Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

Il ritorno di El Shaarawy, la rivincita di Gasperini, l’attesa per il derby romano

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

 

Leggenda, vittoria e antico blasone: l’incontro tra Milan e Torino rammenta le gesta epiche degli eroi.

Da una parte vi sono i giganti, gli invincibili caduti sulla collina di Superga, dall’altra i paladini rossoneri di fine anni sessanta sotto la guida romantica e appassionata di Nereo Rocco.

Pubblicità
Pubblicità

La sfida di oggi è sotto il segno del rimpianto, dimessa e sottotono, senza gli entusiasmi delle gloriose dispute dal passato. La società di Via Aldo Rossi è alle prese con l’incertezza del futuro, tra cordate e passioni estere, vere o presunte.

Il sodalizio di Via Arcivescovado è alla ricerca del sogno, della dimensione sovranazionale, la chiave di volta per accedere nel club riservato e ristretto della corte di prestigio.

La vittoria più larga degli ospiti (0-7) risale alla stagione 1949-1950 con il poker di Nordhal, doppietta di Burini e rete di Liedholm.

Pubblicità
Pubblicità

Nel capoluogo lombardo, per gli amanti delle statistiche, si son giocati 68 incontri tra il Diavolo e il Toro. I rossoneri possono vantare 39 vittorie, i granata 11, mentre i pareggi sono 18.

I posteri del “Grande Torino” non vincono sotto le guglie della Madonnina dal marzo 1985: Milan-Torino (0-1) con la rete dell’austriaco Walter Schachner. In quell’anno i granata guidati a bordo campo dal brianzolo Gigi Radice giungono al secondo posto nella graduatoria finale dietro il mitico Verona di Osvaldo Bagnoli, il mago della Bovisa.

Dopo lo storico successo, sono 12 le vittorie rossonere e 6 pareggi.

Il condottiero Giampiero Ventura ha sfidato 11 volte il Milan in serie A collezionando 2 vittorie, 5 sconfitte e 4 pareggi.

Nel match di andata all’Olimpico finisce in parità (1-1) con le reti di Jeremy Menez e Kamil Glik.

Cinquanta sono le reti realizzate e quarantanove quelle subite dai rossoneri. Quarantatré sono i gol all’attivo e quarantadue quelli al passivo per i granata. Le due compagini si presentano rispettivamente all’undicesimo posto (a quota 46 punti) e al nono posto (51 punti) con residue speranze per un piazzamento in Europa League.

Il percorso della squadra di Filippo Inzaghi è caratterizzato da undici vittorie, tredici pareggi e otto sconfitte; per gli undici di Giampiero Ventura sono tredici gli incontri vincenti, dodici sono i pareggi e undici le disfatte.

Il migliore realizzatore in Casa Milan è il francese Jeremy Menez con sedici centri, per il Torino è il nostrano Fabio Quagliarella con tredici timbri.

Oltre il fascino e l’amarcord, domenica 24 maggio ore 20.45, si celebra allo stadio Giuseppe Meazza l’incontro di cartello tra Milan e Torino.

La serata meteo a San Siro è pregevole, il cielo di color pastello è sereno dopo una giornata soleggiata, la temperatura misurata di venti gradi centigradi. Il manto erboso del catino meneghino si presenta in buone condizioni.

Il fischietto dell’incontro è affidato al trentasettenne Paolo Valeri, nato a Roma il 16 maggio 1978, appartiene alla sezione AIA della capitale (Roma 2).

L’arbitro romano esercita la libera professione; sul green gli assistenti sono Stallone e Longo. Il quarto uomo è Bianchi. I giudici di linea sono Doveri e Mariani.

La guida tecnica di Milanello disegna il modulo 4-3-3 con Abbiati a protezione della rete. La difesa composta da Zaccardo, Alex, Paletta e Bocchetti; in mediana il muro del diavolo disposto con Poli, De Jong e Van Ginkel; in attacco, il trittico assemblato con Honda, Pazzini ed El Shaarawy.

La guida tecnica di Corso Unione Sovietica sceglie il modulo 3-5-2 con Padelli in porta. In difesa Darmian, Glik e Moretti; a centrocampo Bruno Peres, Vives, Gazzi, El Kaddouri e Molinaro; in attacco Martinez e Amauri.

La disputa tra i lombardi e piemontesi finisce con la vittoria dei rossoneri (3-0).

La squadra di Filippo Inzaghi nell’ultima partita casalinga della stagione ritrova (dopo la sconfitta esterna con il Sassuolo) il successo interpretando una prestazione tonica e di carattere.

Nella circostanza capitan Pazzini e compagni si regalano tre punti per l’onore e la lode in un torneo avaro di obiettivi sensibili ed emozioni rossonere.

Stephan El Shaarawy, “il faraone”, sblocca il risultato con una conclusione magistrale dopo un sontuoso palleggio al limite dell’area di rigore intercettando un cross di Zaccardo (al minuto 18).

Il bis dei “casciavit” matura su calcio di rigore decretato dall’arbitro Valeri per un fallo di Molinaro su Van Ginkel. Sul dischetto si presenta Giampaolo Pazzini che trasforma il penalty (al minuto 57). Per l’attaccante di Pescia è il goal numero 100 in serie A.

A chiudere il match ci pensa El Shaarawy che beffa con una magia il portiere Padelli ben servito da Van Ginkel (al minuto 65).

Ventisette sono le reti realizzate nella trentasettesima giornata di serie A. Tre, sono le vittorie tra le mura amiche (Juventus, Genoa e Milan), tre sono quelle in trasferta (Fiorentina, Sassuolo, Cagliari), tre sono i pareggi (Empoli-Sampdoria, Chievo-Atalanta e Parma-Verona).

Palermo-Fiorentina (2-3). Allo stadio Renzo Barbera si celebra il festival del goal della domenica; un confronto pirotecnico tra i rosanero di Giuseppe Iachini e il team di Vincenzo Montella.

Novanta minuti avvincenti, un’altalena di emozioni, l’addio di Dybala che saluta il pubblico dell’isola, rappresentano i fotogrammi messi in scena nel pomeriggio siciliano.

Gli ospiti rompono l’inerzia del gioco con la splendida marcatura dello sloveno Josip Ilicic (ex di turno) che trafigge con un mancino il portiere Sorrentino (al minuto 23).

Il croato Mato Jajalo riequilibra lo score con un fendente che s’infila all’incrocio dei pali della porta difesa da Neto (al minuto 26).

In seguito, la “zampata” di Alberto Gilardino che corregge un tiro di Mati Fernandez riporta avanti la Viola (al minuto 33) che è raggiunta da Luca Rigoni (al minuto 69).

Infine, Marcos Alonso guida la vittoria dei toscani con un preciso sinistro, dopo una sponda di Gilardino (al minuto 78).

Empoli-Sampdoria (1-1). Gli azzurri di Maurizio Sarri dominano il campo per 70 minuti, poi nel finale si fanno rimontare dai liguri di Sinisa Mihajlovic.

I toscani segnano con Manuel Pucciarelli con la complicità di Maccarone (al minuto 57). Il pareggio dei blucerchiati con Samuel Eto’o (al minuto 90+1).

Chievo-Atalanta (1-1). In riva all’Adige i clivensi e la Dea si dividono la posta in palio.

Gli orobici realizzano la segnatura con Alejandro Gomez abile a sfruttare un errore difensivo di Zukanovic(al minuto 48).In seguito, Sergio Pellissier materializza la parità con un colpo di testa a due passi da Sportiello (al minuto 88).

Udinese-Sassuolo (0-1). Per la cabala sulla ruota dello stadio Friuli esce il numero tre.

E’ la terza vittoria consecutiva della squadra del patron Squinzi che corrisponde alla terza sconfitta consecutiva per gli undici del presidente Pozzo.

I neroverde di Eusebio Di Francesco espugnano la terra friulana con la rete di Francesco Magnanelli (al minuto 70).

Parma-Verona (2-2). I Ducali concretano il doppio vantaggio con Antonio Nocerino e Silvestre Varela.

Col trascorrere dei minuti sale in cattedra Luca Toni che segna una doppietta che vale un punto in classifica e il primato dei cannonieri (21 timbri) superando Tevez e Icardi (fermi a quota 20).

Cesena-Cagliari (0-1). Nell’incontro delle deluse i sardi vincono in Romagna con il goal di Marco Sau sul finire di gara (al minuto 90+1).

Genoa-Inter (3-2). Il Grifone si piazza al sesto posto (a quota 59 punti) e sogna ad occhi aperti.

Bella prova dei rossoblù che rimontano con le segnature di Leonardo Pavoletti, Maxime Lestienne e Juraj Kucka il doppio vantaggio iniziale siglato da Mauro Icardi e Rodrigo Palacio.

Juventus-Napoli (3-1). I campioni d’Italia superano di slancio la squadra di Rafa Benitez dopo una gara combattuta.

Per i bianconeri segnano Roberto Pereyra, Stefano Sturaro e Simone Pepe (su calcio di rigore).

I Partenopei realizzano la rete con David Lopez che riprende una respinta di Buffon dopo un tiro dal dischetto di Insigne.

Per chiudere la giornata di campionato si attende il posticipo del tardo pomeriggio di lunedì, il derby capitolino, tra Lazio e Roma (18.00).  {facebookpopup}

 

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento8 ore fa

Marmolada, proseguono le ricerche. Draghi a Canazei: «Grazie agli operatori per la loro generosità, professionalità e coraggio»

Val di Non – Sole – Paganella8 ore fa

Giovani “parcheggiatori” cercansi a Castel Thun

Fiemme, Fassa e Cembra9 ore fa

Strage Marmolada: era davvero impossibile da prevedere?

Piana Rotaliana10 ore fa

Nuovo calendario di raccolta rifiuti (secco e umido) a Mezzocorona

Val di Non – Sole – Paganella10 ore fa

Fango e detriti sulla SP67 dopo il temporale: intervengono i Vigili del Fuoco di Campodenno

Alto Garda e Ledro10 ore fa

Ad Arco la festa per il 50° anniversario del record di Renato Dionisi

Trento11 ore fa

Strage Marmolada, Facchini (Sat): «Vanno cambiati i modelli di sviluppo»

Rovereto e Vallagarina11 ore fa

Rovereto si risveglia indifesa e fragile: il grido d’allarme degli imprenditori: «Le Istituzioni preposte facciano qualcosa»

Fiemme, Fassa e Cembra11 ore fa

Strage Marmolada: i nomi delle prime vittime

Trento11 ore fa

Coronavirus: risalgono i ricoveri. In Trentino 4.647 persone in quarantena

Fiemme, Fassa e Cembra12 ore fa

Marmolada: sale a 8 il numero delle vittime, cala quello dei dispersi

Trento12 ore fa

Gardolo: ancora violenza e scontri fra stranieri

Trento13 ore fa

Difensore civico, crescono gli interventi. Temi “caldi”: il diritto di accesso agli atti e la sanità, Covid in testa

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Successo per la prima edizione del Torneo di calcio tennis di Cles

Fiemme, Fassa e Cembra13 ore fa

Crollo Marmolada – Ghiaccio Bollente, WWF: dati e analisi disponibili da tempo, manca azione

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi4 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Telescopio Universitario4 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Alto Garda e Ledro4 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento4 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Italia ed estero4 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Politica3 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento – Ucraina, accolte le prime due studiose

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Rovereto, continuano gli atti vandalici: prese di mira le auto parcheggiate

Politica3 settimane fa

Claudio Cia: «Patt è solo l’ombra del suo passato e pronto a mettersi con tutti per il potere»

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Fausto Iob è stato ucciso, arrestato il presunto colpevole

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza