Connect with us
Pubblicità

Trento

Sorelle di Stella: l’assistente ci ha spinto a odiare mamma e papà. Sconvolgente!

È ancora una volta il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus (CCDU) che denuncia un nuovo drammatico capitolo della storia di Stella (nome di fantasia) la bambina della val di Non allontata dalla sua famiglia dai servizi sociali. 

Pubblicato

-

È ancora una volta il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani Onlus (CCDU) che denuncia un nuovo drammatico capitolo della storia di Stella (nome di fantasia) la bambina della val di Non allontata dalla sua famiglia dai servizi sociali. 
 
Stella è una bambina che capisce che c'è qualcosa che non va in quello che ogni giorno l'assistente sociale gli riferisce e per questo decide di registrare un suo incontro a Milano in una struttura protetta.
 
La registrazione purtroppo è sconvolgente e conferma i dubbi sul comportamento inqualificabile dell’assistente sociale che, tra il resto, denigra i genitori davanti alla bambina dandogli dei bugiardi, e accusandoli di non essere in grado di fare i genitori e di aver nulla da offrirle, cercando di convincerla, fino al punto di farla piangere, ad andare in una famiglia affidataria in Lombardia nonostante le insistenze della bambina per tornare dalla sua famiglia di origine: il tutto registrato e consegnato dalla famiglia al Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani e anche al dirigente dei servizi sociali nel corso di un incontro con la mamma, l’avvocato Francesco Miraglia, un rappresentante del CCDU e la coordinatrice dei servizi sociali.
 
La pubblicazione dell'articolo (leggi qui) aveva scatenato un «vespaio», aggravato ancora di più dall'intervento del Ivan Zanon responsabile dele politiche sociali della comunità della val di Non in difesa dell'assistente sociale e del lavoro svolto dalla comunità della val di Non.(leggi qui
 
A questo punto sono interventi la mamma di Stella (leggi qui l'articolo) e l'avvocato Francesco Miraglia (leggi qui) che hanno entrambi smentito le parole di Ivan Zanon in modo anche polemico. Da segnalare anche l'intervento di Gabriella Maffioletti, delegata Adiantum, che ha scritto che le adozioni sono solo un business per le cooperative sociali.(leggi qui)
 
Ma ora questa triste storia si arricchisce ancora di un capitolo, e a scriverlo sono le sorelle di Stella, che dopo aver letto quanto scritto in tutti gli articoli pubblicati hanno deciso di dire la loro. 
 
Le sorelle di Stella, non volevamo intervenire in questa vicenda ancora molto dolorosa per loro. Ma ieri il papà si è rivolto ai servizi sociali di Trento dove gli hanno dato poche speranze con un laconico: “Noi non possiamo fare niente.” L’udienza dal giudice si avvicina e le sorelle hanno quindi deciso di fare luce sui comportamenti di questa assistente sociale.
 
La vicenda è stata seguita da molti lettori, molti dei quali ci hanno scritto, hanno commentato sui social e nel blog sotto gli articoli, a dimostrazione che il problema è piuttosto sentito. Sono stati oltre 50mila i lettori che hanno letto tutti gli articoli riguardanti questa triste vicenda.
 
«Se confermati, gli sconvolgenti comportamenti denunciati dalle ragazze, ormai maggiorenni, sono inequivocabilmente figli di quella cultura psichiatrica coercitiva e invasiva, basata sul trattamento sanitario obbligatorio» scrive in una nota il CCDU.
 
«Per una certa psichiatria, – continua il CCDU – la persona non è un essere umano da ascoltare e da aiutare, ma un “malato” da curare anche con la forza. Purtroppo questa visione si è insinuata anche in certi ambiti dell’assistenza sociale, dove le famiglie e i minori non sono ascoltati ma controllati. Una bambina in fuga da quella che percepisce come prigione, per tornare nella sua famiglia, viene dunque considerata malata mentale. In maniera simile, ai tempi della schiavitù in America, era stata inventata la diagnosi psichiatrica di “drapetomania” (dal greco drapetes – schiavo fuggitivo): lo schiavo che tentava la fuga non era un essere umano in cerca della libertà, ma un malato mentale».
 
La paura della gente nei confronti dei servizi sociali deriva proprio dal tradimento perpetrato da certe operatrici che, alla sincera richiesta di aiuto delle famiglie in difficoltà, rispondono a volte con misure drastiche che disgregano la famiglia invece di aiutarla. «E non è tutto – tuona il CCDU – Le “mele marce” all’interno del sistema minorile non danneggiano solo famiglie e minori: danneggiano anche un’intera categoria di assistenti sociali oneste e dedicate. Per questo, se le accuse saranno accertate, auspichiamo la massima severità».
 
Ora lasciamo spazio alle sorelle di Stella, vera parte in causa di questa assurda vicenda, ecco la loro lettera, ricopiata fedelmente in ogni passaggio dalle originali, in nostro possesso.
 
«L’assistente sociale ha sempre ribadito che i miei genitori non erano in grado di farci da mamma e papà, che quando eravamo piccole i miei genitori avevano chiesto una mano a lei perché non riuscivano a tenerci ed eravamo disubbidienti. I nostri genitori ci dicevano di andare a dormire e non ci andavamo, e allora l’assistente sociale da lì ha preso provvedimenti togliendoci dai nostri genitori. Io sono stata tolta dalla mamma all’età di 7 anni e mia sorella V. all’età di 10 anni.
 
L’assistente sociale ci ha sempre detto che i nostri genitori non ci volevano perché preferivano lavorare e non pensare a noi, che loro non erano in grado di poterci tenere e che lei doveva provvedere per noi, e l’unico modo con il quale riusciva a provvedere è averci tolto dalla nostra famiglia e metterci in questa comunità.
 
Noi ogni volta le chiedevamo di poter tornare a casa, ma lei rispondeva che questo non era possibile perché i nostri genitori preferivano il lavoro a noi, che a loro non interessava di noi, ed è per questo che ci trovavamo in questa comunità. L’assistente sociale ci ha portato al punto di odiare i nostri genitori, perché con la sua voce talmente melliflua ci aveva portato alla convinzione che per i nostri genitori noi non eravamo importanti. 
 
E da lì sono iniziati i miei 10 anni in comunità. Poi ho scoperto che non era vero niente all’età di 14 anni. 
 
In più, dopo che ho iniziato a scappare dall’istituto per tornare a casa mia, lei voleva rinchiudermi in un istituto psichiatrico nonostante gli psicologi gli avevano detto che ero una ragazzina a posto e sana di mente. Dopo tante fughe dall’istituto si sono stufati di rincorrermi e allora mi hanno lasciata a casa, dove volevo stare.
 
Noi non vediamo nostra sorella (Stella) da circa 5 anni perché ci diceva che eravamo “negative” per lei e che prima di vederla dovevamo aspettare l’ok dal giudice. Non so se poi avesse mai mandato una richiesta per farcela vedere. Invece a mia sorella (Stella) ha sempre detto che noi non volevamo vederla. Come ci ha scritto in una lettera che ci ha fatto avere di nascosto. Io penso che questa assistente sociale dovrebbe smettere di fare questo lavoro»! {facebookpopup}
 
 
Lettera firmata dalle Sorelle di Stella
 
 
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Dai semi di mela un olio “green” per uso alimentare e cosmetico
    Da assaggiare cruda nell’insalata o cotta nella torta, fino alle bevande con succhi, centrifugati e la versione alcolica, il sidro: le mele sono in assoluto uno dei frutti più versatili nonché sani da utilizzare in cucina. Nonostante la mela sia un frutto quasi completamente commestibile, il residuo di una lavorazione ad uso industriale è il […]
  • Lago Nero e Cornisello: luoghi mozzafiato incastonati tra le Dolomiti di Brenta
    Tra le spettacolari Dolomiti di Brenta è possibile trovare dei paesaggi davvero mozzafiato. Alcuni di questi è possibile immortalarli in Val Nambrone, una diramazione della Valle di Campiglio, che porta alle cime del gruppo della Presanella. Questa zona è famosa soprattutto per i suoi laghi alpini tra cui il Lago Nero ed i laghi di […]
  • Vestiti digitali: l’abito che compri, indossi ma non esiste
    Dietro al glamour e allo scintillio dei vestiti nuovi, appena usciti dai negozi, il mondo della moda si ritrova in una fase epocale di cambiamento trainata dalla trasformazione dei comportamenti di acquisto dei prodotti, dalle diverse esigenze dei consumatori e soprattutto dalla forte rivoluzione digitale. In ambito fashion infatti, i cambiamenti più significativi riguardano la […]
  • Gelato alla frutta o gelato alle creme? Questo è il dilemma
    Che estate sarebbe senza gelato? Colorato, fresco, gustoso e perfetto per una merenda golosa o per una serata davanti al ventilatore, il gelato è un must della bella stagione. I gusti ormai sono infiniti, si va dal dolce al salato, dal classico gelato al gelato fritto… insomma, ce n’è per tutti i palati! Ma è […]
  • Da aerei e droni, “bombe di semi” contro la deforestazione in Thailandia
    La fame di risorse naturali che portano alla riconversione di zone naturali in coltivazioni e zone urbane è un fenomeno storico, noto fin dalle origini antiche ma mai così sviluppato come nelle proporzioni attuali. La deforestazione infatti, è considerata uno dei più grandi mali della società moderna che, oltre ad aggravare una vasta gamma di […]
  • Isole Borromee: le tre incredibili ‘perle’ del lago Maggiore
    Incastonato tra i rilievi collinari e montuosi delle terre svizzere e quelle italiane, nelle regioni di Lombardia e Piemonte si aprono le meravigliose acque del Lago Maggiore, rese spettacolari dai tratti di costa punteggiata di castelli, ville monumentali e circondate dai rigogliosi e coloratissimi giardini. Dal favoloso clima, alle bellezze architettoniche, alla ricca eredità archeologica, […]
  • Eco Bonus 110% esteso anche alle seconde case
    Nonostante il tanto desiderato Super Eco Bonus del 110 %, il pacchetto di incentivi fiscali relativi alle detrazioni per le riqualificazioni energetiche e misure antisismiche sia entrato ufficialmente in vigore dal mese di luglio 2020, si pensa già ad un allargamento della platea per la super detrazione. È stata presentata infatti, una riformulazione di un […]
  • Ghiaccioli fatti in casa: mille gusti di golosità!
    Quando arriva l’estate nei nostri congelatori non mancano mai alcune scatole di ghiaccioli. Golosi, gustosi, colorati e adatti a tutti i gusti: i ghiaccioli possono essere l’ingrediente perfetto per una merenda tra amici, fresca e rigorosamente instagrammabile. Ma è davvero così complicato prepararli? Gli ingredienti per preparare i ghiaccioli sono davvero semplici e pochi: i […]
  • Garda See Charter: tra l’arte del navigare e un’avventura sportiva
    Venti che soffiano costanti e regolari, onde perfette e mai eccessivamente abbondanti, acqua celeste e leggermente illuminata dai caldi raggi del sole che rendono il clima mite tutto l’anno: queste sono solo alcune delle condizioni ideali per un’esperienza in barca a vela sulle acque del Lago di Garda. Quello del Lago di Garda, tra il […]

Categorie

di tendenza