmismo»termina la nota di Fratelli d'Italia.
 
Anche Claudio Cia era interventuo sull'argormento sottolineando l'incongruenze e le contraddizioni dell'assessore Sara Ferrari, «Accantonata quella che sembrava una “emergenza omofobia” – aveva detto Cia – si è arrivati ora alla nuova priorità della politica trentina: negare a tutti i costi l’esistenza dell’ideologia gender. Bisogna dare atto che effettivamente queste idee non sono mai state definite come una “teoria” vera e propria, tuttavia è legittimo parlarne in questi termini dato che quel che sostengono è ben definibile tramite due precisi convincimenti: esisterebbe una sessualità specifica (il dato “biologico”) e un genere distinto (il dato “psicologico”); finora sarebbe stata la società a indirizzarci nei rispettivi generi sessuali facendoli forzatamente coincidere al dato biologico e d’ora in poi bisognerebbe invece prendere coscienza di ciò e far crescere i bambini “liberi” da questi “stereotipi” per dar loro la possibilità di decidere “liberamente” attraverso un’educazione apposita».
 
«I sostenitori di queste tesi si stanno accorgendo che se la società identifica i loro convincimenti riconducendoli ad una precisa “teoria”, diventa allora più difficile riuscire ad entrare nelle scuole e instillare queste idee nella futura società, ed ecco perché negli ultimi giorni stiamo assistendo a dichiarazioni che ne negano l’esistenza stessa. L’esempio palese in queste ore è quello dell’assessora Sara Ferrari che scrive in un comunicato nientemeno che: «L'ideologia gender non esiste, è un'invenzione».
 
«Il rischio – continua Cia – è che con l’identificazione esclusiva della persona come “genere” si giunga alla neutralizzazione dell’identità. La persona non viene più valorizzata nel suo essere uomo o donna, bensì appiattita nell’ambito di un’indifferenza di genere, nella quale uomini e donne vengono percepiti come semplicemente “uguali” e tutte le differenze biologiche, di ruolo, di caratteri vengono annullate, dimenticando il significato essenziale della bipolarità sessuale e la sua struttura oggettiva».
 
Poi Claudio Cia termina dando un consiglio all'assessore delle pari opportunità, «Quello sul quale consiglio all’assessora Ferrari di riflettere è piuttosto sul perché di questo impellente bisogno della società moderna di sognare di evadere da se stessi, magari autolegittimandosi con l’invenzione ad hoc di strampalate teorie, e invece che spiegare ai bambini che sono tutti uguali, magari chiarire che in realtà siamo tutti diversi, con pari dignità e ​uguali diritti e doveri».
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza