Connect with us
Pubblicità

La Sfera e lo Spillo

“Double” bianconero: tricolore e Coppa Italia, battuta la Lazio (2-1)

 

La notte capitolina si colora di bianconero, i campioni d’Italia alzano al cielo il secondo trofeo e sognano un finale stagionale da gladiatori, protagonisti anche sul palcoscenico internazionale.

Pubblicato

-

 

La notte capitolina si colora di bianconero, i campioni d’Italia alzano al cielo il secondo trofeo e sognano un finale stagionale da gladiatori, protagonisti anche sul palcoscenico internazionale.

La Vecchia Signora interpreta la prova magistrale per la finale di Champions League che si giocherà il prossimo 6 Giugno all’Olympiastadion di Berlino contro il temibile Barcellona di Lionel Messi.

Pubblicità
Pubblicità

E’ la 67esima edizione della Coppa Italia e prima della disputa le due contendenti possono vantare un palmares contraddistinto da 15 trofei, 9 le vittorie piemontesi, 6 quelle laziali.

I bianconeri dopo aver vinto il quarto tricolore consecutivo provano a vincere la coppa nazionale che manca dalla bacheca sabauda dagli anni novanta.

Corre, infatti, l’anno 1995 e la Juve supera, nel doppio confronto, il Parma di Nevio Scala.

Pubblicità
Pubblicità

All’andata i bianconeri allenati da Marcello Lippi s’impongono a Torino di misura (1-0) con la rete di Porrini, al ritorno allo stadio Ennio Tardini vincono “all’Inglese” (0-2) con le reti di Porrini e Ravanelli.

E’ recente l’ultima vittoria per gli aquilotti allenati all’epoca da Vladimir Petkovic; il match risale al 26 maggio 2013. L’avversario è la Roma di Aurelio Andreazzoli nella finale unica giocata all’Olimpico.

Nel derby lo score è favorevole ai biancazzurri (0-1), il goal della vittoria porta la firma del bosniaco Senad Lulic.

I due condottieri, Stefano Pioli e Massimiliano Allegri, non hanno mai vinto la competizione, nemmeno nella veste di giocatori.

Il tecnico del sodalizio di Via Santa Cornelia è un ex, Stefano indossa la maglia della Juventus dal 1984-1987, giocando in totale 57 partite nella squadra vincente di Le Roi, Michel Platini.

Scopriamo in archivio che entrambi gli allenatori hanno un passato sulla panchina del Sassuolo del patron Squinzi.

Mercoledì 20 maggio ore 20.45, si gioca allo Stadio Olimpico della capitale la contesa tra SS Lazio e Juventus FC.

Nella sera di gala è presente nell’ampio parterre delle autorità, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Il fischietto dell’incontro è affidato al trentanovenne, di Schio, Daniele Orsato.

Per la cabala e gli amanti dei ricorsi storici, il direttore di gara veneto dirige la già citata partita del 2013 (Roma-Lazio) che decreta l’ultima vittoria, il volo dell’aquila nella competizione nazionale.

L’uomo nato a Montecchio Maggiore detiene il singolare record di aver arbitrato le ultime tre finali del torneo.

L’arbitro vicentino esercita la professione di elettricista. Sul green gli assistenti del “tecnico impiantista” sono Faverani e Stefani. Il quarto uomo è Tagliavento. I giudici di linea sono Banti e Mazzoleni.

La serata meteo al Foro Italico è frizzante, il cielo è parzialmente nuvoloso e la temperatura misurata di venti gradi centigradi.

La guida tecnica di Formello sceglie a sorpresa il modulo 3-4-2-1 con Berisha tra i pali.Il pacchetto arretrato composto da De Vrij, Gentiletti e Radu; davanti alla difesa funge da frangiflutti la quaterna, con Basta, Parolo, Cataldi e Lulic; in avanti la coppia Candreva e Felipe Anderson che supporta il puntello Klose.

La guida tecnica di Vinovo schiera il modulo 3-5-2 con Storari in porta. La difesa organizzata dai lunghi, Barzagli, Bonucci e Chiellini; sui binari esterni, Lichtsteiner ed Evra; nel reparto nevralgico del campo, si colloca il regista Pirlo, in compagnia di Vidal e Pogba; davanti, il tandem assortito, Tevez e Llorente.

Il big match termina dopo i tempi supplementari (2-1), un risultato che consente al team di Corso Galileo Ferraris di esibire nella gloriosa teca la decima coppa nazionale, staccando l’AS Roma a quota nove.

I capitolini mettono in scena una partita di assoluto valore, caratterizzata da una forte pressione e grande determinazione. I biancazzurri schierati con la difesa a tre sorprendono i Campioni d’Italia che soffrono per tutto il primo tempo.

I ragazzi di Pioli sono prestanti dal punto di vista fisico, esercitano un pressing costante sulla mediana piemontese che appare poco brillante.  

La Juve è appannata orfana di Marchisio e Morata (squalificati) non punge davanti e patisce le giocate in velocità di Radu e compagni.

A tratti la gara è nervosa ma non spigolosa, sostanzialmente corretta giocata con intensità e abilità tattica.

E’ vibrante per la posta in palio, probabilmente poco apprezzata dagli esteti del football ma che emoziona gli sportivi di cuore.

Stefan Radu sblocca l’equilibrio con un colpo di testa su un calcio piazzato battuto da Cataldi (al minuto 4). Il portiere Storari in plastico volo, sostituto di Gigi Buffon, devia senza riuscire a sventare la minaccia.

Il pareggio della “fidanzata d’Italia” è siglato con Giorgio Chiellini abile in mezza rovesciata a trafiggere Berisha dopo un calcio di punizione di Pirlo e la sponda di Evra (al minuto 11).

L’ingresso di Pereyra e Matri da una parte e Djordjevic dall’altra alimentano le giocate e le emozioni.

La rete della vittoria è di Alessandro Matri che con un fendente destrorso gonfia la rete dopo che Mauricio s’immola su tiro di Tevez (al minuto 97).

I migliori in campo sono Radu, Parolo e Cataldi per gli aquilotti mentre per i sabaudi la palma dei primi della classe deve essere attribuita alla difesa con Barzagli e soprattutto Chiellini, poi merito al goleador di serata Matri, deciso e decisivo.

Emanuele Perego             www.emanueleperego.it              www.perego1963.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza