Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Francia, la Repubblica secondo Sarkozy

 

Bisogna che tutto cambi perché nulla cambi. L'Unione per un Movimento Popolare (UMP), indiscusso rappresentante del centro-destra francese negli ultimi dieci anni, si è definitivamente convertito al trasformismo. Con un nome nuovo di zecca, Les Républicains (I Repubblicani), il partito neogollista si prepara a fare da trampolino per il ritorno all'Eliseo di Nicolas Sarkozy.

Pubblicato

-

Bisogna che tutto cambi perché nulla cambi. L’Unione per un Movimento Popolare (UMP), indiscusso rappresentante del centro-destra francese negli ultimi dieci anni, si è definitivamente convertito al trasformismo. Con un nome nuovo di zecca, Les Républicains (I Repubblicani), il partito neogollista si prepara a fare da trampolino per il ritorno all’Eliseo di Nicolas Sarkozy.

Più di un anno fa nessuno avrebbe scommesso sul ritorno in scena dell’ex Presidente della Repubblica. E, invece, Sarkozy è riuscito a riconquistare la testa del suo partito, l’UMP, e a imporgli un nuovo nome, “I Repubblicani”.

Così il “Messia” Sarkozy ha inscenato la rinascita del suo partito: un nuovo nome per far dimenticare tutti gli scandali che negli ultimi anni hanno macchiato irrimediabilmente la sua reputazione e quella del suo partito. Rinascere come una fenice dalle proprie ceneri, questo l’ambizioso piano di Sarkozy. Gallina vecchia fa buon brodo, così sperano i suoi sostenitori.

Pubblicità
Pubblicità

L’ex Presidente è tornato, più demagogico che mai. Ieri a Parigi, nel suo primo discorso da segretario dei “Repubblicani”, il leader conservatore ha lanciato davanti a una folla di 20.000 militanti un durissimo attacco alla sinistra. “Non amate la Repubblica, l’avete consegnata a minoranze attive e clientele elettorali”, ha tuonato Sarkozy. Per capire quali sono le “minoranze e clientele” a cui i socialisti avrebbero svenduto la Francia, basta attendere la continuazione del suo intervento.

La sinistra “si mette tanto d’impegno a distruggere la scuola” e “a discreditare la famiglia”, ha affermato Sarkozy. Il primo riferimento è alla riforma della scuola recentemente presentata dai socialisti e criticata dai conservatori perché, proponendo una riduzione delle ore di storia, minaccerebbe il senso di appartenenza alla nazione francese. Il secondo riferimento è, invece, ai matrimoni gay, legalizzati nel 2013 con Hollande.

Con queste parole Sarkozy, che ha anche recentemente sostenuto una linea dura in tema di laicità nelle scuole, conferma di aver scelto la via del populismo. Altro che “Repubblicani”: lasciandosi guidare da Sarkozy, gli ormai ex-UMP abbracciano una retorica che mette in pericolo le fondamenta stesse della Repubblica francese.

Pubblicità
Pubblicità

Libertà, fraternità, uguaglianza. Che fine hanno fatto i valori e gli ideali della Repubblica? Gli attentati alla redazione di Charlie Hebdo e al supermercato kosher di Vincennes hanno colpito il cuore del Paese. La Francia deve ritrovare sé stessa: il modello che ambisce a trasformare ogni francese in un repubblicano orgoglioso ha dimostrato di poter produrre anche dei terroristi. Èvero, si tratta di una piccola minoranza, ma è comunque una minoranza nata e cresciuta in Francia.

Le spiegazioni a questo fenomeno sono molteplici e complesse. Tuttavia, è evidente che la rigidità con cui le autorità francesi distinguono tra stato e religione mal si adatta ai caratteri della “nuova” società francese, in cui il numero degli immigrati continua a crescere. Il sacrosanto principio di laicità dello stato è stato, infatti, trasformato in principio dell’intromissione e della sorveglianza dello stato. Lo sforzo con cui lo stato francese si è impegnato a rimuovere tutti gli elementi religiosi dalla sfera pubblica ha assunto sempre di più un sapore autoritario e intransigente.

La retorica intransigente e opportunista di Sarkozy rischia di indebolire ulteriormente i socialisti al potere, già di per sé impotenti di fronte all’avanzata del Front National, l’estrema destra che fa sognare ai francesi una nazione che si ripiega su sé stessa. Una Francia dove i confini saranno di nuovo chiusi, dove globalizzazione ed euro devono essere fronteggiati e dove tutti gli stranieri che non sono turisti farebbero meglio a non entrare.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza