Connect with us
Pubblicità

Trento

Sorelle di Stella: l’assistente ci ha spinto a odiare mamma e papà. Sconvolgente!

È ancora una volta il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus (CCDU) che denuncia un nuovo drammatico capitolo della storia di Stella (nome di fantasia) la bambina della val di Non allontata dalla sua famiglia dai servizi sociali. 

Pubblicato

-

È ancora una volta il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus (CCDU) che denuncia un nuovo drammatico capitolo della storia di Stella (nome di fantasia) la bambina della val di Non allontata dalla sua famiglia dai servizi sociali. 
 
Stella è una bambina che capisce che c'è qualcosa che non va in quello che ogni giorno l'assistente sociale gli riferisce e per questo decide di registrare un suo incontro a Milano in una struttura protetta.
 
La registrazione purtroppo è sconvolgente e conferma i dubbi sul comportamento inqualificabile dell’assistente sociale che, tra il resto, denigra i genitori davanti alla bambina dandogli dei bugiardi, e accusandoli di non essere in grado di fare i genitori e di aver nulla da offrirle, cercando di convincerla, fino al punto di farla piangere, ad andare in una famiglia affidataria in Lombardia nonostante le insistenze della bambina per tornare dalla sua famiglia di origine: il tutto registrato e consegnato dalla famiglia al Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani e anche al dirigente dei servizi sociali nel corso di un incontro con la mamma, l’avvocato Francesco Miraglia, un rappresentante del CCDU e la coordinatrice dei servizi sociali.
 
La pubblicazione dell'articolo (leggi qui) aveva scatenato un «vespaio», aggravato ancora di più dall'intervento del Ivan Zanon responsabile dele politiche sociali della comunità della val di Non in difesa dell'assistente sociale e del lavoro svolto dalla comunità della val di Non.(leggi qui
 
A questo punto sono interventi la mamma di Stella (leggi qui l'articolo) e l'avvocato Francesco Miraglia (leggi qui) che hanno entrambi smentito le parole di Ivan Zanon in modo anche polemico. Da segnalare anche l'intervento di Gabriella Maffioletti, delegata Adiantum, che ha scritto che le adozioni sono solo un business per le cooperative sociali.(leggi qui)
 
Ma ora questa triste storia si arricchisce ancora di un capitolo, e a scriverlo sono le sorelle di Stella, che dopo aver letto quanto scritto in tutti gli articoli pubblicati hanno deciso di dire la loro. 
 
Le sorelle di Stella, non volevamo intervenire in questa vicenda ancora molto dolorosa per loro. Ma ieri il papà si è rivolto ai servizi sociali di Trento dove gli hanno dato poche speranze con un laconico: “Noi non possiamo fare niente.” L’udienza dal giudice si avvicina e le sorelle hanno quindi deciso di fare luce sui comportamenti di questa assistente sociale.
 
La vicenda è stata seguita da molti lettori, molti dei quali ci hanno scritto, hanno commentato sui social e nel blog sotto gli articoli, a dimostrazione che il problema è piuttosto sentito. Sono stati oltre 50mila i lettori che hanno letto tutti gli articoli riguardanti questa triste vicenda.
 
«Se confermati, gli sconvolgenti comportamenti denunciati dalle ragazze, ormai maggiorenni, sono inequivocabilmente figli di quella cultura psichiatrica coercitiva e invasiva, basata sul trattamento sanitario obbligatorio» scrive in una nota il CCDU.
 
«Per una certa psichiatria, – continua il CCDU – la persona non è un essere umano da ascoltare e da aiutare, ma un “malato” da curare anche con la forza. Purtroppo questa visione si è insinuata anche in certi ambiti dell’assistenza sociale, dove le famiglie e i minori non sono ascoltati ma controllati. Una bambina in fuga da quella che percepisce come prigione, per tornare nella sua famiglia, viene dunque considerata malata mentale. In maniera simile, ai tempi della schiavitù in America, era stata inventata la diagnosi psichiatrica di “drapetomania” (dal greco drapetes – schiavo fuggitivo): lo schiavo che tentava la fuga non era un essere umano in cerca della libertà, ma un malato mentale».
 
La paura della gente nei confronti dei servizi sociali deriva proprio dal tradimento perpetrato da certe operatrici che, alla sincera richiesta di aiuto delle famiglie in difficoltà, rispondono a volte con misure drastiche che disgregano la famiglia invece di aiutarla. «E non è tutto – tuona il CCDU – Le “mele marce” all’interno del sistema minorile non danneggiano solo famiglie e minori: danneggiano anche un’intera categoria di assistenti sociali oneste e dedicate. Per questo, se le accuse saranno accertate, auspichiamo la massima severità».
 
Ora lasciamo spazio alle sorelle di Stella, vera parte in causa di questa assurda vicenda, ecco la loro lettera, ricopiata fedelmente in ogni passaggio dalle originali, in nostro possesso.
 
«L’assistente sociale ha sempre ribadito che i miei genitori non erano in grado di farci da mamma e papà, che quando eravamo piccole i miei genitori avevano chiesto una mano a lei perché non riuscivano a tenerci ed eravamo disubbidienti. I nostri genitori ci dicevano di andare a dormire e non ci andavamo, e allora l’assistente sociale da lì ha preso provvedimenti togliendoci dai nostri genitori. Io sono stata tolta dalla mamma all’età di 7 anni e mia sorella V. all’età di 10 anni.
 
L’assistente sociale ci ha sempre detto che i nostri genitori non ci volevano perché preferivano lavorare e non pensare a noi, che loro non erano in grado di poterci tenere e che lei doveva provvedere per noi, e l’unico modo con il quale riusciva a provvedere è averci tolto dalla nostra famiglia e metterci in questa comunità.
 
Noi ogni volta le chiedevamo di poter tornare a casa, ma lei rispondeva che questo non era possibile perché i nostri genitori preferivano il lavoro a noi, che a loro non interessava di noi, ed è per questo che ci trovavamo in questa comunità. L’assistente sociale ci ha portato al punto di odiare i nostri genitori, perché con la sua voce talmente melliflua ci aveva portato alla convinzione che per i nostri genitori noi non eravamo importanti. 
 
E da lì sono iniziati i miei 10 anni in comunità. Poi ho scoperto che non era vero niente all’età di 14 anni. 
 
In più, dopo che ho iniziato a scappare dall’istituto per tornare a casa mia, lei voleva rinchiudermi in un istituto psichiatrico nonostante gli psicologi gli avevano detto che ero una ragazzina a posto e sana di mente. Dopo tante fughe dall’istituto si sono stufati di rincorrermi e allora mi hanno lasciata a casa, dove volevo stare.
 
Noi non vediamo nostra sorella (Stella) da circa 5 anni perché ci diceva che eravamo “negative” per lei e che prima di vederla dovevamo aspettare l’ok dal giudice. Non so se poi avesse mai mandato una richiesta per farcela vedere. Invece a mia sorella (Stella) ha sempre detto che noi non volevamo vederla. Come ci ha scritto in una lettera che ci ha fatto avere di nascosto. Io penso che questa assistente sociale dovrebbe smettere di fare questo lavoro»! {facebookpopup}
 
 
Lettera firmata dalle Sorelle di Stella
 
 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Profumi funzionali: in arrivo nuove fragranze per diminuire lo stress ed aumentare il benessere
    I ricordi e le emozioni sono unite da un profondo e stretto legame con l‘olfatto che lo rendono come il gusto, uno dei sensi più potenti e straordinari arrivando ad influenzare molte volte anche i nostri comportamenti. L’olfatto è quel senso che non solo riesce a collegare i ricordi, gli attimi e addirittura i sapori […]
  • Svizzera: dal 2020 il tragitto casa – lavoro viene considerato orario d’ufficio
    In metropolitana, in autobus o in treno: tutti i giorni durante il tragitto che da casa porta al lavoro si risponde a numerose telefonate, si inviano e ricevono sollecitazioni, informazioni o delucidazioni sia via mail che attraverso social riguardo gli impegni lavorativi della giornata e della settimana. Dal primo gennaio 2020, in Svizzera, il tragitto […]
  • “Cortex Cast”: il gesso del futuro direttamente dalla stampante 3D
    Il gesso è da sempre stato l’irritante, ingombrante e pesante compagno di molte convalescenze, accompagnando e terrorizzando per settimane milioni di persone in tutto il mondo. Molto presto tutto questo potrebbe diventare soltanto ricordo molto lontano; a rimpiazzare con notevole onore il vecchio gesso sarebbe “Cortex Cast”: un esoscheletro stampato in 3D, composto da nylon […]
  • Formaggella della Solidarietà: il Caseificio Val di Fiemme ed il successo del volontariato d’impresa
    Le aziende hanno diversi sistemi e modi per creare valore, ma soltanto uno riesce a generare opportunità ed importanza contribuendo con successo al benessere del territorio e della società: Il volontariato sociale d’impresa. Il Caseificio della Val di Fiemme è entrato e si è distinto in questo importante mondo, creando e dedicando ad ogni anno […]
  • Affitti troppo alti: Berlino impone con legge un tetto massimo ai prezzi
    In tutta Italia, le cifre da capogiro degli appartamenti in affitto colpiscono direttamente ragazzi, studenti universitari ed intere famiglie che, costretti a scontrarsi con le difficoltà lavorative e la mancanza di un capitale iniziale per acquistare una casa di proprietà, devono a ripiegare sull’appartamento in affitto. Nonostante le cifre improponibili, il profondo cambiamento della società […]
  • Bhutan: l’incredibile fascino del Paese più felice del mondo
    Incastonato tra le rocce dell’immensa catena montuosa Himalayana, tra Cina e India, la natura lascia spazio al piccolo ma affascinate Stato monarchico del Bhutan. Nonostante sia uno dei paesi più poveri dell’Asia, qui si registra il tasso di felicità più elevato di tutto il continente e l’ottavo nella classifica mondiale. Infatti, oltre agli incredibili paesaggi, […]
  • Mobili fonoassorbenti per eliminare i rumori da casa e dagli uffici
    Il rumore del traffico esterno, il calpestio proveniente dal piano superiore, la televisione del vicino a volume troppo alto: questi sono solo alcuni dei rumori che possono infastidire l’ambiente domestico. Il mercato offre moltissimi sistemi per ottimizzare, migliorare e molte volte eliminare il problema: dai blocchi di muratura, applicati sopratutto nelle nuove costruzioni, ai feltri […]
  • Stop agli oggetti smarriti: Google Tile aiuta a trovare le chiavi di casa
    Perdere oggetti e non riuscire più a ritrovarli è diventato un fenomeno talmente comune e frequente dall’essere d’ispirazione a numerose ricerche scientifiche per riuscire a determinarne le cause e i motivi. Secondo alcuni ricercatori, oltre allo stress e la fretta, sarebbero le attività inconsce ad allargare le possibilità di perdita. Infatti, senza volerlo spostiamo gli […]
  • Parco giochi per anziani: l’incredibile idea per che unisce il gioco alla salute
    All’arrivo della terza età troppo spesso si tende ad uscire e socializzare meno, con risultati non completamente positivi sulla salute. Una delle soluzioni insieme alle tante attività può essere lo sport: una perfetta occasione di interazione e socializzazione che permette di mantenersi attivi non solo nel corpo ma anche nello spirito. Per aiutare gli anziani […]

Categorie

di tendenza