Connect with us
Pubblicità

Trento

Cultura Gender nelle scuole: Fratelli d’Italia attacca Sara Ferrari

L'assessore alle pari opportunità della provincia autonoma di Trento Sara Ferrari ha preso posizione nei confronti della diffusione dell'ideologia Gender nelle scuole, definendola «operazione atta a diffondere immotivato allarmismo»

Pubblicato

-

L'assessore alle pari opportunità della provincia autonoma di Trento Sara Ferrari ha preso posizione nei confronti della diffusione dell'ideologia Gender nelle scuole, definendola «operazione atta a diffondere immotivato allarmismo»
 
Primo attore in provincia, da sempre schierato contro l'inserimento della cultura Gender nelle scuole, è il movimento Fratelli d'Italia/AN che attraverso una nota ha voluto replicare all'assessore.
 
«Prima di tutto ci sfugge la competenza precipua che l'Assessore Ferrari vanta sui percorsi scolastici, – inizia la nota di Fratelli d'Italia – se non fosse per il ruolo che la Giunta provinciale le conferisce nella stesura dei piani programmatici che metteranno piede nelle nostre scuole da settembre 2015. Del resto, probabilmente, alla Ferrari sfugge a sua volta che il Presidente Rossi è già intervenuto sulla questione, smentendo in pieno quanto pateticamente asserito dall'Assessore piddina».
 
Arriva anche una forte critica al governatore Rossi che interrogato in merito alla diffusione in alcune scuole d'Infanzia di Trento sul "Il libro delle famiglie" – contenente, tra le altre cose, chiari riferimento con supporti grafici della possibilità per due lesbiche o due gay di avere figli- ha dichiaratamente dato il suo appoggio a questo genere di, chiamiamolo così, materiale didattico. 
 
«Questo, fino a prova contraria, conferma che negli intenti dichiarati della Giunta vi è far entrare nelle nostre scuole i progetti di indottrinamento gender" – afferma Marika Poletti, presidente provinciale di Fratelli d'Italia/AN – «sempre che l'Assessore Ferrari non voglia smentire il proprio Presidente».
 
Rossi rispondendo ad un'interrogazione del Consigliere Rodolfo Borga, aveva evidenziato due aspetti che secondo Fratelli d'Italia molto molto preoccupanti. 
 
Il primo. I genitori non erano stati messi nelle condizioni di conoscere quanto ai propri figli sarebbe stato insegnato, il che contrasta apertamente con il diritto/dovere della famiglia di vedersi riconosciuta la priorità educativa, soprattutto quando parliamo di bambini così piccoli (fascia 3-6 anni).
 
Il secondo. La giustificazione che Rossi dà è a dir poco censurabile – secondo Fratelli d'Italia – infatti il Presidente, sottoscrive l'importanza di veicolare libri analoghi per abituare i bambini a non dare per scontato di avere un padre ed una madre perché esistono "situazioni in cui, per abbandono, per eventi tragici che comportano la morte di uno dei genitori o per allontanamento di uno dei due coniugi" la conformazione della famiglia viene a cambiare. Utilizzare strumentalmente una disgrazia come la morte di un genitore per legittimare una formazione sociale artificiosa come la genitorialità omosessuale è davvero quanto di più deplorevole vi sia. 
 
«Sia come sia, lanciamo una proposta all'Assessore Ferrari. Siano i genitori a decidere cos'è meglio per i propri figli. Per questo motivo ci permettiamo di sfidarla in una tavola rotonda in cui, pubblicamente, si esporranno le diverse posizioni. Siano i cittadini trentini a decidere se il nostro è un "ingiustificato allarmismo»termina la nota di Fratelli d'Italia.
 
Anche Claudio Cia era interventuo sull'argormento sottolineando l'incongruenze e le contraddizioni dell'assessore Sara Ferrari, «Accantonata quella che sembrava una “emergenza omofobia” – aveva detto Cia – si è arrivati ora alla nuova priorità della politica trentina: negare a tutti i costi l’esistenza dell’ideologia gender. Bisogna dare atto che effettivamente queste idee non sono mai state definite come una “teoria” vera e propria, tuttavia è legittimo parlarne in questi termini dato che quel che sostengono è ben definibile tramite due precisi convincimenti: esisterebbe una sessualità specifica (il dato “biologico”) e un genere distinto (il dato “psicologico”); finora sarebbe stata la società a indirizzarci nei rispettivi generi sessuali facendoli forzatamente coincidere al dato biologico e d’ora in poi bisognerebbe invece prendere coscienza di ciò e far crescere i bambini “liberi” da questi “stereotipi” per dar loro la possibilità di decidere “liberamente” attraverso un’educazione apposita».
 
«I sostenitori di queste tesi si stanno accorgendo che se la società identifica i loro convincimenti riconducendoli ad una precisa “teoria”, diventa allora più difficile riuscire ad entrare nelle scuole e instillare queste idee nella futura società, ed ecco perché negli ultimi giorni stiamo assistendo a dichiarazioni che ne negano l’esistenza stessa. L’esempio palese in queste ore è quello dell’assessora Sara Ferrari che scrive in un comunicato nientemeno che: «L'ideologia gender non esiste, è un'invenzione».
 
«Il rischio – continua Cia – è che con l’identificazione esclusiva della persona come “genere” si giunga alla neutralizzazione dell’identità. La persona non viene più valorizzata nel suo essere uomo o donna, bensì appiattita nell’ambito di un’indifferenza di genere, nella quale uomini e donne vengono percepiti come semplicemente “uguali” e tutte le differenze biologiche, di ruolo, di caratteri vengono annullate, dimenticando il significato essenziale della bipolarità sessuale e la sua struttura oggettiva».
 
Poi Claudio Cia termina dando un consiglio all'assessore delle pari opportunità, «Quello sul quale consiglio all’assessora Ferrari di riflettere è piuttosto sul perché di questo impellente bisogno della società moderna di sognare di evadere da se stessi, magari autolegittimandosi con l’invenzione ad hoc di strampalate teorie, e invece che spiegare ai bambini che sono tutti uguali, magari chiarire che in realtà siamo tutti diversi, con pari dignità e ​uguali diritti e doveri».
 
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Prima lo adotti poi raccogli i suoi frutti, a Milano nasce la Food Forest, la foresta edibile
    Oltre 2.000 tra piante, ortaggi, piante officinali, alberi, arbusti da frutto e da legno ospitati nel cuore dell’immensa città metropolitana di Milano, con l’obbiettivo di ristabilire il rapporto primitivo tra l’uomo e i prodotti che Madre Natura gentilmente offre. Questo, starà alla base della nuova Food Forest, la foresta edibile  che in autunno prenderà vita all’interno […]
  • Ponte Tibetano e Cascate di Saent: che bella la Val di Rabbi!
    Costruito nel 2016 sopra il torrente Ragaiolo in Val di Rabbi, il ponte tibetano è ormai diventato una tappa fissa per tutti coloro che amano la montagna e la Val di Rabbi. Costruito in ferro e con una pavimentazione di grate di ferro, il ponte tibetano è adatto a grandi e piccini grazie anche alle […]
  • Si allunga la lista delle preziose aree naturali del Pianeta: l’Unesco aggiunge altri 15 Geoparchi da tutelare
    Riconosciuto a livello internazionale come un territorio che possiede un patrimonio geologico particolare e una strategia di sviluppo sostenibile, il Geoparco deve comprendere un certo numero di siti geologici di particolare importanza in termini di rarità, qualità scientifica e rilevanza estetica o valore educativo per essere definito tale. In particolare, si tratta di aree in […]
  • Samsung lancia l’idea: Prevenire gli incidenti grazie ad un camion attrezzato con schermi LCD
    Visibilità azzerata, traffico intenso, grandi mezzi e sorpassi azzardati sono tutti problemi autostradali che potrebbero trovare soluzione grazie ad un “camion trasparente” con grandi schermi LCD: Un‘ idea tanto semplice quanto potenzialmente utile che potrebbe facilitare le manovre di sorpasso dei grandi mezzi riducendo i rischi di incidenti. L’idea è stata presentata da Samsung con […]
  • Trentino Wild Park: il parco avventura più grande d’Italia
    Affrontare situazioni che non appartengono alla vita normale percorrendo una realtà diversa da quella urbana, attraversando ponti tibetani, liane e guardando il bosco tra le chiome degli alberi, sono la base di un intrigante situazione, lontana dalla vita cittadina ma alternativa ad un classico tour. La possibilità di vivere forti emozioni e sentirsi veramente immerso […]
  • Perserverance, la missione Nasa in cerca di vita su Marte
    Fa parte della natura umana esplorare, conoscere e spingersi sempre oltre i limiti terrestri, fino a Marte ad esempio, diventata ormai una delle migliori alternative alla Terra. Trovare tracce di una vita passata o presente sul pianeta rosso, raccogliendo campioni di suolo e studiando la superficie di Marte. Questo è il motivo che ha spinto […]
  • Dalla Francia all’Italia:nel 2020 Il cinema estivo cambia forma e approda in acqua
    L’esigenza di migliorare sfruttando al meglio il nostro ambiente e il nostro territorio unito alla voglia di scongiurare l’arrivo di una prossima pandemia, ha spinto e obbligato molti organizzatori di eventi e molte aziende a ripensare gli spazi e quindi le attività dedicate al pubblico rispetto al distanziamento sociale. Dopo l’esperimento dal sapore vagamente vintage […]
  • Dall’America arriva lo “specchio della verità”, racconta quanto sei dimagrito e quanto sei in forma
    “Specchio spettro delle mie brame.”: iniziava così la celebre frase della matrigna di Biancaneve che intimava il suo specchio interrogandolo per assicurarsi ogni giorno il primato di più bella del reame nella nota favola. Se questa è la fantasia, uno strumento simile è ora disponibile anche nella realtà, dando un supporto concreto e mirato alla […]
  • Dall’amore per il bello alla passione per l’antico e il moderno: il mondo di Zanella Arredamenti
    Esistono alcuni luoghi agli angoli delle strade o nei piccoli borghi cittadini in cui la sola visita equivale sempre ad un’esperienza piena di ricordi, emozioni vissute e storia. Entrare in un negozio di antiquariato infatti, è un po’ come viaggiare nel tempo: scoprire un mondo di oggetti che non esiste più per qualcuno ma che […]

Categorie

di tendenza